Questo sito contribuisce all'audience di


LA COSTITUZIONE ITALIANA

Mercoledì 4 aprile a Roma alle ore 14.30 presso la Sala Igea di Palazzo Mattei di Paganica (piazza della Enciclopedia Italiana 4) verranno presentati i volumi La Costituzione italiana. Commento articolo per articolo curati da Francesco Clementi, Lorenzo Cuocolo, Francesca Rosa e Giulio Enea Vigevani (il Mulino, 2018).

   
La Costituzione della Repubblica Italiana è la legge fondamentale dello Stato italiano e occupa il vertice della gerarchia delle fonti nell'ordinamento giuridico della Repubblica. Approvata dall'Assemblea Costituente il 22 dicembre 1947 e promulgata dal capo provvisorio dello Stato Enrico De Nicola il 27 dicembre seguente, fu pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 298, edizione straordinaria, dello stesso giorno, ed entrò in vigore il 1º gennaio 1948.
Il testo consta di 139 articoli divisi tra Parte prima (Principi fondamentali e Diritti e doveri dei cittadini), Parte seconda (Ordinamento della Repubblica) e di 18 disposizioni transitorie e finali ed è stato oggetto sinora di molteplici revisioni costituzionali, con cui si è provveduto ad integrare ed aggiornare il testo originario (Revisione costituzionale). Tra queste si segnala, in particolare, la revisione integrale del titolo V della parte II della Costituzione, relativa alle autonomie territoriali, operata con la l. cost. n. 3/2001; mentre, per altro verso, nessuna delle proposte formulate sin dagli anni ottanta del Novecento per modificare la forma di governo (Forme di Stato e forme di governo) ha trovato il consenso del Parlamento e/o del corpo elettorale, come dimostrato, da ultimo, dalla reiezione del referendum costituzionale del 2016 (Revisione costituzionale).


La presentazione dei due volumi (uno relativo ai Principi fondamentali e alla Parte prima; l’altro alla Parte seconda e alle Disposizioni) è organizzata dall’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani e dalla casa editrice il Mulino. Interverranno, oltre ai curatori, Giuliano Amato, Giuditta Brunelli, Tommaso Edoardo Frosini e Massimo Luciani.