MELENCOLIA | Treccani, il portale del sapere
Questo sito contribuisce all'audience di


MELENCOLIA

Lunedì 11 giugno a Roma alle ore 17.00 presso la Sala Igea di Palazzo Mattei di Paganica (piazza della Enciclopedia Italiana 4) verrà presentato il romanzo di Stefano Rizzo Melencolia (Mincione Edizioni, 2017).  


Nei primi anni '70 un giovane ricoverato dopo una grave operazione trascorre le sue giornate assistendo ai tanti piccoli fatti quotidiani dell'ospedale, che nel suo delirio febbricitante si intrecciano con i ricordi del passato e con le immagini che emergono dai sogni, confondendosi con la realtà. La sua vicenda si intreccia a quella di un giovane studioso di filosofia che nell'aprile del 1968, dopo una notte insonne, seguita all'assassinio di Martin Luther King, si aggira per la città, ricevendo una serie di premonizioni. I piani della narrazione si congiungono episodicamente e finiscono con l'intrecciarsi fondendo sogno, presente e passato, in una mescolanza inquietante, che segna un nuovo inizio riconciliato e liberato dalla paralisi della memoria e dall'angoscia del presente. Un affresco dell'America della fine degli anni '60, prima di precipitare nella regressione e nel Watergate, sul cui sfondo è sempre presente l'enigmatica Melencolia I di Albrecht Dürer che, assieme alle altre litografie del periodo, costituiscono il filo interpretativo della storia.


Stefano Rizzo è nato a Torino nel 1946 ed ha passato l'infanzia e l'adolescenza tra la stessa Torino, Viareggio e Pisa. Nel 1963 si è trasferito negli Stati Uniti dove ha soggiornato fino al 1969 laureandosi al City College of New York. A Roma dopo il 1969 si è laureato in filosofia e ha insegnato per alcuni anni letteratura angloamericana presso l'Università "La Sapienza". Negli anni '70 e '80 ha svolto una intensa attività di traduttore per svariati editori (da segnalare le sue traduzioni di Bob Dylan, di cui fu il primo traduttore in Italia, e di Marshall McLuhan). Dal 1977 al 2011 è stato funzionario (consigliere parlamentare) della Camera dei deputati. In qualità di giornalista ha scritto diverse centinaia di articoli di politica e cultura americana e di politica internazionale pubblicati su svariati periodici a stampa e online (Europa, Left, Aprileonline, Aprile, Carta, PaneAcqua, Terra). Dal 2008 al 2012 ha insegnato relazioni internazionali presso la Facoltà di scienze politiche, sociali e della comunicazione dell'Università "La Sapienza" di Roma. Per la saggistica ha ricevuto nel 2007 il Premio Estense di giornalismo e per la narrativa è stato prescelto nel 2005 tra i finalisti del Premio della Società lucchese dei lettori.


Alla presentazione, organizzata dalla Treccani e dalla casa editrice Mincione, interverranno Claudia Cieri Via, Giorgio Patrizi e Benedetta Bini.