MASCHERE DI GUERRA, NUOVA WEB-SERIE DELLA TRECCANI

Santamaria, Placido, Crescentini e Muroni per il centenario della Grande Guerra

La web-serie Maschere di guerra, scritta e diretta dall’autore ferrarese Giuseppe Muroni, è l’ultimo capitolo di una trilogia della memoria iniziata nel 2015 con Voci di R-esistenza e proseguita, lo scorso anno, con L’ultimo grido, a 80 anni dalle Leggi razziali. Tanti i volti del cinema italiano che si sono prestati per narrare i periodi più delicati del Novecento: Giorgio Colangeli, Stella Egitto, Francesca Valtorta, Stefano Muroni, Monica Guerritore, Francesca Inaudi e Francesco Montanari.

Il nuovo capitolo, prodotto dalla Enciclopedia Italiana Treccani con la collaborazione di Controluce Produzione, Red Roots e la consulenza scientifica dell’Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara, narra, in occasione del centenario della Grande Guerra, storie di fanti e di gente comune legati da un evento che travolse e stravolse indelebilmente la vita di milioni di persone. Per far riemergere la trama vissuta e tragica degli eventi, Muroni si affida al fiume carsico delle lettere, dei diari, dei taccuini, delle memorie scritte a distanza di tempo.

Claudio Santamaria interpreta la figura di un medico militare che studia la malattia mentale causata dalla crudeltà e dalla spersonalizzazione della guerra moderna; Carolina Crescentini dà voce alle migliaia di crocerossine che riempirono gli ospedali di guerra per prestare soccorso ai reduci della trincea; Stefano Muroni narra le incredibili vicissitudini degli italiani di confine. Emozionante, poi, l’interpretazione di Violante Placido: ci consegna una rara testimonianza sul ‘profugato’ dei civili delle terre invase tra 1917 e 1918 raccontando l'esperienza di profuga a Vittorio Veneto in uno scenario fatto di bombardamenti, violenze e fame.

La pubblicazione della web-serie, nella sezione Web-TV del portale Treccani (www.treccani.it/magazine/webtv/) è iniziata mercoledì 24 ottobre e proseguirà con cadenza settimanale fino al 14 novembre.

0