PRENDERSI CURA

Sabato 15 dicembre a Roma alle ore 15.30 presso la Sala Igea di Palazzo Mattei di Paganica (piazza della Enciclopedia Italiana 4) si terrà il primo seminario del ciclo dedicato al tema Prendersi cura. L’iniziativa è organizzata dalla Treccani e dalla Società Psicoanalitica Italiana.


A partire dalla definizione della parola “cura” (dal Vocabolario Treccani, «interessamento solerte e premuroso per un oggetto, che impegna sia il nostro animo che la nostra attività»), il percorso di seminari intende avviare una riflessione sul tema. In un momento storico caratterizzato da nuovi sistemi di comunicazione, dallo spiazzamento provocato dalle nuove tecnologie, che comportano trasformazioni profonde nel vissuto delle relazioni, da nuove strutture familiari che si sforzano di delineare nuovi ruoli, dalla traumaticità degli eventi di guerre e capovolgimenti sociali, dalla folla dei migranti che cercano di fuggire da situazioni insostenibili, è necessario ridefinire il concetto di cura e conseguentemente quello di guarigione. Possiamo ancora usare la parola “cura”? Siamo in grado di prenderci cura dell'altro e prima ancora di individuarlo come soggetto bisognoso, che richiede la presa in carico delle sue necessità? Se prendersi cura significa analizzare e farsi carico responsabilmente di eventi di crisi all'interno di un individuo o di un gruppo sociale, dobbiamo essere in grado di misurare l’intervento non solo nei termini usuali della guarigione o del risultato, quanto soprattutto in quelli della "crescita", dell'evoluzione della situazione e delle trasformazioni che genera.


Perché la psicoanalisi possa fornire, oltre ad un'analisi appropriata, una risposta adeguata a questi nuovi fenomeni, dialogando con le nuove forme di vita senza negarne la diversità e cercare di ridurle alle patologie già conosciute, c'è bisogno di un apparato psicoanalitico sensibile ai nuovi interrogativi, che misuri la sua identità sulla novità delle problematiche che ha di fronte. Non chiuso nella stanza d'analisi e che consideri come suo setting il nuovo territorio che si sta delineando. Il ciclo di incontri si propone di approfondire queste ed altre problematiche, in un dialogo tra psicoanalisi ed altre discipline, affiancando ogni volta due relazioni che affrontino il tema oggetto del seminario da diversi punti di vista.


Al primo incontro interverranno Lorena Preta, Andrea Baldassarro e Roberto Esposito, il quale terrà una conferenza su Negazione e condivisione.

0