Icona_Motore-di-ricercaMotori di Ricerca Banche dati
  Biblioteche Meteo
 

“Qualcun altro” è da considerare la forma corretta?

Giovanni Orengo

La domanda lascia trasparire il corno di un’implicita alternativa: … rispetto a “qualcun altro”? La risposta è che qualcun altro è effettivamente la forma corretta. Non siamo infatti in presenza di elisione (cioè della perdita della vocale finale non accentata di una parola davanti alla vocale iniziale della parola seguente), normalmente segnalata dall’apostrofo nella lingua scritta, bensì di troncamento o apocope.

Il troncamento consiste nella caduta di un elemento fonico in fine di parola, indipendentemente da come cominci quella successiva, e può essere o non essere segnalato dall’apostrofo (la situazione varia da parola a parola sottoposta a troncamento). Esistono casi di troncamento obbligatori e altri facoltativi. Ci può essere troncamento di una sillaba (gran per grande) o di una vocale (signor per signore, qualcun per qualcuno). Perché si possa avere l’apocope vocalica devono essere soddisfatte alcune condizioni: 1. La vocale interessata deve essere atona (cioè non vi deve cadere sopra l’accento tonico) e diversa da a (come nel caso di qualcuno), anche se la i e la e non sono soggetti a troncamento quando contrassegnano una forma plurale (non si può dire o scrivere *i buon padri o le buon madri); 2. La consonante che precede la vocale finale deve essere l, r, n (come nel caso di qualcuno) o m.
 

UN LIBRO

Silenzi d’autore

Bice Mortara Garavelli

Dalla letteratura alla storia al rapporto con l’eterno (nella duplice prospettiva del silenzio di Dio e del silenzio degli uomini nei fatti di Dio); dal dicibile letterario all’indicibile storico all’inesprimibile metastorico: una parabola ampia e articolata destinata a sollevare molti spunti di riflessione.

TAG