Icona_Motore-di-ricercaMotori di Ricerca Banche dati
  Biblioteche Meteo
 

“Avremmo” o “avremo”, “verremmo” o “verremo”, “dovremmo” o “dovremo”? Al condizionale presente raddoppiano la “m”, ma quando non raddoppiano?

Le prime forme citate sono in effetti quelle della prima persona plurale del condizionale presente dei verbi avere, venire, dovere. Le seconde forme sono quelle della prima persona plurale dell’indicativo futuro dei medesimi verbi citati.
 
Prendiamo il verbo avere: quali forme hanno una m sola, oltre ad avremo? Se questa è la domanda, ecco qua: abbiamo (prima persona plurale indicativo presente, congiuntivo presente, imperativo presente); avevamo (prima persona plurale indicativo imperfetto); avessimo (prima persona plurale congiuntivo imperfetto).
 
Verbo venire, oltre a verremo: veniamo (prima persona plurale indicativo presente, congiuntivo presente, imperativo presente); venivamo (prima persona plurale indicativo imperfetto); venissimo (prima persona plurale congiuntivo imperfetto).
 
Verbo dovere, oltre a dovremo: dobbiamo (prima persona plurale indicativo presente, congiuntivo presente; imperativo presente – in usi assoluti –); dovevamo (prima persona plurale indicativo imperfetto); dovessimo (prima persona plurale congiuntivo imperfetto).
 
Con due m, invece, la prima persona plurale dell’indicativo passato remoto: avemmo, venimmo, dovemmo.

UN LIBRO

Cuntedes de paroles. Storie di parole

Nicola Dal Falco e Marco Forni

Trentatré parole, come i boccioli della scala mistica bizantina, sono contenute in questo originale percorso sul doppio binario italiano/ladino gardenese, che mira a far fiorire dall'etimologia e dalla semantica gli stupori del viaggio di esplorazione

TAG