Icona_Motore-di-ricercaMotori di Ricerca Banche dati
  Biblioteche Meteo
 

DOMANDE E RISPOSTE: Varie

Come si chiama il pallino rosso sulla fronte di alcune donne indiane?
Da quando c'è l'abitudine di gettare i coriandoli a Carnevale?
Dalle nostre parti (nel perugino) si usa spesso la parola mannaggia o mannaccia: da che cosa deriva?
Dei miei lontani parenti abitano in una località vicino a Novafeltria, nella provincia di Pesaro-Urbino, che si chiama La Gaggia. Anche se di gaggie, cioè di acacie, non c'è quasi l'ombra, il più vecchio della famiglia sostiene che ai tempi dei tempi lì era pieno di gaggie, da cui il nome del posto. E' così?
Desidererei conoscere il significato e l'origine del nome "Venaria" ("Venaria reale", il castello dei Savoia) e se si dice "Venària" o "Venarìa".
Desidero sapere i vari significati della parola "brochure" e le sue applicazioni professionali.
Dove nasce il segno delle lettere della lingua italiana?
E' possibile sapere da dove viene la parola romanesca "appennicarsi"?
E' vero che l'etimologia di Polesella (in provincia di Rovigo, dove abito) è la stessa di Polesine, cioè dal latino "pullus" che vuol dire "germoglio"?
Forse non c'entra con le vostre ricerche, ma perché nei nostri mass-media tutto "scatta" e mai nulla "inizia", "comincia", "viene applicato per la prima volta" ecc.? Scattano gli aumenti, le nuove tariffe, l'esodo estivo... Ho sentito perfino "è scattato il ponte di primavera". È giusto? Vogliamo parlarne?
Gradirei che mi spiegaste la differenza tra "assieme" e "insieme".
Gradirei sapere da che lingua deriva la parola "Spedali Civili" che è l'azienda ospedaliera della mia città.
Ho avuto ospiti a casa degli amici di Savona. Una sera uno di loro si è rivolto ai bambini che stavano giocando e facevano baccano dicendogli: "Cos'è tutto questo ambaradan? Datevi una calmata!". Non avevo mai sentito la parola "ambaradan" e gli amici hanno detto che è una parola del loro dialetto. Vorrei saperne qualcosa di più.
Ho letto con interesse la vostra risposta alla questione posta dalla signora Del Vecchio, a proposito dei nomi delle borgate romane di Vitinia e Acilia. Restando nel campo delle denominazioni di luoghi, vorrei chiedervi in generale qual è il peso dell'ideologia politica nell'assegnazione dei nomi alle vie, alle piazze, ecc. Io abito a Roma a due passi da Piazzale dei Partigiani...
Ho letto sul giornale che i barbieri e i parrucchieri non si chiamano più così ma per legge d'ora in avanti si chiameranno acconciatori e acconciatrici. Perché, non andavano più bene quei nomi?
1
|
2
|
3

UN LIBRO

La lingua della radio in onda e in rete

Enrica Atzori

La struttura del volume è chiara e lineare: dopo un’iniziale panoramica, sintetica ma ricca di dati, sulla suddivisione attuale delle concessioni, l’autrice passa in rassegna tutti i generi testuali radiofonici, per poi procedere a un’analisi linguistica svolta su tre livelli, coincidenti con i vari fronti operativi della radiofonia contemporanea: i programmi radiofonici più seguiti, le loro estensioni su Facebook (post) e i commenti dei likers a questi contenuti.