Icona_Motore-di-ricercaMotori di Ricerca Banche dati
  Biblioteche Meteo
 

Desidererei conoscere il significato e l'origine del nome "Venaria" ("Venaria reale", il castello dei Savoia) e se si dice "Venària" o "Venarìa".

Fabiana Cacciatori

Situata alla destra del corso del fiume della Stura di Lanzo, a nove chilometri a nord-ovest di Torino, sta la località di Venaria. Venaria si pronuncia con l'accento sulla penultima sillaba (Ve-na-rì-a). La denominazione risale al secolo XVII, quando il luogo, che confinava con La Mandria e con La Cassa, fu acquisito dai Savoia e trasformato in una riserva di caccia, al cui interno furono innalzate notevoli costruzioni (tra le quali una bella villa disegnata dall'architetto e urbanista Carlo di Castellamonte). La denominazione precedente era Altessano Superiore

Proprio perché destinato a riserva di caccia, il luogo fu ribattezzato ripescando il verbo latino venari 'cacciare, andare a caccia', con l'aggiunta del suffisso francesizzante -eria (del resto i Savoia furono più francesi che italiani per molti secoli).

UN LIBRO

Bravo!

Giuseppe Patota

Una causa del tutto occasionale – così sembrerebbe dalla premessa – spinge Giuseppe Patota a ricostruire la storia di bravo, aggettivo tanto diffuso, quanto insospettabilmente complesso nei risvolti semantici a cui l’uso, nei secoli, l’ha di volta in volta piegato.

TAG