REGISTRATI Chiudi
i classici italiani
Giacomo Leopardi
Introduzione
Biografia
Voci Enciclopediche
Bibliografia
Luoghi e Cronologia

"Storia di un’anima". Così Leopardi stesso scrive della sua opera, testimonianza immensa dell’uomo, del suo spirito errante, alla ricerca, nel silenzio del mondo, di una voce che infine sappia svelare il senso nascosto delle sorti umane. Nel mistero del cosmo ecco l’uomo interrogare la natura, madre e nemica ad un tempo, e se medesimo sulle origini della propria miseria.

L’io lirico protagonista di canti, idilli, canzoni, dialoghi e diari è infelice perché la storia, la civiltà lo hanno privato della quiete fittizia dell’illusione, di quel "caro immaginar" e di quel "dolce rimembrar" che accoglievano lo spirito nelle correnti sicure della fantasia. È la fase del "pessimismo storico". L’infelicità poi diventa condizione esistenziale radicata ab origine nell’essenza umana: l’uomo desidera più di quanto non possa mai ottenere. Il "pessimismo cosmico" porta Leopardi all’impegno civile, oltre che etico e sociale, di cambiare la società affinché questa sappia soccorrere l’individuo anziché negarlo.

Marco Maggi interpreta la poesia leopardiana, dapprima "seria e sospirosa" più tardi "seria e malinconica", come "parola raccolta nella sua nudità". Parola che vive, parafrasando la celebre lezione di Ungaretti, "nello spazio infinito dell’assenza", della rimembranza e del sogno, poli estremi che uniscono il presente di "questa siepe", e l’orizzonte ulteriore di "quello infinito silenzio". "Tutti i tempi e tutti i luoghi" saranno poi lo scenario sconfinato delle Operette morali, universale "commedia" sull’assurdità dell’esistenza.

Il contributo di Cesare Annibaldi ricorda invece il fondo anticonformista e meno conosciuto del pensiero di Leopardi, poeta vicino ai giovani e sempre aperto a un rifiuto radicale della società.

"E fango è il mondo". Il Novecento ritorna soprattutto alla fatica e all’audacia del Leopardi pensatore sovrastorico, capace di affrontare le sorti di dissipazione del genere umano e d’inoltrarsi "nel silenzio apocalittico alla fine di tutto". Questa "concentrazione sul nulla", sul mondo moderno senza luce, vuoto, oscuro, sarà posizione metafisica da cui partiranno molte nuove, novecentesche, "storie di anime", di poeti e scrittori: Derek Walcott, Charles Wright, Philippe Jaccottet, Yves Bonnefoy e Guido Morselli.

Leopardi, Giacomo. - Poeta (Recanati 29 giugno 1798 - Napoli 14 giugno 1837). Tra i massimi scrittori della letteratura italiana di tutti i tempi, nella sua opera risulta centrale il tema dell’infelicità costitutiva dell’essere umano, intesa come legge di natura alla quale nessun uomo può sottrarsi. Lo Zibaldone di pensieri  (pubbl. col tit. Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura, 7 voll., 1898-1900) e soprattutto l'Epistolario (a cura di P. Viani, 1849; a cura di F. Moroncini e G. Ferretti, 7 voll., 1934-41) vanno considerati non solo come documenti indispensabili per l'interpretazione dell'anima e della poesia di L., ma come opere d'arte a sé stanti che, insieme con le Operette morali (1ª ed. Milano 1827), lo pongono anche tra i maggiori prosatori italiani.
Vita e opere. Primo dei cinque figli di Monaldo e di Adelaide Antici. Nonostante che la madre fosse poco espansiva e piuttosto rigida e il padre distratto dai suoi studî, la prima fanciullezza di L. fu lieta, soprattutto per la compagnia dei fratelli Carlo e Paolina, di soli uno e due anni più giovani. Sotto la guida di istitutori privati e del padre medesimo, che avrebbe inizialmente emulato e del quale avrebbe assecondato le ambizioni con un "grandissimo, forse smoderato e insolente desiderio di gloria", si avviò precocemente agli studî, all'età di undici anni riuscendo tra l'altro a tradurre il I libro delle Odi di Orazio e scrivendo a quattordici due tragedie, La virtù indiana e Pompeo in Egitto. Nello stesso 1812 abbozzò un'erudita Storia dell'astronomia, e nel 1815 il Saggio sugli errori popolari degli antichi; ma l'adolescente molto altro tradusse e scrisse, di poderosa filologia ed erudizione. Era cominciato il periodo di sette anni, come egli stesso disse, di "studio matto e disperatissimo" nel chiuso della ricca biblioteca paterna, che gli minò la gracile complessione. Dopo aver stretto amicizia con P. Giordani (1817), che, intuendone le doti straordinarie, lo confermò nelle sue ambizioni (continuando poi di volta in volta a incitarlo e sorreggerlo), e dopo aver composto l'anno successivo l'importante Discorso di un Italiano intorno alla poesia romantica, nel 1819 attraversò un periodo di grave crisi: impeditagli dalle condizioni fisiche anche la lettura, non gli rimaneva che meditare, approdando a quella che poi chiamerà "conversione filosofica" e toccando il fondo della disperazione intellettuale e sentimentale. Dello stesso anno è un ingenuo tentativo di fuga da Recanati, facilmente sventato; dal suo "borgo" si allontanò più tardi con il consenso dei genitori per un deludente soggiorno di cinque mesi a Roma (1822-23), dove trasse conforto solo dalla stima e dall'amicizia di alcuni studiosi stranieri. Nel luglio 1825 poté finalmente stabilirsi a Milano stipendiato dall'editore A. F. Stella, per il quale pubblicò un commento a Petrarca (1826) e due crestomazie, di prose (1827) e di versi (1828), di autori italiani. Da Milano nel settembre 1826 si trasferì a Bologna sempre stipendiato da Stella; dal novembre 1826 all'aprile 1827 fu a Recanati; quindi passò di nuovo a Bologna e in giugno a Firenze e (inverno 1827-28) a Pisa, dove registrò poeticamente un "risorgimento" degli affetti. Nel novembre 1828, cessatogli ogni aiuto, dové peraltro tornare a Recanati; ormai, come egli credeva, per sempre. Ma il provvido intervento di P. Colletta, che con delicati sotterfugi lo indusse ad accettare, per un anno, un aiuto pecuniario suo e di altri collaboratori dell'Antologia di G. P. Viesseux con cui era entrato in contatto, gli permise di tornare nel maggio 1830 a Firenze, dove partecipò senza troppo calore di consensi alla fiorente vita letteraria e mondana della città. Qui conobbe A. Ranieri, con il quale, dal dicembre 1830, decise di vivere insieme e di mettere in comune le proprie risorse (dal luglio 1831 sarebbe riuscito a ottenere dalla famiglia un modesto assegno mensile). Nel marzo era stato nominato deputato di Recanati all'assemblea che dopo i moti di quell'anno si sarebbe dovuta tenere a Bologna, ma, prima ancora della repressione dei moti, la sua diffidenza nei confronti di qualsiasi illusione di rinnovamento politico gli impedì persino di accettare la nomina. Nell'ottobre 1831 L. e Ranieri partirono improvvisamente da Firenze per Roma, dove si trattennero sino al marzo 1832, quando tornarono a Firenze. L'improvvisa partenza meravigliò allora amici e parenti: oltre al desiderio di L. di accompagnare a Roma l'amico Ranieri, che vi si recava per seguire l'attrice M. Pelzet di cui era innamorato, c'era probabilmente qualche altra ragione, più personale, che ci sfugge. Certo essa non poté consistere, come più tardi si credette, nell'amore disperato per una signora fiorentina, F. Targioni Tozzetti: questo amore può ritenersi storicamente provato, ma il suo inizio è da collocare probabilmente nella primavera del 1833; esso si concluse con l'estrema delusione due anni dopo, quando già, sin dal settembre 1833, L. era a Napoli con Ranieri. A Napoli L. visse gli ultimi suoi tristi anni: scampato al colera scoppiato nell'ottobre 1836, morì qualche mese dopo per idropisia e conseguente attacco di asma. La sua salma, sottratta dal Ranieri alla fossa comune, fu tumulata a Fuorigrotta, dove più tardi fu eretto un piccolo monumento. I resti di L. furono poi trasportati nel Parco Virgiliano.
Non è esatto quel che si credeva un tempo, che gli studî eruditi e filologici di L. appartenessero alla prima giovinezza di lui e venissero ben presto abbandonati a favore della poesia: in verità L. alternò le due attività almeno sino al 1827 e fornì le prove filologiche migliori negli anni 1823-1827. Abbandonò gli studî di filologia solo nel 1830, quando consegnò i suoi manoscritti di quella materia a L. De Sinner, che aveva promesso di pubblicarli; ma anche negli ultimi anni mandava al De Sinner aggiunte a quei manoscritti, e non cessò mai di considerarli come opera di grandissimo pregio. Tali studî, specie quelli di critica testuale, lodati da B. G. Niebhur, J.-F. Boissonade, F. Nietzsche, U. von Wilamowitz, sono stati nuovamente valorizzati dalla critica più recente, che considera L. come uno dei pochissimi filologi italiani del primo Ottocento che abbia statura europea. Risale al 1816 il suo primo componimento poetico importante, la cantica Appressamento della morte; ma il 1818 è l'anno del vero inizio della sua poesia, con le due canzoni All'Italia e Sopra il monumento di Dante, alle quali è da collegare strettamente, posteriore di due anni, quella Ad Angelo Mai. Il giovane poeta s'inserisce, con accenti proprî, nella tradizione di eloquente lirica civile e morale che risaliva al Petrarca, avendo come punto di partenza prossimo gli spiriti eroici di Alfieri e del Foscolo alfieriano. Egli non vede intorno a sé che ignavia e codardia: si assume il compito di risvegliare al coraggio e all'azione gli Italiani del suo tempo immemori del loro passato. Pur obbedendo a un imperativo morale addirittura eroico, l'indignato confronto tra la nobiltà degli antichi e la moderna decadenza d'ogni virtù, anziché ispirarsi alle recenti vicende politiche, sembra piuttosto nutrito di considerazioni generalmente antropologiche e ha di mira intanto un orizzonte culturale e letterario, nel quale infatti risulta più efficace e appropriato. Insieme con quella al Mai, avrebbe voluto pubblicare, e non poté farlo per l'opposizione paterna, altre due canzoni di tutt'altro argomento allora composte (Per una donna inferma di malattia lunga e mortale e Nella morte di una donna fatta trucidare col suo portato dal corruttore per mano di un chirurgo), lasciate da L. anche in seguito fuori dei Canti, ma criticamente interessanti, poiché mostrano un poeta che già alterna ai temi civili la considerazione della privata infelicità. Allo stesso periodo risalgono anche i piccoli idilli, voce di un L. intimo e segreto, che non saranno pubblicati se non nel 1825. Tra l'ottobre del 1821 e il settembre del 1823 furono composte altre sette canzoni (Nelle nozze della sorella Paolina; A un vincitore nel pallone; Bruto minore; Alla primavera o delle favole antiche; Ultimo canto di Saffo; Inno ai patriarchi o De' principii del genere umano; Alla sua donna), che insieme alle tre precedenti L. pubblicò a Bologna nel 1824 in un volumetto di Canzoni, accompagnate da erudite Annotazioni, che ne giustificano le scelte linguistiche, invocando di volta in volta il buon senso e l'autorità della Crusca. La canzone a Paolina, che è lo sviluppo d'un abbozzo risalente forse al 1819, non è lontana nello spirito dalle prime tre, proponendosi concreti fini educativi: l'uomo superiore non deve deflettere dalle proprie convinzioni, anche se ciò gli costerà l'incomprensione o l'ostilità degli uomini comuni, cioè l'infelicità. Ma già nella canzone A un vincitore nel pallone appare il concetto che ogni meta è deludente e vana, che non c'è nessuna vera differenza tra il combattere per uno scopo che si reputa alto e il combattere per un gioco. E nella canzone cronologicamente contigua, Bruto minore, L. procede ancora oltre: la virtù non è che una "larva", una parola e non una cosa salda. Bruto riconosce che la rovina di Roma, come la morte di tutto, è una "ferrata necessità", contro cui è illusorio e vano lottare. Tuttavia, mentre l'uomo comune si consola del male quando lo riconosce necessario, l'uomo superiore non si rassegna al destino: non potendo più fare altro si uccide, e con ciò diventa vincitore nell'atto stesso d'essere vinto. Ma pochi mesi dopo L. compone L'ultimo canto di Saffo, nel quale la poetessa greca si uccide senza intenzioni di rivalsa: si riconosce vinta e, anziché maledire la vita, se ne distacca sconsolata di lasciarla senza averla goduta. Il titanismo genericamente romantico di Bruto giunge così a un passo dalla "fiera compiacenza" più specificamente leopardiana: dall'orgoglio, cioè, di avere lui solo il coraggio di affrontare l'orrido vero, di "strappare ogni manto alla coperta e misteriosa crudeltà del destino umano", di non piegare il capo a tale destino; e dall'ebbrezza di dolore che da quell'orgoglio deriva. Questo particolare titanismo, trasferito dall'azione al pensiero, sarà, con diverse modulazioni, motivo di poesia costante in L. sino alla fine, secondo un'estensione del decoro formale classicistico all'ambito etico e intellettuale.
Solo nel 1825, L. si decise a pubblicare nel Nuovo ricoglitore di Milano, con il titolo di Idilli, alcune sue poesie composte tra il 1819 e il 1821: quelle che i critici usano chiamare "i piccoli idilli", cioè (come s'intitolarono definitivamente): L'Infinito, La sera del dì di festa; Alla luna; Il sogno; Lo spavento notturno; La vita solitaria. Esse contengono alcune delle pagine più alte di tutta l'opera leopardiana. Sono espressioni di una deliberata e fiera solitudine; eppure a esse, nell'ediz. 1835 dei Canti, L. premise Il passero solitario, composto assai più tardi, nel quale egli sente come una condanna la sua impossibilità di partecipare alla gioia e alla vita degli altri. Tale esclusione si rivela un autentico motivo informatore, perché dal piano biografico passa facilmente a quello culturale, connotando la condizione di inferiorità in cui versa la poesia moderna rispetto a quella degli antichi, e soprattutto corrisponde all'ideale di linguistica socievolezza cui L. sottopone tanto la sua opzione classicistica, quanto l'ardua sostanza intellettuale del suo messaggio. In questo senso, l'idillismo leopardiano, lungamente preferito dalla critica ai grandi componimenti degli ultimi anni, realizza effettivamente in maniera più compiuta il prodigio di un canto ricavato senza sforzo apparente dalle parole di tutti i giorni e con le immagini che sono sotto gli occhi di tutti: di un canto perciò capace di mettere la semplicità e l'immediatezza al servizio della verità universale del sentimento.
Dal 1823 al 1828, a parte l'epistola Al conte Carlo Pepoli (1826), L. tace come poeta. In questi anni egli porta alle ultime conseguenze il suo pessimismo. L'infelicità umana non è frutto di contingenze particolari a questo o a quell'uomo; e neppure nasce, come aveva creduto in un primo tempo per influsso dei pensatori settecenteschi, da situazioni storiche, dal prevalere della ragione sulla fantasia per effetto dell'avanzare della civiltà, del costituirsi degli uomini in società, che necessariamente tarpa le ali alla libertà e alla spontaneità individuale; ma è una legge di natura, alla quale nessun uomo in nessun tempo, anzi nessun essere può sottrarsi. È quello che gli studiosi chiamano il "pessimismo cosmico" leopardiano. L'uomo non cerca altro che la sua felicità, l'amor sui è l'unica molla della vita; e tuttavia la natura non si propone la felicità degli individui, ma tende soltanto alla propria conservazione, per la quale come sono necessarie le nascite così sono necessarie le morti. La vita non è che un più o meno lento morire: assistiamo intorno a noi, dentro di noi, al progressivo inesorabile sfiorire e morire d'ogni cosa, finché non interviene lo stacco supremo, dopo il quale soltanto si ha, nell'annullamento totale, il definitivo riposo. La vita dunque non è che un'"inutile miseria": e l'accento del poeta batte soprattutto su questa inutilità. Donde il "tedio", la grande malattia spirituale dei romantici, di cui L. è il cantore italiano più alto e l'interprete più acuto: la vanità del tutto è per lui implicita nelle aspettative di felicità. Intorno a tali temi, impostano una interrogazione radicale le Operette morali, venti delle quali, il corpo dell'opera, furono tutte scritte dal gennaio al dicembre 1824 (ne scrisse un'altra nel 1825, e ancora due nel 1827, e due nel 1832). La conclusione logica di questa concezione della vita non può essere che una: la necessità del suicidio. E tuttavia, se Porfirio, nel dialogo che s'intitola a lui e a Plotino, energicamente afferma quella necessità, Plotino lo dissuade: non ci è lecito, è da barbari, privarci della consolazione che ci viene dall'affettuosa presenza delle persone che ci vogliono bene, togliendo a queste la consolazione della nostra presenza. È la felice contraddizione da cui nasce la poesia leopardiana. Le Operette sono per lo più dialoghi, in cui spesso L. fa sibilare lo staffile del suo sarcasmo contro gli uomini illusi e vili che si rifiutano di fissare gli occhi sull'orrido vero. A questi toni sarcastici lo scrittore si concede volentieri, riuscendo a governare con mano ferma stridori e dissonanze: nelle Operette è del resto più genericamente ammirevole la lucidità con cui è colta una realtà così totalmente negativa che sembrerebbe non potersi esprimere che con un grido o un disperato gesto. Questa fermezza e questa lucidità si riflettono nella sostenutezza dell'elaboratissimo stile, pur qua e là percorsa e in certo senso sottolineata da abbandoni sentimentali.
Le Operette nascono dunque nella più triste stagione leopardiana: nella quale il poeta è veramente solo, non soccorso dalla sua pietà, dal bisogno di consolare e d'essere consolato. Quando, nel 1828, uscirà da questo orribile stato, dirà che è rinata in lui finalmente la facoltà di piangere, che credeva gli fosse preclusa per sempre. E può quindi comporre poesie "col cuore d'una volta". Aveva nel Risorgimento (1828) celebrato questo rinascere in lui non della speranza, ma della vita sentimentale: seguono, dallo stesso 1828 al 1830, i canti leopardiani che si designano come "grandi idilli", e che segnano secondo molti l'apice della sua poesia: A Silvia; Le ricordanze; La quiete dopo la tempesta; Il sabato del villaggio; Il canto notturno di un pastore errante dell'Asia, e probabilmente anche Il passero solitario. Il pessimismo cosmico assume il suo vero volto poetico: la pietà cosmica. Con il pianto, cioè con la pietà per gli altri e per sé stesso, non sono compatibili né lo sdegno e il disprezzo per i codardi, né l'esaltazione del proprio coraggio. Ma anche quel Pastore errante, che è vittima e non combattente e che non vede intorno a sé bersagli a cui mirare, bensì compagni di pena da compiangere, anche egli non si rassegna, non viene a patti con il destino; e perciò in sostanza combatte ancora: sconsolato titano sconfitto, a cui però resta l'amaro conforto di non essere stato e di non essere vile. In questo gruppo di mirabili poesie, sui toni agonistici e titanici, che pur non mancano, prevalgono quelli di raccolto solidale dolore; i quali a loro volta non erano mancati neppure nel L. eroico-alfieriano, e non mancheranno mai. La pietà di L. è attiva, vuole consolare; e consolare non si può chi per viltà chiude gli occhi al vero, accetta la realtà supinamente o per "fetido orgoglio". Pietà e consolazione non possono volgersi a chi soffre, e in primo luogo ai giovani, che per la loro ingenua fiducia nella vita, per la loro inesperienza non sono in grado di capire la legge universale dell'infelicità, e s'illudono di essere felici, e soprattutto di esserlo domani. Intorno al Canto notturno, gli altri grandi idilli si possono considerare tessuti tutti sul tema della speranza, una speranza vista non nel suo valore positivo, forza della vita, bensì considerata con la tenerezza di chi ne conosce la vanità: lo sbocciare e il fruttificare della speranza in Silvia, in Nerina, in sé stesso giovane, la morte e la vita stessa che la tradiscono, in A Silvia e nelle Ricordanze; l'aspettativa d'una gioia che non verrà, nelle appena accennate figure del Sabato; il risorgere dell'alacre gioia, dell'attaccamento alla vita dopo la tempesta, in quelle altre umili figure che affollano nitide la Quiete. Se la speranza è per L. giovinezza, giovinezza è per lui, sempre, compagnia: la gioia di ciascuno si riflette e ha senso nella gioia corale del borgo: il poeta del Passero solitario si rammarica appunto di non saper partecipare, pur giovane, a questo coro; dunque di non sapere essere giovane.
Dopo il 1830, si ha un'altra pausa nell'attività poetica di L., colmata nel 1832 dalle due ultime Operette. Poi, l'estrema illusione, l'estremo inganno: l'amore per F. Targioni Tozzetti, da vicino e da lontano, che come abbiamo detto deve essere collocato probabilmente negli anni 1833-35. Nascono cinque altre poesie, costituenti un ciclo, detto "di Aspasia". Dall'estasi d'un dolce Pensiero dominante, che rafforza l'intransigenza morale, lo sdegno per ogni umana viltà; dall'esaltazione dell'amore come del piacere maggiore che si trova nel mare dell'essere, fratello in ciò solo della morte (Amore e morte; Consalvo, che è la meno intensa drammatizzazione della precedente poesia), si passa, quando la grande illusione sarà caduta, ai secchi, terribili versi di A se stesso, lirica epigrafe mortuaria, e poi alla rappresentazione, più pacata ma carica di amarezza, delle circostanze dell'inganno (Aspasia). Si alternano in questo ciclo i toni eroici della speranza impossibile, con le invettive e i sarcasmi della disperazione, che sembra quasi suggerire i modi rinnovati di una espressione in cui ormai coincidono intensità e rigore. Gli ultimi anni napoletani sono caratterizzati, come sempre nei periodi leopardiani di più nera depressione, da scritti satirici (la Palinodia diretta a G. Capponi; lo scherno dei tentativi risorgimentali nei Paralipomeni alla Batracomiomachia, della fede religiosa nei Nuovi credenti). Ma insieme c'è un lento risalire dalla china, come mostrano, non tanto le canzoni Sopra un basso rilievo antico sepolcrale e Sopra il ritratto di una bella donna, quanto la già citata La ginestra, e soprattutto Il tramonto della luna, nel quale canto vi sono gruppi di versi degni della proverbiale eloquente felicità dei grandi idilli. Postumi furono pubblicati, con le cose minori, il ricco Epistolario (a cura di P. Viani, 1849; a cura di F. Moroncini e G. Ferretti, 7 voll., 1934-41) e lo Zibaldone di pensieri: 4526 pagine nel manoscritto, nelle quali L. dal 1817 al 1832 andò via via segnando, con maggiore o minore frequenza, quanto le sue letture e la sua meditazione gli andavano suggerendo sui più svariati argomenti (pubbl. col tit. Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura, a cura di una commissione di studiosi presieduta da G. Carducci, 7 voll., 1898-1900; la più recente ed. critica, col tit. Zibaldone di pensieri, è a cura di G. Pacella, 3 voll., 1992); da esso per la maggior parte L. stesso trasse e rielaborò i centoundici Pensieri, pubblicati postumi (in Opere di G. L., a cura di A. Ranieri, 2 voll., 1845). Dei Canti si ebbero due diverse edizioni in vita di L.: presso Piatti (Firenze 1831) e presso Starita (Napoli 1835); più complessa la storia delle Operette morali, la cui 1ª ed. in volume apparve a Milano nel 1827 e la 3ª, incompleta, a Napoli nel 1835. Le prime edd. critiche si debbono a F. Moroncini: Canti (2 voll., 1927); Operette morali (2 voll., 1928); Opere minori approvate (2 voll., 1931). Oltre alle edd. complessive (Tutte le opere di G. L., a cura di F. Flora, 5 voll., 1937-49; Tutte le Opere, a cura di W. Binni e E. Ghidetti, 2 voll., 1969), sono disponibili varie sillogi e singole edd., con ottimi commenti, apparati, riproduzione degli autografi. È stata avviata la pubblicazione degli scritti filologici e sono state approntate le concordanze dell'intera opera poetica.
Centro nazionale di studi leopardiani. - Fu fondato a Recanati nel 1937 dal conte Ettore Leopardi; ha avuto come direttori M. Porena, E. Leopardi, R. Vuoli, U. Bosco, F. Foschi. Possiede una biblioteca specializzata di circa 7000 titoli e le fotografie di tutti gli autografi leopardiani esistenti nelle biblioteche di Firenze e di Napoli, di gran parte di quelli custoditi nell'attiguo palazzo Leopardi, e varî altri. Promuove convegni internazionali (L. e il Settecento, 1962; L. e l'Ottocento, 1967; L. e il Novecento, 1972; L. e la letteratura italiana dal Duecento al Seicento, 1976; L. e il mondo antico, 1980; Il pensiero storico e politico di G. L., 1984; Le città di G. L., 1987; Lingua e stile di G. L., 1991); cura una Bibliografia analitica (il volume che la aggiorna al 1980 è uscito a Firenze nel 1986); una collana di Documenti e studi; una collana di Scritti inediti o rari del Leopardi.

risorse correlate
Achille Tartaro, Leopardi, Giacomo, in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 64 (2005)
Nicola Del Corno, Leopardi, Monaldo, in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 64 (2005)
Guido Gregorio Fagioli Vercellone, Leopardi, Paolina, in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 64 (2005)


Termine Fonte
Leopardi, Giacomo Dizionario Biografico degli Italiani
anima Enciclopedie on line
Antici, Tommaso Dizionario Biografico degli Italiani
Beckett, Samuel Enciclopedie on line
Bonnefoy, Yves Enciclopedie on line
canzone Enciclopedie on line
idillio Enciclopedie on line
individuo Enciclopedie on line
Leopardi, Monaldo Dizionario Biografico degli Italiani
Leopardi, Paolina Dizionario Biografico degli Italiani
lirica Enciclopedie on line
Mai, Angelo Dizionario Biografico degli Italiani
metafisica Enciclopedie on line
metrica Enciclopedie on line
Morselli, Guido Enciclopedie on line
poesia Enciclopedie on line
poetica Enciclopedie on line
Ranieri, Antonio Enciclopedie on line
romanticismo Enciclopedie on line
satira Enciclopedie on line
storia Enciclopedie on line
Targioni Tozzetti, Fanny Enciclopedie on line
Autore Titolo Edizione
Bellucci, Novella, Il gener frale. Saggi leopardiani, Venezia, Marsilio, 2010.
Binni, Walter, La nuova poetica leopardiana, Firenze, Sansoni, 1984.
Binni, Walter, L’ ultimo periodo della lirica leopardiana, a cura di Chiara Biagioli, Perugia, Morlacchi, 2009.
Blasucci, Luigi, Leopardi e i segnali dell’infinito, Bologna, Il Mulino, 2001.
Borsellino, Nino, Il socialismo della Ginestra. Poesie e poetiche leopardiane, Poggibonsi, Lalli, 1990.
Bosco, Umberto, Titanismo e pietà in Giacomo Leopardi e altri studi leopardiani, Roma, Bonacci, 1980.
Brioschi, Franco, La poesia senza nome. Saggio su Giacomo Leopardi, a cura di Patrizia Landi, Milano, Il Saggiatore, 2008.
Ceragioli, Fiorenza, I Canti fiorentini di Giacomo Leopardi, Firenze, L. S. Olschki, 1981.
città (Le) di Giacomo Leopardi. Atti del VII Convegno internazionale di studi leopardiani (Recanati, 16-19 novembre 1987), Firenze, L. S. Olschki, 1991.
De Robertis, Domenico, Leopardi. La poesia, Bologna, CLUEB, 1998.
Dolfi, Anna, La doppia memoria. Saggi su Leopardi e il leopardismo, Roma, Bulzoni, 1986.
Dolfi, Anna, Ragione e passione. Fondamenti e forme del pensare leopardiano, Roma, Bulzoni, 2000.
Dotti, Ugo, Il savio e il ribelle. Manzoni e Leopardi, Roma, Editori Riuniti, 1993.
Dotti, Ugo, Lo sguardo sul mondo. Introduzione a Leopardi, Roma, GLF editori Laterza, 1999
Fasano, Pino, L’entusiasmo della ragione. Il romantico e l’antico nell’esperienza leopardiana, Bulzoni, Roma 1985.
Felici, Lucio, La luna nel cortile. Capitoli leopardiani, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2006.
Felici, Lucio, L’Olimpo abbandonato. Leopardi tra favole antiche e disperati affetti, Venezia, Marsilio, 2005.
Ferraris, Angiola, L’ultimo Leopardi. Pensiero e poetica, 1830-1837, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2008.
Folin, Alberto, Leopardi e il canto dell’addio, Venezia, Marsilio, 2008.
Folin, Alberto, Leopardi e l’imperfetto nulla, Venezia, Marsilio, 2001.
Frattini, Alberto, Leopardi nella critica dell’Otto e del Novecento, Roma, Studium, 1989.
Frattini, Alberto Leopardi alle soglie dell’Infinito e altri saggi leopardiani, Pisa, Istituti editoriali e poligrafici internazionali, 1998.
Galimberti, Cesare, Cose che non son cose. Saggi su Leopardi, Venezia, Marsilio, 2001.
Galimberti, Cesare, Linguaggio del vero in Leopardi, Firenze, L. S. Olschki, 1986.
Ghidetti, Enrico, Il poeta, la morte e la fanciulla e altri capitoli leopardiani, Napoli, Liguori, 2004.
Girardi, Antonio, Lingua e pensiero nei Canti di Leopardi, Venezia, Marsilio, 2000.
Girolami, Patrizia, L’antiteodicea. Dio, dei, religione nello Zibaldone di Giacomo Leopardi, Firenze, L. S. Olschki, 1995.
Leopardi, Giacomo, Appressamento della morte, a cura di Sabrina Delco-Toschini, Roma, Antenore, 2002.
Leopardi, Giacomo, Canti, a cura di Emilio Peruzzi, Milano, Rizzoli, 1981.
Leopardi, Giacomo, Canti, a cura di Domenico De Robertis, Milano, Il Polifilo, 1984.
Leopardi, Giacomo, Canti, a cura di Enrico Ghidetti, Firenze, Sansoni, 1988.
Leopardi, Giacomo, I Canti. Con una scelta dalle Operette morali, a cura di Achille Tartaro, Roma, Laterza, 1984.
Leopardi, Giacomo, Lettere, a cura di Rolando Damiani, Milano, Mondadori, 2006.
Leopardi, Giacomo, Opere, a cura di Mario Fubini, Torino, UTET, 2000.
Leopardi, Giacomo, Operette morali, a cura di Cesare Galimberti, Napoli, Guida, 1988.
Leopardi, Giacomo, Operette morali, seguite da una scelta dei Pensieri, a cura di Mario Fubini, Torino, Loescher, 1985.
Leopardi, Giacomo, I Paralipomeni, a cura di Fabio Russo, Milano, Franco Angeli, 1997.
Leopardi, Giacomo, Paralipomeni della Batracomiomachia, a cura di Marco Antonio Bazzocchi e Riccardo Bonavita, Roma, Carocci, 2002.
Leopardi, Giacomo, Pensieri, a cura di Antonio Prete, Milano, Feltrinelli, 2005.
Leopardi, Giacomo, Poesie e prose, a cura di Rolando Damiani e Mario Andrea Rigoni, Milano, Mondadori, 2003.
Leopardi, Giacomo, Storia di un’anima. Scelta dall’Epistolario, a cura di Ugo Dotti, Milano, BUR, 2008.
Leopardi, Giacomo, Tutte le opere, a cura di Walter Binni ed Enrico Ghidetti, Firenze, Sansoni, 1969.
Leopardi, Giacomo, Tutte le poesie e tutte le prose e Zibaldone, a cura di Lucio Felici ed Emanuele Trevi, Roma, Newton Compton, 1997.
Leopardi, Giacomo, Vita di Giacomo Leopardi scritta da lui medesimo, a cura di Giuseppe Piergili e Franco Foschi, Ancona, Transeuropa; Recanati, Centro nazionale di studi leopardiani, 1992.
Leopardi, Giacomo, La vita e le lettere, a cura di Nico Naldini, Milano, Garzanti, 1998.
Leopardi, Giacomo, Zibaldone di pensieri, a cura di Anna Maria Moroni, saggi introduttivi di Sergio Solmi e Giuseppe De Robertis, Milano, Oscar Mondadori, 2001.
Leopardi e il mondo antico. Atti del V Convegno internazionale di studi leopardiani (Recanati, 22-25 settembre 1980), Firenze, L. S. Olschki, 1982.
Leopardi e noi. La vertigine cosmica, a cura di Alberto Frattini, Giancarlo Galeazzi e Sergio Sconocchia Roma, Studium, 1990.
Leopardi oggi. Incontri per il bicentenario della nascita del poeta, (Brescia-Salo, Orzinuovi 21 aprile-23 maggio 1998), a cura di Bortolo Martinelli, Milano, Vita e pensiero, 2000.
Lingua e stile di Giacomo Leopardi. Atti dell'VIII Convegno internazionale di studi leopardiani (Recanati, 30 settembre-5 ottobre 1991), Firenze, L. S. Olschki, 1994.
Lonardi, Gilberto, Classicismo e utopia nella lirica leopardiana, Firenze, L. S. Olschki, 1986.
Lonardi, Gilberto, Leopardismo. Tre saggi sugli usi di Leopardi dall'Otto al Novecento, Firenze, Sansoni, 1990.
Mecatti, Francesca, La cognizione dell’umano. Saggio sui pensieri di Giacomo Leopardi, Firenze, Società editrice fiorentina, 2003
Mengaldo, Pier Vincenzo, Sonavan le quiete stanze. Sullo stile dei Canti di Leopardi, Bologna, Il Mulino, 2006.
Il pensiero storico e politico di Giacomo Leopardi, Atti del VI Convegno internazionale di studi leopardiani (Recanati 9-11 settembre 1984), Firenze, L. S. Olschki, 1989.
Prete, Antonio, Finitudine e infinito. Su Leopardi, Milano, Feltrinelli, 1998.
Prete, Antonio, Il pensiero poetante. Saggio su Leopardi, Milano, Feltrinelli, 2006.
Ricciardi, Mario, Giacomo Leopardi. La logica dei canti, Milano, Franco Angeli, 1988.
Salsano, Roberto, Leopardi 1816. Appressamento della morte, Roma, Bulzoni, 1976.
Savarese, Gennaro, L’eremita osservatore. Saggio sui Paralipomeni e altri studi su Leopardi, Roma, Bulzoni, 1995.
Savoca, Giuseppe, Leopardi. Profilo e studi, Firenze, L. S. Olschki, 2009.
Severino, Emanuele Cosa arcana e stupenda. L’Occidente e Leopardi, Milano, BUR, 2006.
Severino, Emanuele Il nulla e la poesia. Alla fine dell’età della tecnica. Leopardi Milano, BUR, 2005.
Solmi, Sergio, Studi leopardiani. Note su autori classici italiani e stranieri, a cura di Giovanni Pacchiano, Milano, Adelphi, 1987.
Stasi, Beatrice, Apologie della letteratura. Leopardi tra De Roberto e Pirandello, Bologna, Il Mulino, 1995.
Tartaro, Achille, Leopardi, Roma-Bari, Laterza, 1985.
Tartaro, Achille, Leopardi in Letteratura Italiana Laterza, direttore Carlo Muscetta, vol. 42 Roma-Bari, Laterza, 1990.
Tellini, Gino, Leopardi, Roma, Salerno Editrice, 2001.
Timpanaro, Sebastiano, La filologia di Giacomo Leopardi, Roma, Laterza, 2008.
I Luoghi di Leopardi
> Italia
Cronologia
1798
Nascita, 29 giugno
Nasce a Recanati. È il primogenito di cinque figli (sopravvissuti). Il padre, il conte Monaldo è un colto reazionario. La madre, Adelaide dei marchesi Antici, è una donna severa.
1807
Formazione
L'istruzione di Giacomo è affidata all'abate Sebastiano Sanchini.
1809
Primi testi poetici
Giacomo compone le prime poesie: la prima è il sonetto "La morte di Ettore".
1811
La virtù indiana
Scrive la tragedia "La virtù indiana".
1812
Formazione
È il primo dei "sette anni di studio matto e disperatissimo" nella biblioteca paterna.
1813
Studio del greco
Inizia da solo lo studio del greco. Si dedica anche all'ebraico.
1814
Primo lavoro di filologia greca: "Porphyrii de vita Plotini et ordine librorum eius".
1816
Le rimembranze
Scrive "Le rimembranze". Traduce dall'Eneide e dall'Odissea.
1817
Zibaldone
Compone le prime note dello "Zibaldone". Inizia l'amicizia con Pietro Giordani.
1818
Scrive il "Discorso di un italiano intorno alla poesia romantica".
1819
Malattia
È colpito da una grave malattia agli occhi che ne ostacola lo studio e la lettura.
1819-21
Idilli
Scrive gli idilli.
1820
Ad Angelo Mai
Compone la canzone "Ad Angelo Mai".
1821
Canzoni
Completa la stesura di tutte le Canzoni. Continua a lavorare allo Zibaldone.
1822
Roma
Lascia recanati e può finalmente recarsi dagli zii materni a Roma. Rimane molto deluso dalla città.
1823
3 maggio
Visita commosso la tomba di Torquato Tasso. Non trovando nessuna carica, e uno stipendio fisso presso il governi pontificio, è costretto a tornare a Recanati.
1824
Operette Morali
Scrive le prime venti "Operette Morali". Compone anche il "Discorso sopra lo stato presente dei costumi degl'Italiani". Vengono pubblicate a Bologna dieci Canzoni.
1825
Milano
Parte per Milano dove incontra Monti e Cesari.
1826
Al Conte Carlo Pepoli
È di quest'anno l'epistola "Al Conte Carlo Pepoli". Esce a Bologna l'edizione dei "Versi".
1827
Operette Morali
Stella pubbica le "Operette Morali". SI trasferisce da Bologna a Firenze dove conosce, fra gli altri, anche Antonio Ranieri. Incontra Manzoni e Stendhal. Compone il "Dialogo di Plotino e Porfirio" e il "Copernico". Si trasferisce a Pisa
1828
Morte del fratello
Muore il fratello Luigi. Torna a Recanati, anche a causa di altri problemi familiari.
1829
Le ricordanze; Il sabato del villaggio; La quiete dopo la tempesta.
Scrive "Le ricordanze", "La quiete dopo la tempesta", Il sabato del villaggio".
1830
Canto notturno di un pastore errante dell'Asia
Completa la stesura del "Canto notturno di un pastore errante dell'Asia". Scrive anche "Consalvo", "Il pensiero dominante", Amore e Morte", "A se stesso", "Aspasia". Inizia a collaborare con Antonio Ranieri: il sodalizio durerà fino alla morte di Leopardi.
1831
Canti
Esce a Firenze la prima edizione dei "Canti".
1833
Napoli
Parte alla volta di Napoli.
1835
Opere
L'editore Saverio Statirita inizia la pubblicazione di tutte le opere di Leopardi in 6 volumi. Nel primo è compresa la seconda edizione dei Canti. Essa include per la prima volta "Il passero solitario", "Sopra un bassorilievo antico sepolcrale", Sopra il ritratto di una bella donna" e la "Palinodia".
1836
Colera
Per scampare all'epidemia di colera si rifugia con Antonio Ranieri e la sorella Paolina nella Villa Ferrigni, alle falde del Vesuvio. Qui compone "La ginestra".
1837
Morte, 14 giugno
Rientrato a Napoli muore improvvisamente per un aggravarsi dei mali che lo affliggevano da tempo.
Link utili

GIOCA CON TRECCANI

Metti alla prova la tua cultura con il gioco enigmistico più diffuso al mondo scrivendo le definizioni richieste.

Rispondi alle domande sulla lingua italiana e approfondisci le tue conoscenze lessicali

Treccani sempre con te

Una selezione di testi classici della letteratura italiana arricchiti di contenuti

Vedi dettagli

Vocabolario della lingua italiana e Dizionario dei sinonimi e contrari.

Vedi dettagli