i classici italiani
Lorenzo Da Ponte
Introduzione
Biografia
Voci Enciclopediche
Bibliografia
Luoghi e Cronologia

Negli anni di cerniera tra l’ancien régime e i tempi nuovi aperti dalla Rivoluzione francese, tra il mondo della corte e quello della borghesia, si colloca l’opera di Lorenzo da Ponte, autore in particolare di tre libretti mozartiani (Le nozze di Figaro, Don Giovanni, Così fan tutte), che gli valsero non solo un immediato successo, bensì uno spazio di primo piano nella storia del teatro europeo. Nato in Veneto alla metà del secolo dei Lumi e morto a New York negli anni Trenta dell’Ottocento, Da Ponte incarna anche dal punto di vista biografico l’evoluzione storica di questi ricchissimi e densi decenni.

Le “Nozze di Figaro” illuminano la condizione della donna che lotta per difendere sé stessa e il suo amore, ci dice la studentessa Laura Baris (sezione audio-video). L’universalità dei tipi delineati, prosegue Carlo Ossola (sezione audio-video), è indubbia. Così come il carattere europeo, senza tratti nazionali propri, di questo teatro di corte. Ed europeo è pure il percorso della commedia, La folle journée ou Le mariage de Figaro, dovuta alla penna di Beaumarchais e rappresentata a Parigi quattro anni prima delle Rivoluzione, trasformata da Da Ponte in libretto d’opera e poi fortemente presente al Manzoni autore dei Promessi Sposi, quanto meno laddove il suo romanzo “si sposta dal piano etico a quello della narrazione teatrale”. Anche per questo si può dire che, più e meglio di altri italiani, Da Ponte rappresentò la collaborazione tra questi due mondi, quello delle corti destinato a scomparire e quello del nuovo mondo che troverà la sua sede in America. Insomma, conclude Ossola, “se un ritratto ideale si deve dare del Weltmann kantiano, ossia dell’uomo di mondo”, questi è Da Ponte.

Carlo Piccardi (sezione audio-video) si sofferma sulla complementarità di Da Ponte e Mozart: illuminista scettico l’uno, rappresentante di un Settecento progressivo che tuttavia “per molti versi si sottrae all’egida della ragione”, l’altro; Da Ponte legato all’idea di un’azione logica dettata dai rapporti naturali, Mozart fine psicologo che sa rendere i moti dell’animo con la sua musica.

L’immensa fortuna dei libretti mozartiani di Da Ponte non si stempera nel Novecento. Per i nostri tempi basti ricordare, dice Ossola (sezione audio-video), il Don Giovanni di Mozart di Pierre-Jean Jouve, che fa del libertino dissoluto l’eroe del coraggio e dell’onore; il Don Giovanni o il dissoluto assolto di José Saramago, che nel Don Giovanni vede colui che nella sconfitta ritrova la sua umanità, e, infine, il Don Giovanni (raccontato da lui stesso) di Peter Handke, per il quale don Giovanni è il capostipite delle solitudini.

DA PONTE, Lorenzo. - Nacque a Ceneda (attuale Vittorio Veneto), nel ghetto, il 10 marzo 1749, primogenito di Geremia Conegliano e Rachele Pincherle, ebrei. Il padre era un conciatore di pelli di limitate fortune discendente da un Israel da Conegliano, che nel 1597 era venuto in Ceneda, vi aveva fondato un banco di pegno ed era stato tra i promotori di una comunità ebraica successivamente dispersa. A Ceneda il D., il quale per il momento si chiamava ancora Emanuele Conegliano, dopo aver imparato a leggere e scrivere, ricevette una ulteriore, povera educazione per parte di un rustico e manesco pedagogo locale. Una educazione, tuttavia, presto integrata e sostituita dalla lettura dei libri che l'occasione offriva alla vivacità e curiosità del tipo di ingegno di cui egli già si mostrava provvisto.
Una prima svolta nella sua vita, dopo che a cinque anni gli era morta la madre, venne dalla decisione del padre di farsi cristiano onde poter sposare, dopo quasi dieci anni di vedovanza, la cristiana Orsola Pasqua Paietta, una giovinetta di circa diciassette anni di età. Assieme al padre, ricevettero il battesimo, il 29 ag. 1763, anche i tre figli e tutti assunsero il cognome del vescovo di Ceneda Lorenzo Da Ponte che li aveva battezzati. Emanuele ne assunse anche il nome e divenne appunto Lorenzo Da Ponte, mentre il padre da Geremia diveniva Gasparo, il fratello secondogenito da Baruch diveniva Girolamo ed il fratello terzogenito da Anania diveniva Luigi. Con l'appoggio del vescovo che li aveva battezzati, il D. ed il fratello Girolamo furono accolti, sempre in quel 1763, nel seminario di Ceneda. Qui il D. proseguì gli studi con riguardo particolare al latino e all'italiano, sicché ben presto, secondando la sua naturale propensione al versificare, si mise in grado di gareggiare nella composizione poetica (sonetti, canzoni, ecc.) con ingegnosi coetanei come Michele Colombo; Dante, Petrarca, Ariosto, Tasso furono, in quegli anni, i suoi autori. Restò sino a tutto il 1763 nel seminario di Ceneda, e successivamente, dopo esserne rimasto fuori, alla fine del 1769, passò a quello di Portogruaro, dove nel 1770 ricevette gli ordini minori, fu insegnante di retorica e poi vicedirettore sino al luglio 1773, presentò nel 1772 alcuni poemetti tra cui un Ditirambo sopra gli odori, ed infine il 27 marzo 1773 venne ordinato sacerdote e celebrò la prima messa.
Nell'autunno del 1773 il D., congedatosi dal seminario di Portogruaro, tentò l'avventura a Venezia, la città capitale, la Dominante dello Stato veneto. Quivi, mentre per vivere si era messo a fare il pedagogo, s'immerse, con adesione naturale ed immediata, nella vita estroversa e densa di rapporto umano consumato in rapide trame esistenziali che aveva scena negli spazi urbani veneziani dell'epoca. Nel bollor dell'età, di temperamento vivace, avvenente nella persona, così si descrive nelle Memorie (ediz. a cura di G. Gambarin-F. Nicolini, Bari 1918, I, p. 13), le trame dalle quali egli soprattutto si lasciò irretire furono trame d'amore: Angiola Tiepolo, delicata, gentile, eppur violenta amante, e la romanzesca - forse solo immaginata - Matilda. Gli intrighi passionali della gelosissima Angiola (una notte gli tagliò i capelli per non farlo uscire di casa), le ribalderie e le miserie di quel giocatore disperato, di quell'"emporio" di vizi che era il fratello di lei, certi ambienti veneziani intrisi di libertinaggi senza destini e senza spessori ideologici, furono per il D. un apprendistato al fascino, fino all'abbiezione, della frivolezza, della sessualità, dell'amore, del bizzarro delle situazioni. Dopo un anno di vita piena di piacevoli agitazioni, il D., con l'aiuto del fratello Girolamo, prete anche lui, il quale morirà trentenne di lì a poco, riuscì momentaneamente a staccarsi dalla soggezione a fascini di questa fatta. Fuggiasco, quasi, da Venezia alla fine del 1774 e scampato anche a un ritorno di fiamma del vecchio amore per Angiola, egli si allogò come professore di "umanità" e di retorica nel seminario di Treviso.
Nella placida cittadina veneta furono i fascini, pericolosi talora anch'essi, della poesia a porlo in altri guai. Il 1º ag. 1776, egli fece recitare agli studenti una sua "accademia poetica" (varie poesie latine ed italiane con una prefazione in prosa) dal titolo 'Segli uomini per le leggi e per le distribuzioni della civil società abbiano il sentiero della felicità umana appianato o ristretto; o se per queste leggi medesime sieno in rapporto alla loro felicità nel primiero stato rimasti (pubbl. dal Marchesan, pp. 367-430). Colleghi invidiosi e bempensanti locali montarono immediatamente un clima di scandalo evocando contro di lui il fantasma di Gian Giacomo Rousseau. Intervennero i riformatori dello Studio di Padova e l'affare ingrossò tanto che fu il Senato veneziano medesimo direttamente con un proprio decreto (caso abbastanza eccezionale) a sancire l'esclusione del D. dall'insegnamento nel territorio veneto, a poco essendogli valse le protezioni e le amicizie, peraltro intimidite, di patrizi come Bernardo Memmo e Pietro Zaguri con i quali egli era entrato in dimestichezza a Venezia, nonché di intellettuali di prestigio come Gasparo Gozzi.
Esorcizzato con gozzoviglie e feste il provvedimento del Senato veneziano (così al D. piace ricordare nelle Memorie la conclusione dell'affare), egli si ristabilì a Venezia, dove fu dapprima ospite di Bernardo Memmo (fine 1776-inizio 1777), al quale sedusse l'amante Teresa, figlia di un calafato dell'Arsenale, che il patrizio, sotto apparenza di protezione si teneva in casa. Indi divenne segretario di Pietro Zaguri, presso il quale nel 1777 conobbe Giacomo Casanova ed entrò in amicizia col patrizio Giorgio Pisani, un personaggio pieno di irrequietezza intellettuale e politica che, di lì a poco, nell'estate del 1780, con attacchi spericolati e un po' sconsiderati all'establishment veneziano si tirerà addosso un provvedimento di relegazione per mano degli inquisitori di Stato.
Il 1777, il 1778 e parte del 1779, a Venezia, per il quasi trentenne D. furono anni esistenzialmente ruggenti. Le tracce vivaci di quell'intenso vissuto, più che nelle reticenti Memorie, sono rimaste nelle carte del processo per "rapto di donna honesta", adulterio e pubblico concubinaggio che gli esecutori contro la Bestemmia condussero contro di lui fra il maggio e il dicembre del 1779.
Un vissuto di turbolente esibizioni amorose-sessuali, questo del D., da non considerarsi tuttavia eccezionale nella Venezia dell'epoca pervasa dal clima di fine-repubblica. Era successo che, quando era stato allontanato dalla casa di Bernardo Memmo, il D. avesse preso alloggio in casa di un artigiano, tale Carlo Bellaudi lavorante di piume, e avesse messo in piedi una tresca con la moglie di questo, Angiola. Fu questa tresca, e non ragioni politiche legate alla sua amicizia con Giorgio Pisani come il D. nelle Memorie vorrebbe far credere, che spinsero gli esecutori contro la Bestemmia, il tribunale veneziano che si occupava di tutela della moralità pubblica con riguardo ai gruppi medio bassi della popolazione, ad intervenire contro di lui. Nelle carte processuali c'è uno sfilare di testimoni che vengono a raccontare come il D. si fosse lasciato vedere maneggiare Angiola sotto le sottane; si fosse fatto scorgere mentre, lei pettinandolo, la "toccava dinanzi"; si fosse mostrato mentre, nudo, si ostentava a lei da una stanza all'altra, nudo sotto il tabarro mentre la prendeva in piedi in una casa di donne di mondo dov'egli, non nascondendo il suo stato sacerdotale, era pagato per suonare il violino. Altri testimoni ancora riferirono che dal seminario di Treviso era stato cacciato per sospetto di sodomia e di deflorazione di fanciulla; che la sua fama era di libertino; che egli aveva avuto rapporti carnali con Angiola al cospetto di un'amica di lei; che nella chiesa di S. Luca, quando celebrava messa con i suoi lunghi capelli effeminati, non cessava di far errare i suoi sguardi sulle fedeli, alla ricerca di lascive intese; ch'egli corteggiava donne di teatro; che per lui succedevano tra donne furibonde liti di gelosia; infine, ch'egli era rimasto ebreo nel suo intimo: un campionario di episodi di "mala vita" di un genere che non è infrequente trovare nei processi degli esecutori contro la Bestemmia e che peraltro, denota nel D. oltre che il gusto per la tresca erotico-amorosa anche il gusto per una scena pubblica in cui la tresca stessa avesse ad esaltarsi di rappresentazione e di provocazione. Angiola Bellaudi, nel periodo in cui era l'amante del D., partorì tre volte: i neonati vennero abbandonati presso l'ospedale veneziano di S. Maria della pietà; un parto avvenne addirittura per strada. Essendosi il D. sottratto in tempo all'arresto, gli esecutori contro la Bestemmia pronunciarono contro di lui, il 17 dicembre 1779, sentenza di bando per quindici anni dallo Stato veneto. Probabilmente a far pesare su di lui la mano della giustizia era stata proprio l'ostentazione, la pubblicizzazione scandalosa della sua scostumatezza.
Riparato a Gorizia, nel Friuli austriaco, tra il settembre del 1779 e il dicembre del 1780, il D., per vivere, si dette da fare come scrittore, si appoggiò agli ambienti nobiliari e accademici della città e venne accolto col nome di Lesbonico Pegasio nella neo formata Colonia romano-sonziaca referente all'Arcadia di Roma. Pubblicò allora Le gare degli uccelli (Gorizia 1779), canzone celebrativa della pace di Teschen tra Austriaci e Prussiani nonché il poemetto eroicomico Il capriccio (ibid. 1780) e il poemetto pastorale Il cechino (ibid. 1780); si applicò alla traduzione della tragedia di J.-F. Laharpe Il conte di Warwick (ibid. 1780), dei Fasti goriziani di Rodolfo Coronini conte di Cronberg (ibid. 1780); produsse rime come gli Sciolti del signor Lorenzo Da Ponte, in Poesie per il solenne ingresso di Sua Eccellenza Mss. Zorzi Pisani, procuratore di S. Marco per merito (Venezia 1780); pubblicò ancora il poemetto La gratitudine ossia La difesa delle donne (Gorizia 1780) che, per gli ambigui giudizi che conteneva sul loro passato, suscitò le ire dei conti Nicolò ed Antonio d'Attems di S. Croce, i quali si presentarono armati di bastone in casa dello stampatore Valerio de' Valeri, in cui era alloggiato il D., ma dalla quale egli aveva prudentemente traslocato in casa del conte Luigi Torriani, che se l'era preso in qualità di cappellano domestico. Oltre ai risentimenti di qualche vacuo nobilotto, il D. aveva suscitato qualche invidia in intellettuali del posto come Giuseppe De Coletti. Di lì a poco, accampando di essere stato chiamato dall'amico Caterino Mazzolà, poeta di corte dell'elettore di Sassonia, che aveva conosciuto in casa Memmo, il D. lasciò Gorizia e, passando per Vienna in lutto per la morte dell'imperatrice Maria Teresa avvenuta il 29 nov. 1780, si portò a Dresda non trascurando di pubblicare, il sonetto Per la morte di Sua Maestà l'Imperatrice Maria Teresa (Vienna 1780).
A Dresda, dove visse nel 1781, lavorò assieme al Mazzolà all'adattamento e traduzione di opere teatrali come Atys e Cibele da Ph. Quinault. Uomini di peso intellettuale e sociale apparivano attratti, almeno nei tempi brevi, dal personaggio Da Ponte. A Dresda, per esempio, amarono aver dimestichezza con lui l'influente amico dell'elettore di Sassonia, conte Camillo Marcolini, ed il cappellano di corte, l'ex gesuita padre Michael Hubert, dotto traduttore del Metastasio, cui il D. dedicò i Sette Salmi in parte pubblicati nelle Memorie (I, pp. 81-85). Per converso, i suoi rapporti con le donne parevano alimentarsi della casualità degli incontri e delle situazioni purché quelli e queste fossero stati dimensionati a un minimo di intricate evenienze di trama, colpi di scena, contrasti. A Dresda, sono due figlie del pittore della locale Accademia di belle arti, Giuseppe Camerata, a dilacerare di incertezza il D.: tutte due belle e disponibili, a lui scegliere. Ma era appunto la situazione in sé che lo attraeva: una scelta l'avrebbe distrutta. Talché, nelle Memorie, il D. non esita a raccontare di aver lasciato Dresda proprio per non addivenire alla scelta stessa.
Portatosi a Vienna alla fine del 1781 o inizi del 1782 - quivi risulta pubblicata la sua fiaba-poemetto Filemone e Bauci (Vienna 1781) -, il D. si appoggiò all'influente compositore Antonio Salieri ("Hofkapellmeister"), cui lo aveva raccomandato il Mazzolà, e fece a tempo a conoscere Pietro Metastasio, poeta cesareo, il quale morirà il 12 apr. 1782. Saranno, quelli viennesi, anni di apprendistato e poi di intensa, scaltrita pratica nel lavoro dello scrivere per il teatro musicale nonché nel gioco della contrattazione del successo con gli uomini del potere che per quel teatro mostravano complessi interessi. Nel 1783, dopo esser stato introdotto presso l'imperatore Giuseppe II (il quale aveva ripristinato nella capitale l'Opera italiana) grazie al ciambellano conte Franz Xaver Wolf Orsini-Rosenberg, che gli era amico, il D. ottenne la carica abbastanza ben remunerata di poeta dei teatri imperiali. In quell'anno stesso, venne rappresentata a Vienna la tragedia L'Ifigenia in Tauride adattata dal D. da un libretto francese di N. F. Guillard musicato da Ch. W. Gluck, ma il vero e proprio esordio di D. si ebbe un anno dopo, senza troppo successo, con il diamma giocoso Il ricco d'un giorno per la musica del Salieri.
Nel frattempo, il D. continuava a metter fuori composizioni poetiche di vario genere come i sonetti Alla Santità di Pio VI (Vienna 1782), in occasione della venuta di quel papa a Vienna, e il componimento A Sua Maestà Cesarea Giuseppe Secondo (s. l.né d., ma Vienna 1783). Pare anche abbia collaborato nel 1784 con Casanova, ritrovato a Vienna dove questi era giunto nel 1783, alla stesura dei versi I bei capelli di Silvia (L.Da Ponte, Memorie e altri scritti, a cura di C. Pagnini..., p. 899). Altri testi poetici, il D. si trovò a scriverli in quel periodo, per attaccare chi gli faceva concorrenza nel lavoro e nel favore dei potenti, come, temibilissimo, Giambattista Casti, il quale, portatosi a Vienna nel settembre del 1783, aspirava al posto di poeta cesareo e godeva dell'appoggio del conte Rosenberg, un appoggio che era venuto meno al Da Ponte.
Il 1785 e il 1786 furono anni in cui il lavoro di autore di testi per il teatro musicale (per lo più drammi giocosi) del D. acquistò carattere di professionalità: per il compositore V. Martin y Soler, ricavò da Le bourru bienfaisant di Goldoni il libretto Il burbero di buon cuore;intervenne con rimaneggiamenti nel testo dell'opera Il finto cieco, musicata da G. Gazzaniga; scrisse (spesso si trattava di adattamenti) per la musica di V. Righini Il Demogorgone ovvero Il filosofo confuso; per Martin y Soler, Una cosa rara, o sia Bellezza e onestà; per S. Storace, Gli equivoci (dalla Comedy of Errors di Shakespeare), tutte opere presentate nel 1786 a Vienna. Ma soprattutto - e sarà questo l'avvenimento destinato a dar grande evidenza alla sua biografia nella memoria dei posteri - il D. scrisse per Wolfgang Amadeus Mozart la commedia per musica Le nozze di Figaro, tratta da Le mariage de Figaro di Beaumarchais. Il lavoro venne rappresentato al Burgtheater di Vienna il 1º maggio 1786, e fu un grande successo.
Il D. aveva conosciuto Mozart in casa del barone ebreo Raimund von Wetzlar già nel 1783. Mozart, nel maggio di quell'anno, raccontava al proprio padre in una lettera come l'abate italiano gli avesse promesso un libretto d'opera. È incerto se nel libretto dell'opera buffa Lo sposo deluso, o sia La rivalità di tre donne per un solo amante, che Mozart cominciò a musicare nel 1783 e poi abbandonò, nonché nel testo dell'oratorio Davide penitente, composto da Mozart nel 1785, e nel testo di Per la ricuperata salute di Ophelia, con musica di Mozart ed altri di quello stesso 1785, vi siano interventi ed eventualmente in che misura del Da Ponte. Comunque, il libretto che segnò il vero incontro di lavoro artistico tra Mozart e il D. fu quello per Le nozze di Figaro. Il desiderio di lavorare sulla commedia di Beaumarchais era stato espresso da Mozart, ma fu il D. che si batté per dar possibilità concrete all'impresa trattando direttamente con l'imperatore per superare i divieti di rappresentazione che gravavano sul testo di Beaumarchais, considerato troppo libero, e che si dette da fare per parare le mene del conte Rosenberg e del suo protetto Casti sempre in corsa per il posto di poeta cesareo.
Fu un momento felice. Via via che il D. scriveva le parole, Mozart scriveva per esse la musica. Le proposte della trama di Beaumarchais erano stimolanti per entrambi. Il D. immise in quelle proposte (e lo farà anche nei successivi libretti per Mozart) certo clima delle proprie esperienze esistenziali, il libertinaggio non intellettualistico o ideologico di certa vita, non solo la sua, ch'egli conosceva ed amava.
Dopo il successo delle Nozze di Figaro, Martin y Soler, Salieri e Mozart chiesero al D. nuovi libretti ed egli scrisse per il primo il dramma giocoso L'arbore di Diana, rappresentato a Vienna nel 1787, per Salieri ricavò da Tarare di Beaumarchais il dramma tragicomico Axur, re d'Ormus, rappresentato a Vienna nel 1788, mentre con Mozart si accordò per scrivere il dramma giocoso Il dissoluto punito o sia Il Don Giovanni, tratto da un libretto di Giovanni Bertati (ma ben lunga e larga era la tradizione delle trame su Don Giovanni). Il libretto del Bertati era stato scritto per la musica del Gazzaniga e rappresentato a Venezia nel carnevale del 1787.
Nelle Memorie il D. si dipinge in questo periodo mentre lavorava ore ed ore di ogni giorno alla stesura di questi libretti: sul tavolino una bottiglietta di tokai, il calamaio e una scatola di tabacco di Siviglia; fuori della porta una bella giovinetta, figlia della padrona di casa, che veniva nella sua camera a suono di campanello, la sua "Calliope" per le tre opere e per gli altri suoi versi di quegli anni. Il dissoluto punito o sia Il Don Giovanni venne rappresentato per la prima volta a Praga il 29 ott. 1787, presente anche Casanova venuto da Dux (controversa la questione di suoi apporti al libretto del Da Ponte). Fu un successo che tuttavia non si ripeté appieno nelle rappresentazioni che se ne fecero a Vienna quasi subito dopo.
Era un momento buono per il Da Ponte. Nel 1787 si era rappresentato a Vienna un suo Il Bertoldo per la musica di F. Piticchio; poco dopo escono due volumi di suoi Saggi poetici (Vienna 1788); nel 1788 va in scena, sempre a Vienna, Il talismano, con musica di Salieri, adattato da un omonimo libretto di Goldoni. E poi, ancora, su testi del D. (spesso solo adattamenti) vennero rappresentati, nel 1789, Il pastor fido (dal poemetto del Guarini) con musica di Salieri, L'ape musicale con musica di vari compositor i fra cui Mozart, La cifra con musica di Salieri; nel 1790, Nina o sia La pazza per amore con musica di G. Paisiello e J. Weigl, La quakera spiritosa con musica di P. Guglielmi, La caffettiera bizzarra con musica di Weigl.
Continuava frattanto la collaborazione con Mozart e il 26 genn. 1790 venne rappresentato a Vienna il dramma giocoso Così fan tutte o sia La scuola degli amanti. Assai discusso dai musicologi (tra gli altri B. Paumgartner e A. Einstein) il problema della configurazione dei rapporti di collaborazione tra il D. e Mozart in relazione agli esiti di eccezionale valore delle tre opere da essi assieme prodotte. Appare comunque evidente che ognuna delle due personalità, ciascuna a suo modo e misura, dovette trovare nell'altra stimoli felici alla liberazione di proprie potenzialità espressive.
In questo periodo il D., anche in relazione al fatto che l'abate Casti era lontano da Vienna, avrebbe potuto forse dar la scalata con successo al posto di poeta cesareo, se egli, con splendida imprevidenza, non avesse bruciato le sue possibilità pur di continuare la relazione che aveva imbastito con la cantante Adriana Gabrielli, moglie di Luigi Del Bene, detta "la Ferrarese", che cercò di imporre in tutti i modi non esitando ad urtarsi con molta gente di importanza. Immerso negli intrighi delle passioni amorose e negli intrighi necessari a tener posizione nel mondo del teatro sovvenzionato dai potenti, il D. finì con lo sbilanciarsi e giunse a metter fuori una lettera in versi che poteva suonare offensiva nei confronti di Leopoldo II, succeduto a Giuseppe II morto il 20 febbr. 1790. Con il nuovo imperatore, il quale tra l'altro, aveva inaugurato una politica di austerità finanziaria anche per quel che riguardava i teatri di corte, il clima della capitale era cambiato; ma il D. non se ne era reso conto. Comunque non era disposto a reprimersi troppo. Contro di lui fu messo in circolazione un libello intitolato Anti Da Ponte, in cui venivano additati risvolti poco edificanti della sua vita. Rotta era anche l'amicizia con Salieri. Nei suoi confronti l'atmosfera ostile montò al punto che all'inizio del 1791 egli venne espulso da Vienna dove, in gennaio, erano state presentate le due cantate Il tempio di Flora e Minerva e I voti della nazione napoletana, su testi suoi e musica rispettivamente di Weigl e Piticchio.
Il D. guadagnò allora Trieste, dove inutilmente tentò di spiegarsi e giustificarsi con Leopoldo II, che in quella città gli aveva concesso udienza. Finalmente egli avvertì il vuoto di appoggi fattosi attorno a lui. Chiese aiuto ad amici-protettori di tempi lontani, come i patrizi veneziani Memmo e Zaguri, e a compagni di lavoro che pur qualcosa gli dovevano come Mozart e si spinse sino ad inviare una supplica al Consiglio dei dieci perché gli fosse concessa: la grazia per la condanna subita nel 1779 e gli fosse concesso di tornare a Venezia. Tutto inutilmente.
Possibilità di reinserimento nel mondo viennese parvero ricrearsi per il D. nel 1792 con la morte di Leopoldo II e l'ascesa al soglio imperiale di Francesco II. Non fu così: egli tornò brevemente a Vienna, ma per constatare che non vi era più posto adeguato per lui, con il Casti nominato poeta cesareo e il Bertati nominato poeta dei teatri imperiali. Il D., sempre nel 1792, ritornò allora a Trieste (nel primo e secondo soggiorno triestino mise fuori qualche testo tra cui, nel 1791, la tragedia Il Mezenzio) e quivi si unì (non è chiaro se, o comunque quando, si sia sposato) questa volta definitivamente con Anna Celestina Ernestina Grahl, figlia di un mercante, la "Nancy" delle Memorie. Assieme a lei, con un modesto capitale e con una "temerarietà da ventenne", si mise in viaggio per Parigi. Non giungerà tuttavia nella capitale francese: un po' perché non erano incoraggianti le notizie che per strada lo raggiungevano sui movimenti delle truppe rivoluzionarie francesi e un po' perché Casanova, incontrato a Dux, gli aveva messo in testa idee per una nuova meta: Londra.
Un suo dio, un suo "genio", come il D. annota nelle Memorie, lomuovevano. Giunto a Londra nell'ottobre del 1792, egli tentò di lavorare per il teatro con l'appoggio degli amici, il cantante-impresario Michael Kelly e il maestro Stephen Storace, ma l'impresa non riuscì. In quel periodo ebbe una frequente corrispondenza con Casanova, presso il quale si sfogava delle sue difficoltà, ricevendone talora in cambio cinici consigli come quello di "appoggiarsi" alla bellezza della moglie Nancy (di lui più giovane di una ventina d'anni).
Nel luglio 1793 il D. si recò in Belgio e poi, in settembre, in Olanda a cercare di farsi promotore di allestimenti di opere italiane. Alla fine dell'anno tornò a Londra dove, a dispetto di un suo rivale, Carlo Badini, aveva ottenuto il posto di librettista al King's Theatre in Haymarket (opera italiana). Iniziò così un altro ciclo di lavoro per il teatro che si protrarrà nella capitale inglese per più di un decennio. Anni in cui il D. dovette misurarsi con le difficoltà dell'ambiente teatrale inglese (carattere poco trattabile dell'impresario William Taylor, estrosità di prime attrici come Brigida Banti e Anna Morichelli) e con le difficoltà delle piccole imprese affaristiche, nelle quali egli si buttava sia per bisogno economico e sia per dar sfogo alla sua vitalità (gestione del bar del teatro, intraprese editoriali ecc.), che gli procurarono liti giudiziarie e persino condanne per debiti.
In quegli anni londinesi tra il 1793 ed il 1804, il D. mise al mondo quattro figli con Nancy e dette fuori numerosi testi per musica (opere serie, opere buffe, talora solo adattamenti e traduzioni) che testimoniano della sua solida professionalità. Testi, tra gli altri, per la musica di F. Bianchi (Antigona nel 1796, Il consiglio imprudente da Un curioso accidente di Goldoni nel 1796, Merope da Voltaire nel 1797, Cinna nel 1798, Armida nel 1802, forse anche La Semiramide nel 1794); per la musica di G. Paisiello (ripresa-adattamento de La Frascatana nel 1794); per la musica di D. Cimarosa (qualche intervento ne Il capriccio drammatico); per la musica di P. Guglielmi (qualche intervento ne La bella pescatrice nel 1794); per la musica di G. Sarti (qualche intervento ne I contadini bizzarri nel 1794); per la musica di V. Martin y Soler (La capricciosa corretta, o La scuola dei maritati, e L'isola del piacere, ambedue nel 1795); per la musica di J. Mazzinghi (Il tesoro nel 1796); per la musica di A. E. Grétry (interventi in Zemira e Azor nel 1796); per la musica di P. Winter (La grotta di Calipso nel 1803, Il trionfo dell'amor fraterno nel 1804, Il ratto di Proserpina nel 1804). A Londra, il D. ripropose anche un "pasticcio", il Don Giovanni in un atto, con musica di vari autori, tratto dal libretto del Bertati. Mise fuori anche qualche cantata come La vittoria con musica di Paisiello nel 1794; Le nozze del Tamigi e Bellona con musica di F. Bianchi nel 1797. Preparò altresì lo "show" Sei canzonette italiane (con versione inglese) nel 1795 per la musica di Martin y Soler, e curò la pubblicazione di sue composizioni poetiche con i volumi Il tributo del core (London 1793) e Saggipoetici (ibid. 1801).
Tra l'ottobre del 1798 e il marzo del 17993 il D. tornò in Italia, accompagnato da Nancy, per un viaggio, pagato dall'impresario Taylor, alla scoperta di talenti del bel canto da scritturare. Egli trasformò questa spedizione, che doveva essere di lavoro (da questo punto di vista i risultati furono modesti), in una ripercorrenza dei luoghi e delle situazioni degli anni di intensa libertà di vita della sua giovinezza: Ceneda e il vecchio padre, ma soprattutto Venezia, dove egli cercò con tale aderenza e concretezza le immagini del suo passato turbinoso nella città, i compagni e le compagne di libertinaggi di venti anni prima, da suscitare sospetto negli organi di sorveglianza dell'imperial regio governo austriaco, nelle cui mani, da pochi mesi, finita la Repubblica aristocratica e la breve esperienza della Municipalità democratica provvisoria del 1797, si trovava Venezia. Espulso ancora una volta dalla città, il D. toccò Padova, Ferrara, dove rivide Giorgio Pisani, Bologna, dove conobbe Foscolo, Firenze, ed infine ritornò a Londra.
Guastatisi i rapporti con l'impresario Taylor e trovatosi per qualche tempo allontanato dal suo posto al King's Theatre, il D. mise su una libreria, anche editrice, specializzata nella vendita di libri italiani. Sarà lui l'editore-venditore dei suoi Saggi poetici del 1801 e di altre opere di autori italiani (Casti, Tasso, Ariosto, Parini, Beccaria, Maffei e altri). Una impresa libraria che funzionava bene, ma che non bastò, alla lunga, a raddrizzare le situazioni debitorie in cui il D. venne a trovarsi dopo aver riallacciato i rapporti col King's Theatre, in gran parte a causa delle sventatezze del Taylor.
Maturava intanto un'altra svolta importante nell'esistenza del Da Ponte. Nell'agosto del 1804, chiamata colà dai propri parenti, Nancy era partita per l'America con i quattro figli di cui uno in fasce. L'anno seguente, un po' per desiderio dei suoi, un po' per l'aggravarsi degli intrighi finanziari in cui si trovava, anche il D. decise di partire. Nell'aprile del 1805 si imbarcò per Filadelfia, dove giunse il 4 giugno col suo piccolo bagaglio comprendente alcuni libri e una cassetta di corde da violino.
A cinquantasei anni, a "Nuova Jorca" (New York), il D. si rimise a inventarsi la vita: improvvisatosi droghiere, pochi mesi dopo passò da New York ad Elisabethtown (N. J.) con un socio "vizioso" che gli dette mano a condurre gli affari sull'orlo del fallimento. Tornato, all'inizio del 1807, a New York con tutta la famiglia (i figli erano cresciuti a cinque) conobbe occasionalmente il giovane studioso Clement Clarke Moore, il quale rimase affascinato dalla sua personalità. Il Moore gli procurò la possibilità di mettere su un piccolo corso di lingua italiana in casa del proprio padre, preside del Columbia College. Ben presto, grazie all'entusiasmo del D., crebbe il numero degli allievi, delle materie e degli insegnanti (fra i quali, Nancy). A supporto delle sue lezioni, il D. dava per esercitazione la lettura di una storia della sua vita che sarebbe uscita di lì a poco (Storia compendiosa della vita di Lorenzo Da Ponte scritta da lui medesimo. A cuisi aggiunge la prima letteraria conversazione tenuta in sua casa, il giorno 10 marzo dell'anno 1807, in New York, consistente in alcune composizioni italiane, sì in verso che in prosa, tradotte in inglese dai suoi allievi, New York 1807) e che avrebbe costituito poi un nucleo delle Memorie.
In terra d'America (nel 1808 a New York si stampò una sua canzone Agli Stati Uniti d'America) gli affari apparivano al D. a dimensione di "avventura", quali in Europa gli erano parse certe tresche erotico-amorose: si associò a un distillatore di liquori e ci rimise parte del denaro che era riuscito a racimolare con la scuola d'italiano. Di conseguenza (ma anche per insistenze dei parenti di Nancy), nel giugno 1811, si trasferì con la famiglia a Sunbury in Pennsylvania dove - divenuto in quell'anno cittadino americano - ricominciò a trafficare nel settore dei liquori, droghe, medicinali. Si mise anche nei trasporti (Sunbury-Filadelfia) e, nel 1814, aprì una modisteria. Lasciate queste imprese, nelle quali aveva avuto alti e bassi di fortuna sullo sfondo di una realtà americana in tumultuosa espansione, nell'agosto 1818 passò a Filadelfia, dove riuscì a mettere assieme di che vivere insegnando e raccogliendo libri italiani che il figlio Giuseppe andava a commerciare a New York. Di nuovo il D. entrò in contatto con New York e Clement Moore lo convinse a ritornarvi e a riprendervi l'insegnamento dell'italiano.
Nell'aprile 1819, a settanta anni, il D. era di nuovo a New York e si rimetteva nell'impresa dell'insegnamento con quello spirito e passione pieni di entusiasmante vissuto che catturavano gli allievi e davano successo alle sue lezioni come testimonia anche il fatto che alcuni di essi chiesero di essere ospitati a casa sua per avere con lui più ampio sodalizio di vita, il che lo spinse ad organizzare, dal 1821, quella specie di pensionato domestico che sarà la "Ann Da Ponte's Boarding House" (sopravvissutagli sino al 1840). E tutto ciò nonostante qualche libello che circolava anonimo con pesantissime accuse contro di lui. Al suo ritorno aveva dato alle stampe An extract from the life of Lorenzo Da Ponte with the History of several dramas written by him and among others, "Il Figaro","Il Don Giovanni" and "La scola degli amanti", set to music by Mozart (ibid. 1819). Nel frattempo, egli, a più riprese, donava libri italiani di sua proprietà alla New York Public Library. Successivamente, ancora, farà comprare alla Public Library e al Columbia College libri italiani che andranno a costituire ed alimentare fondi specifici.
Un dolore profondo gli causò, nell'estate del 1821, la morte del figlio Giuseppe. Per un anno abbandonòl'insegnamento e per qualche tempo si ritirò in campagna presso amici, dove tradusse in italiano in terza rima The Prophecy of Dante di Byron (La profezia di Dante di Lord Byron, tradotta in terza rima da Lorenzo Da Ponte, Nuova Jorca 1821). All'inizio dell'anno aveva pronunciato il discorso apologetico Sull'Italia poi stampato (New York 1821), in risposta ad attacchi anti italiani della stampa inglese.
Tornato a New York e all'insegnamento si associò al giovane figlio Carlo in un negozio di libri italiani (Catalogo ragionato dei libri che si trovano attualmente nel negozio di Lorenzo e Carlo Da Ponte, Nuova Jorca 1823) e nel 1823 incominciò a pubblicare, partecipando all'edizione, le sue Memorie (Memorie di Lorenzo Da Ponte, da Ceneda, scritte da esso, I-IV,ibid. 1823-27). Nel 1825 Clement Moore fece creare per lui un posto di insegnante di italiano al Columbia College, mentre egli pubblicava qualche scritto di commento a Dante (Critique on certain passages in Dante, in New York Review and Athenaeum Magazine, I[1825], pp. 156-158, 241 s., 325-327) e polemizzava contro lo storico William H. Prescott per alcune sue considerazioni sulla letteratura italiana (Alcune osservazioni sull'articolo quarto pubblicato nella "North American Review" il mese d'ottobre dell'anno 1824, Nuova Jorca 1825).
Quello della introduzione dell'opera italiana in America era stato un evento sempre sperato dal Da Ponte. Nel novembre del 1825 tale evento si realizzò con l'arrivo a New York della compagnia lirica di Manuel Garcia, che comprendeva, assieme ad altri bravi cantanti, anche la figlia di costui, Maria, la quale sarebbe divenuta famosa come Maria Malibran. L'esordio al Park Theatre si ebbe con Il barbiere di Siviglia di Rossini e fu un successo. Un calorosissimo incontro del Garcia con il D. portò all'allestimento e rappresentazione con ampi consensi, il 23 maggio 1826, del "suo" Don Giovanni. Nel 1827, oltre a una Storia della lingua e della letteratura italiana in New York (New York 1827) con aggiunta di altri scritti, il D. pubblicò il quarto ed ultimo volume delle Memorie, di cui un paio di anni dopo (la censura le aveva proibite nei territori italiani sottoposti alla dominazione austriaca) uscirà una seconda edizione (Memorie di Lorenzo Da Ponte da Ceneda in tre volumi, scritte da esso. Seconda edizione corretta e ampliata ed accresciuta d'un intero volume e dialcune note (Nuova Jorca 1829-1830).
Ampia la varietà di lettura e giudizio critici sulle Memorie e frequenti i confronti con quelle di Casanova, Goldoni, Carlo Gozzi, ecc., o con quelle (utili per notizie sul D.) dell'amico Michael Kelly (Reminiscences, London-New York-Toronto 1975). Forse non abbastanza valutato il fatto che il D. scrisse la propria biografia - la quale, pure, per molta parte ha scenario nei "vecchi regimi" settecenteschi europei - immerso ormai da anni in una esperienza di epoca e di strutture (economico-sociali, soprattutto) assolutamente nuove: quelle dell'Ottocento e degli Stati Uniti d'America. Di qui forse anche la sua scrittura puntata sul rapido e animato racconto dei fatti, dei personaggi, degli atteggiamenti psicologici nella loro espressione pratica. Una scrittura adattata a una vita - quella del D. - che ha bensì "attraversato" e talora seguito i percorsi degli "avventurieri" settecenteschi (tanto per usare la stanca nomenclatura di certa critica), ma che ha partecipato altresì alle "movimentazioni" di sviluppo del mondo nuovo. Per certi aspetti della sua vita (sceneggiata e, naturalmente, mistificata nelle Memorie) o, almeno, per come quegli aspetti si propongono ad attuali sensibilizzazioni, oggi forse ci si può chiedere se il D., oltre che come autore europeo, non possa esser messo in valutazione anche come autore "americano".
Ottantenne, nel 1830, il D. si adoperò per lanciare in America la nipote Giulia approdata a New York assieme al padre, il fratellastro del D. Agostino, ma una esibizione della giovane cantante ne L'ape musicale, che non ebbe troppo successo, e il matrimonio di lei mortificarono le sue speranze. Editò Alcune poesie (New York 1830, pubblicate anche col titolo Mazzetti di fiori e Mazzetti di fiori austriaci) e Poesie varie (ibid. 1830), riprendendo in questo volume anche scritti aggiunti nella seconda edizione delle Memorie. Nell'ottobre del 1831 la morte di Nancy gli procurò profondo dolore. In memoria di lei scrisse una serie di sonetti apparsi in Versi composti daLorenzo Da Ponteper la morte di Anna Celestina, Ernestina sua virtuosissima e adorata consorte (ibid. 1832), contenente anche altri scritti.
Passato a vivere in casa del figlio Lorenzo, fu aiutato a sollevarsi dal dolore da una nuova avventura imprenditoriale nella quale si lanciò nell 1832: una partecipazione alla impresa teatrale del tenore impresario Jacques Montrésor, che egli aveva convinto a venire dall'Europa con una compagnia d'opera. L'impresa, nonostante l'attività frenetica del D. che a Filadelfia era riuscito a raccogliere 8.000 dollari di sottoscrizioni, si concluse non troppo bene con lo scioglimento della compagnia dopo poco più di una trentina di rappresentazioni e con un paio di scritti polemici del D. sulla vicenda: Storia incredibile ma vera. Parte I. Storia dellaCompagnia dell'Opera Italiana condotta daGiacomo Montresor inAmerica, in agosto dell'anno 1832 (Nuova Jorca 1833) e Storia incredibile ma vera. Parte II (New York 1833; per questi lavori e le intitolazioni: L. Da Ponte, Memorie e altri scritti, a cura di C. Pagnini..., pp. 911 s.).
A ottantaquattro anni l'idea di un teatro stabile italiano da fondare a New York dominava ancora il D.: si associò nel 1833, con tale Riva Finoli e si mise a raccoglier denaro, elaborare programmi, promuovere consensi finché riuscì a far allestire a New York (all'incrocio fra Church e Leonard) un teatro, l'Italian Opera House, che venne inaugurato trionfalmente il 18 nov. 1833 con La gazza ladra di Rossini. La nuova impresa (circa 150.000 dollari per metter su il teatro), rimasta quasi per intero sulle spalle del D. anche dal punto di vista organizzativo, dopo due stagioni e un buon numero di rappresentazioni, dovette chiudere per il deficit finanziario ed il teatro passò ad altri.
Gli ottantacinque anni di età - nel frattempo il D. aveva pubblicato Storia americana, ossia Il lamento di Lorenzo DaPonte quasi nonagenario al nonagenarioMichele Colombo (Nuova Jorca 1835) e Frottola per far ridere di L. Da Ponte, abitante da trentaanni negli Stati Unitid'America e onorato nella sua liberacittadinanza (ibid. 1835) - lo costrinsero ad assumere la parte del vecchio: scrive agli amici lontani, vorrebbe tornare in Italia. Non trova ascolto, e sono i suoi familiari e qualche amico, come il Mobre, che lo aiutano anche materialmente a vivere. Nel 1831, dopo la morte di Nancy, il D. aveva avuto uno scambio epistolare con il patriarca di Venezia Iacopo Monico e aveva cominciato a preparare una sua conciliazione con la Chiesa cattolica. Questa impresa di ritorno alla Chiesa si concluse nell'agosto del 1838 tra il D. e il prete chiamato quando la vita del poeta stava con ogni evidenza avviandosi alla fine.
Il D. morì il 17 ag. 1838 in Spring Street 91 a New York, ed ebbe un gran funerale con Clement Moore e Pietro Maroncelli che reggevano i cordoni del feretro. Perdute rimangono le tracce della sua sepoltura.
Fra le più importanti e recenti ediz. e traduzioni delle Memorie: Memorie, a cura di G. Gambarin-F. Nicolini, I-II, Bari 1918; Denkwürdigkeiten des Venetianers L. Da Ponte, a cura di G. Gugitz, I-III, Dresden 1924-25 (con accurate e numerose note di puntualizzazione sulla biografia del D.); Memoirs of L. Da Ponte, Mozart's Librettist, a cura di L. A. Sheppard, London 1929; Mémoires (1749-1838) suivis de lettres inéd. de L. Da Ponte à Jacques Casanova, prefaz. e note di R. Vèze, Paris 1931; Memoirs of L. Da Ponte, trad. di E. Abbott, note di A. Livingston, prefaz. di T. G. Bergin, New York 1959; Memorie, a cura di C. Pagnini, Milano 1960; Mein abenteuerliches Leben. Die Memoiren des Mozart-Librettisten, a cura di W. Klefisch, Hamburg 1960; Gesch. meines Lebens. Memoiren eines Venezianers, a cura di C. Birnbaum - H. Kesten, Tübingen 1969; Die Memoiren des Mozart-Librettisten, galanten Liebhaber und Abenteuerers L. Da Ponte, trad. di G. Albrecht, Berlin 1970; Pameti, trad. di J. Kostohryz, Praha-Bratislava 1970; Mem. e altri scritti di L. Da Ponte, a cura di C. Pagnini, prefaz. di P. Chiara, Milano 1971 (con accuratissima bibl. delle opere del D. e comprendente, oltre alle Memorie, una scelta di altri scritti del D., tra cui il discorso Sull'Italia, il saggio sulla Storia della lingua e letter. ital. in New York, la Storia della compagnia dell'opera ital. condotta da Giacomo Montresor in America, la Frottola per far ridere e parecchie composizioni poetiche). Fra le poche recenti ediz. di libretti del D., da segnalare: Tre libretti per Mozart, a cura di P. Lecaldano, Milano 1956 (con abbondanti ed accurate note); Memorie. Libretti mozartiani, pref. di G. Armani, Milano 1976.
Fonti e Bibl.: Arch. di Stato di Venezia Esecutori contro la Bestemmia, busta 36 (carte del processo contro il D. del 1779). Un nutrito manipolo di lettere del D. è stato pubbl. in P. Molmenti, Cart. casanoviani, I,s. l. né d. [ma Milano-Palermo-Napoli 1917], pp. 260-316 (vedi anche ad Indicem); B. Gamba, L. D., in E. De Tipaldo, Biografia, degli Italiani illustri..., VIII, Venezia 1841, pp. 256-265; J. Grosse, D. und Mozart, I-III, Jena 1874 (si tratta di un'opera di carattere narrativo); E. Masi, Studi e ritratti, Bologna 1881, pp. 301-335; E. De Marchi, Lettere e letterati ital. del sec. XVIII, Milano 1882, pp. 126-128, 132-137; H. E. Krehbiel, Music and Mannersin the Classical Period, New York 1898, cap. IV passim; A. Marchesan, Della vita e delle opere di L. D. …, Treviso 1900; L. Olschki, L. D. libraio e bibliofilo, in La Bibliofilia, maggio-giugno 1906, pp. 41-49; A. Ravà, Un'operetta sconosciuta sulla morte di Luigi XVI, in Il Marzocco, 25 giugno 1911; Id., Lettere di donne a G. Casanova, Milano 1912 [ma 1911], pp. 142, 156, 222, 233, 236, 250 s.; H. Boas, L. D. als Wiener Theaterdichter, in Sammelbände der Internat. Musik-Gesellschaft, XV (1913-14), pp. 325 ss.; P Molmenti, Epist. venez. del sec. XVIII, Milano Palermo-Napoli 194, pp. 93-118; E. Istel, Das Libretto: Wesen, Aufbau und Wirkung des Opern-buches…, Berlin-Leipzig 1914, pp. 169 ss.; P. Molmenti, Carteggi casanoviani, II, Lettere del patrizio Zaguri a G. Casanova, s. l. né d. [ma Milano Palermo-Napoli 1919], ad Indicem; J. L. Russo, L. D. Poet and Adventurer, New York 1922 (con elenco delle opere ed ampia bibliografia); E. Maddalena, L. D. in America, in Il Marzocco, 19 ag. 1923; G. Mazzoni, Abati soldati autori attori del Settecento, Bologna 1924, pp. 376-390; C. L. Curiel, L. D. a Trieste, in Il Piccolo della Sera, 20 ag. 1925; L. Collison Morley, Mozart's librettist L. D., London 1926; A. Livingston, L. D. in America, Philadelphia 1930; E. W. Wright, L. D., in Dict. of American Biography, V,New York 1930, pp. 71 s.; F. Nicolini, La vera ragione della fuga di L. D. da Venezia, in Arch. stor. ital., s. 7, XIV (1930), pp. 129-138; G. Andrees, Mozart und D. …, Leipzig 1936; B. Ziliotto, L. D. e Giuseppe de Coletti, in Archeografo triestino, s. 4, I-II (1938-39), pp. 117-173; T. De Wyzewa-G. De Saint-Foix, W. A. Mozart …, I-V,Paris-Bruges 1912-1946, ad Indicem; A. Loewenberg, L. D. in London…, in The Music Review, IV (1943), 3, pp. 171-189; D. Rossetti, Scritti ined. pubblicati dal Municipio di Trieste, II, L'Epistolario, a cura di C. Pagnini, Udine 1944, pp. 444-614; R. M. Cossar, L. D. ospite del conte Torriano a Gorizia, in La Porta orientale, XVI (1946), pp. 20-40; E. J.Dent, Mozart's Operas. A critical study, London 1947, ad Indicem; R. M. Cossar, Un poemetto di L. D. stampato a Gorizia nel 1780, in Archeografo triestino, s. 4, XIV-XV (1948), pp. 415-430; A. Pompeati, Un cosmopolita veneto del Settecento; L. D.,in Ateneo veneto, CXLII (1951), 135, n. 1, pp. 13-26; E. Bonora, L. D., in Letterati, memorialisti e viaggiatori del Settecento, Milano-Napoli 1951, pp. 827-839; A. Einstein, Mozart. Il carattere e l'opera, Milano 1951, pp. 424-449; P. S. Orsi, Il bando da Venezia di L. D., in Ateneo veneto, CXLIII (1952), 136, n. 2, pp. 129-131; F. Gaeta, Un ignorato episodio della vita dell'abate L. D.,in Giornale stor. della lett. ital., CXXXI (1954), pp. 195-208; A. Fitzlyon, The Libertine Librettist. A Biography of Mozart's Librettist L. D.,London 1955; Mozart, I, La vita; II, Le opere, a cura di F. Armani, Milano 1956, ad Indicemi (di interesse per il D., i saggi di B. Dal Fabbro, Vita di Mozart: 1756-1791; di C. Sartori, "Le nozze di Figaro", elegia della giovinezza; di G. A. Gavazzeni, Il "Don Giovanni e la sua posterità; di M. Mila, Razionalismo di "Così fan tutte";e di E. Gara, I suoi alleati italiani); A.Della Corte, Tutto il teatro di Mozart, Torino 1957, pp. 122-157 e passim;-F. d'Amico, D. L., in Encicl. dello Spett. IV, Roma 1957, coll. 164-169.; A. H. Lograsso, P. Maroncelli, Roma 1958, ad Indicem; K. M. Pisarowitz, D. in Augsburg, in Acta Mozartiana, IX (1962), pp. 68 ss.; G. Macchia, Gli oscuri antenati del Don Giovanni di Mozart e D.,in La scuola dei sentimenti, Caltanissetta-Roma 1963, pp. 213-253; G. Natali, Il Settecento, I,2, Milano 1964, ad Indicem; G. Mazzoni, L'Ottocento, I,2, Milano 1964, ad Indicem; G. Casanova, Storia della mia vita, Milano 1965, IV, p. 375; VI, p. 381; VII, pp. 152-154, 177, 241-257, 314; A. Livermore, "Così fan tutte": a well-kept Secret, in Music and Letters, XLVI,n. 4 (1965), pp. 316-321; O. Michtner, Der Fall Abbè D.,in Mitteil. des Österreichischen Staatsarchivs, XIX (1966), pp. 170-209; V. Sermonti, Mozartsches in D., in Paragone, XVII (1966), 196/16, pp. 3-43; V. Frajese, Bertati Giovanni, in Diz. biograf. degli Italiani, IX,Roma 1967, pp. 480-482; A. Greither, Mozart, Torino 1968, p. 134; M. Fubini, L. D.,in L'opera per musica dopo Metastasio (Calzabigi-D.-Casti), Milano-Napoli 1968, pp. 939-943; W. Binni, Il Settecento letterario, in Storia della letter. ital.,a cura di E. Cecchi - N. Sapegno, VII, Milano 1968, pp. 573, 606, 607; G. Lanza Tomasi, Le nozze di Figaro. Don Giovanni. Così fan tutte, in Guida all'opera, I,Milano 1971, pp. 330-363; S. Kunze, Don Giovanni von Mozart: die Tradition der Don Giovanni Opern im italien. Buffa-Theater des 18. Jahrhunderts, München 1972, ad Indicem; L. Alberti, L. D. e la librettistica del Settecento, in Diz. critico della lett. ital.,a cura di V. Branca, I, Torino 1973, pp. 663-667; L. Janvier, D., Don Juan, Mozart, in Obliques, IV[s. a., ma 1973-74], pp. 107-112; G. Nicastro, Il teatro nel secondo Settecento, in Il Settecento. L'Arcadia e l'età delle riforme, Bari 1974, pp. 501-507; N. Mangini, Casanova Giacomo, in Diz. biograf. degli Italiani, XXI,Roma 1978, pp. 162, 164; B. Paumgartner, Mozart, Torino 1978, ad Indicem; M. Mila, Lettura delle "Nozze di Figaro". Mozart e la ricerca della felicità, Torino 1979, pp. 9 s., 13, 18-21; S. Nigro, Casti Giambattista, in Diz. biograf. degli Italiani, XXII,Roma 1979, pp. 27, 32; E. J. Dent, Il teatro di Mozart, Milano 1979, ad Indicem; R. Angermüller, D. L., in The New Grove Dictionary of Music and Musicians, a cura di S. Sadie, V, London 1980, pp. 236-238; P. J. Smith, La decima musa. Storia del libretto d'opera, Firenze 1981, pp. 155-160, 163-168, 299-315, e ad Indicem; D. Goldin, D. librettista fra Goldoni e Casti, in Giorn. stor. della lett. italiana, CLVIII (1981), pp. 396-408; W. A. Mozart, Lettere, a cura di E. Ranucci, Milano 1981, p. 241; D. Goldin, Mozart, D. e il linguaggio dell'opera buffa, in Venezia e il melodramma nel Settecento, a cura di M. T. Muraro, II, Firenze 1981, pp. 213-277; S. Kunze, Elementi venez. nella librettistica di L. D., ibid., pp.279-292; W. Osthoff, Gli endecasillabi villotistici in "Don Giovanni" e "Nozze di Figaro", ibid., pp. 293-311; L. Zorzi, "Teatralità" di L. D. tra "memorie" e libretti d'opera. ibid., pp. 313-349; C. Osborne, Tutte le opere di Mozart., Firenze 1982, pp. 278-283, 326-331 e ad Indicem; G.Gronda, Una scena, una "pièce": ambiguità comica nel "Don Giovanni" dapontano, in Ambiguità del comico, a cura di G. Ferroni, Palermo 1983, pp. 117-34; P. M. Pasinetti, Librettista di Mozart e droghiere a New York, in Corriere della Sera, 5 ott. 1983; Id., Le ultime ariette di D. americano, ibid.,6 ott. 1983; G. da Pozzo, Tra cultura e avventura; dall'Algarotti al D., in Storia della cultura veneta, V, 1,Vicenza 1985, pp. 509-55; D. Goloin, La vera Fenice. Libretti e librettisti tra Sette e Ottocento, Torino 1985, ad Indicem; S.Hodges, L. D.; the life and times of Mozart's librettist, Glasgow 1985; Enc. della Musica, II, Milano 1964, p. 13; Diz. enc. della Lett. ital., II, Bari-Roma 1966, pp. 205-207.

Termine Fonte
Lorenzo Da Ponte Dizionario Biografico degli italiani
Arcadia Enciclopedie on line
Beaumarchais, Pierre-Augustin Caron de Enciclopedie on line
borghesia Enciclopedie on line
Byron, George Gordon lord Enciclopedie on line
commedia Enciclopedie on line
Don Giovanni Enciclopedie on line
Handke Peter Enciclopedie on line
Illuminismo Enciclopedie on line
Jouve, Pierre-Jean Enciclopedie online
libretto d'opera Enciclopedie on line
Manzoni, Alessandro Enciclopedie on line
Mozart, Wolfgang Amadeus Enciclopedie on line
opera Enciclopedie on line
Rivoluzione francese Enciclopedie on line
Rostand, Edmond Enciclopedie on line
Saramago, José Enciclopedie on line
storia della musica Enciclopedie on line
teatro Enciclopedie on line
Veneto Enciclopedie on line
Autore Titolo Edizione
Byron, George Gordon La profezia di Dante, traduzioni di Michele Leoni e Lorenzo Da Ponte, a cura di Francesco Bruni e Loretta Innocenti Roma, Salerno, 1999
Caira Lumetti, Rossana Da Ponte esiliato da Vienna. Con una appendice di documenti Roma, Aracne, 1996
Cosolo, Romolo Caro Lorenzo. Quattro passi per il mondo con Lorenzo Da Ponte, abate, poeta, librettista di Mozart, mercante, professore, padre di famiglia Mariano del Friuli, I libri del litorale, 2005
Da Ponte, Lorenzo Lettere di Lorenzo da Ponte a Giacomo Casanova, 1791-1795, a cura di Giampaolo Zagonel, Vittorio Veneto, De Bastiani, 1988
Da Ponte, Lorenzo Lettere, epistole in versi, dedicatorie e lettere dei fratelli Vittorio Veneto, De Bastiani, 1995
Da Ponte, Lorenzo Libretti londinesi, a cura di Lorenzo Della Cha Milano, Il polifilo, 2007
Da Ponte, Lorenzo Libretti viennesi, a cura di Lorenzo Della Cha Parma, Guanda, 1999
Da Ponte, Lorenzo Memorie, a cura di Armando Torno e Max Bruschi Milano, Gallone, 1998
Da Ponte, Lorenzo Poesie e traduzioni poetiche, a cura di Aldo Toffoli e Giampaolo Zagonel Vittorio Veneto, De Bastiani, 2010
Da Ponte, Lorenzo Saggio di traduzione libera di Gil Blas, a cura di Lorenzo Della Cha Milano, Il polifilo, 2002
Giornata di studi dapontiani. Atti del convegno internazionale di studio (Vittorio Veneto, 17 novembre 2002), a cura di Aldo Toffoli e Giampaolo Zagonel Treviso, Teatri, 2004
Goldin, Daniela Mozart, Da Ponte e il linguaggio dell’opera buffa Firenze, Olschki, 1981
Hodges, Sheila Lorenzo da Ponte. The life and times of Mozart’s librettist New York, Universe Books, 1985
Lanapoppi, Aleramo Lorenzo Da Ponte. Arte, amori e avventure di un grande viaggiatore Venezia, Marsilio, 1997
Lanapoppi, Aleramo Lorenzo Da Ponte. Realtà e leggenda nella vita del librettista di Mozart Venezia, Marsilio, 1992
Lorenzo Da Ponte librettista di Mozart. Atti del convegno (New York, Columbia University, Casa Italiana, Piccolo Teatro, 28-30 marzo, 1988), a cura di Marina Maymone Siniscalchi e Paolo Spedicato Roma, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, 1992
Mellace, Raffaele Nel Laboratorio di Da Ponte. Cosi fan tutte, Le Nozze di Figaro e la librettistica coeva Firenze, Olschki, 1999
Molmenti, Pompeo Epistolari veneziani del Settecento Venezia, Supernova, 2005
Piot, Cyrille Lorenzo da Ponte. Le librettiste de Mozart, 1749-1838 Paris, L’harmattan, 2008
Rescigno, Eduardo Da Ponte poeta e libertino tra Mozart e il nuovo mondo Milano, Bompiani, 1989
Rescigno, Eduardo Lorenzo da Ponte Milano, Fabbri, 2001
Ritorno di Lorenzo da Ponte (il), a cura di Vittorino Pianca e Aldo Toffoli Vittorio Veneto, Comune di Vittorio Veneto, 1993
Spedicato, Paolo La sindrome di Shehrazade. Intertestualità e verità in Lorenzo Da Ponte Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 2000
Stiffoni, Gian Giacomo Non son cattivo comico. Caratteri di riforma nei drammi giocosi di Da Ponte per Vienna Torino, Paravia, 1998
Zagonel, Giampaolo Lorenzo Da Ponte (Ceneda 1749-New York 1838). Bibliografia Vittorio Veneto, De Bastiani, 1999
I Luoghi di Da Ponte
> Austria
> Belgio
> Germania
> Inghilterra
> Italia
> Olanda
> Stati Uniti d'America
Cronologia
1749
Vita, 10 marzo
Nasce a Ceneda, oggi Vittorio Veneto, Emanuele Conegliano, figlio di Geremia Conegliano e Rachele Pincherle. È di famiglia e religione ebraica.
1763
Vita, 29 agosto
Il padre di Emanuele, Geremia, rimasto vedovo e sposata una giovane cristiana, Orsola Pasqua Paietta, converte al cristianesimo tutta la famiglia, compresi i figli del precedente matrimonio. Emanuele diventa dunque cristiano cattolico e il vescovo che lo battezza, secondo la tradizione, gli impone il suo nome di battesimo, Lorenzo da Ponte, e lo indirizza, insieme al fratello Girolamo, alla vita sacerdotale. Lorenzo e Girolamo da Ponte sono accolti nel seminario di Ceneda: Lorenzo studia con particolare attenzione il latino e l’italiano e con grande interesse Dante, Petrarca, Ariosto e Tasso.
1769
Vita
In coincidenza con la morte del vescovo Lorenzo da Ponte, lascia il seminario di Ceneda per trasferirsi in quello di Portogruaro.
1770
Vita
Riceve gli ordini minori nel seminario di Portogruaro.
1772
Opera
Pubblica alcuni poemetti tra cui un Ditirambo sopra gli odori.
1773
Vita
Viene ordinato sacerdote, celebra la sua prima messa e poco tempo dopo si trasferisce a Venezia, dove svolge l’attività di pedagogo e contemporaneamente entra in contatto con l’ambiente mondano della città che lo affascina e lo coinvolge.
1774
Vita
Si allontana da Venezia l’anno successivo (1774) per sfuggire ad un vecchio amore.
1776
Vita
Insegna al seminario di Treviso ed è professore di retorica. Si fa promotore di un dibattito pubblico, proposto ai suoi studenti, dal tema: Se gli uomini per le leggi e per le distribuzioni della civil società abbiano il sentiero della felicità umana appianato o ristretto; o se per queste leggi medesime sieno in rapporto alla loro felicità nel primiero stato rimasti. Con questo dibattito inizia a crearsi molte inimicizie che lo isoleranno per sempre dall’ambiente veneto. Infatti il Senato veneziano, convinto di vedere in queste sue idee la matrice dell’idea rousseauniana, sancisce l’esclusione di Lorenzo da Ponte dall’insegnamento nel territorio veneto. Questa decisione lo costringe a fuggire a Venezia dove riceve ospitalità dall’amico Bernardo Memmo.
1777
Vita
Diventa segretario di Pietro Zaguri, conosce Giacomo Casanova e stringe amicizia con il patrizio Giorgio Pisani. Allontanato dalla casa di Bernardo Memmo per i suoi scandali, viene accolto nella casa di un artigiano, Carlo Bellaudi, con la cui moglie, Angiola, avrà una lunga relazione amorosa.
1779
Vita
Su ordine degli esecutori contro la Bestemmia, viene bandito per 15 anni dalla Repubblica di Venezia: il suo esibizionismo e la sua vita sregolata vennero ritenuti eccessivi. Nel settembre di quest’anno fugge dapprima a Gorizia (Friuli austriaco) dove viene accolto dalla neofondata colonia di Arcadi, ove riceve il nome di Lesbonico Pegasio e pubblica Le gare degli uccelli (Gorizia, 1779).
1780
Vita/Opera
Riparte da Gorizia e durante il viaggio, prima di giungere a Dresda, passa per Vienna, che in quei giorni era a lutto per la morte dell’imperatrice Maria Teresa (20 novembre); per l’occasione, compone un sonetto dal titolo Per la morte di Sua Maestà l’Imperatrice Maria Teresa (Vienna, 1780).
1781
Vita/Opera
Vive a Dresda dove lavora con Caterino Mazzolà che lo inizia al lavoro di librettista. Con lo stesso Mazzolà collabora all’adattamento e alla traduzione di opere teatrali come Atys e Cibele da Ph. Quinault. Alla fine di quest’anno si trasferisce a Vienna dove pubblica la fiaba-poemetto, Filemone e Bauci (Vienna, 1781).
1782
Vita
A Vienna trova ad accoglierlo l’amicizia del compositore Antonio Salieri, al quale era stato raccomandato dallo stesso Mazzolà. Per pochi mesi c Conosce Pietro Metastasio, che morirà il 12 aprile di quest’anno.
1783
Vita
Viene benevolmente accolto alla Corte di Giuseppe II grazie all’amico ciambellano, il conte Franz Xaver Wolf Orsini – Rosenberg, dove è nominato Poeta dei teatri imperiali, titolo che ricoprirà per dieci anni. In casa del barone Raimund von Wetzlar conosce W. A. Mozart.
1783
Opera
Viene rappresentata L’Ifigenia in Tauride adattata da un libretto di N. F. Guillard e musicata da C. W. Gluck.
1784
Opera
Lorenzo da Ponte ha il suo primo vero e proprio esordio teatrale con il dramma giocoso Il ricco di un giorno sulla musica di Antonio Salieri.
1785
Opera
Scrive molti testi per il teatro musicale ed acquista una buona professionalità. Molti di questi libretti per drammi sono dei rimaneggiamenti, come ad esempio Il burbero di buon cuore, ricavato da Le Bourru bienfaisant di Carlo Goldoni, oppure il libretto de Il finto cieco, musicato da G. Gazzaniga.
1786
Opera
Scrive inoltre per vari compositori, quali V. Righini, Martin y Soler, S. Storace, e tutte le opere vengono rappresentate a Vienna. Lorenzo da Ponte collabora con W. A. Mozart e per lui scriverà la commedia Le nozze di Figaro, tratta da Le mariage de Figaro di Beaumarchais. L’opera vede la sua prima rappresentazione a Vienna il 1° maggio 1786 ed ottiene un grande successo, grazie al quale altri compositori chiederanno al Da Ponte nuovi libretti per le loro opere.
1787
Opera
Scrive le opere L’arbore di Diana su musiche di Martin y Soler e Il Bertoldo con la musica di F. Piticchio, entrambe rappresentate a Vienna. Il 29 ottobre va in scena a Praga il Don Giovanni o sia Il dissoluto punito, dramma giocoso sulla musica di W. A. Mozart, tratto da un libretto di Giovanni Bertati, ma la cui fonte è un’antica leggenda, El burlador de Sevilla, scritta da un monaco spagnolo, Gabriel Tellez (1571-1648). Sicuramente di rilievo è uno studio di Daniela Goldin che osserva come il libretto del Da Ponte e quello del Bertati abbiamo curiosamente poco in comune, ma abbia invece elementi molto somiglianti con il libretto di Carlo Goldoni La Cecchina o La buona figliola. Alla prima di quest’opera sarà presente anche Giacomo Casanova e controversa è la questione a proposito di un suo eventuale contributo alla stesura del libretto. Secondo alcuni Casanova sarebbe intervenuto cercando di rendere il personaggio di Don Giovanni più simile alla sua persona: abile seduttore, amante dei piaceri dell’amore ma anche del buon cibo e della musica, insomma più raffinato rispetto al “rozzo” Don Giovanni di Da Ponte.
1788
Opera
Scrive Tarare, dramma tragicomico tratto da Beaumarchais e musicato da Antonio Salieri, rappresentata in seguito a Vienna.
1789
Opera
Vengono rappresentati Il pastor fido (adattamento del poemetto del Guarini) e La cifra con la musica di Antonio Salieri, e L’ape musicale che prevede il contributo di vari compositori, tra cui anche W. A. Mozart.
1790
Vita/Opera
In seguito alla guerra contro i Turchi condotta da Leopoldo II, successo al fratello Giuseppe II, la corte viennese inizia una politica di forti tagli economici e dunque limita le attività musicali e gli spettacoli. Vengono comunque rappresentate tre opere su libretto del Da Ponte: Nina o sia La pazza per amore con musica di G. Paisiello e J. Weigl, La quakera spiritosa con musica di P. Guglielmi e La caffettiera bizzarra con musica di Weigl. Continua nel frattempo la collaborazione con W. A. Mozart e il 26 gennaio viene messo in scena il dramma giocoso Così fan tutte o sia La scuola degli amanti.
1791
Vita
Lorenzo da Ponte viene espulso dalla corte viennese: le motivazioni di tale espulsione sono la sua ostinazione nel mantenere una relazione con una cantante sposata anche a costo di inimicarsi la corte, una sua lettera che poteva sembrare offensiva nei confronti di Leopoldo II e la rottura dell’amicizia con Antonio Salieri. Si trasferisce prima a Praga e poi a Dresda. Decide di rientrare in Italia, a Trieste, dove incontra la giovane inglese Anna Celestina Ernestina Grahl (o Krahl), la “Nancy” delle sue Memorie, di cui si innamora e con cui si sposerà. Con lei si dirige verso Parigi ma non vi arriverà mai perché, preoccupato delle agitazioni e delle rivolte che viveva la capitale francese in quel periodo, raggiungerà Londra.
1792
Vita
Vive a Londra (fino al 1805) con Nancy Grahl, dove scrive libretti per una compagnia operistica italiana e parallelamente, per dieci anni (1794-1804), fa l’impresario al King’s Theatre, allestendo 28 prime. Questa attività lo porta ad un disastro finanziario che lo costringe a lasciare Londra. Durante gli anni londinesi ha dalla moglie quattro figli e produce numerosi testi per musica.
1793
Vita
Da Ponte si reca in Belgio e successivamente in Olanda per cercare di promuovere allestimenti di opere italiane. A fine anno rientra a Londra dove però ha grossi problemi economici e viene condannato a causa degli ingenti debiti.
1794
Opera
Pubblica i testi La Frascatana, per il compositore G. Paisiello, I contadini bizzarri, per il compositore G. Sarti e lavora a qualche intervento per La bella pescatrice, sulla musica di P. Guglielmi.
1795
Opera
Pubblica il testo La capricciosa corretta, o La scuola dei maritati e L'isola del piacere per il compositore V. Martin y Soler.
1796
Opera
Pubblica il testo Il tesoro, per il compositore J. Mazzinghi, Antigona e Il consiglio imprudente per F. Bianchi e Zemira e Azor per A. E. Grétry.
1797
Opera
Pubblica il testo Merope tratto da Voltaire per il compositore F. Bianchi.
1798
Vita/Opera
Tra la fine di quest’anno e il marzo 1799 Lorenzo da Ponte torna in Italia, accompagnato dalla moglie, e rivisita a Ceneda l'ormai anziano padre; è quindi a Venezia dove ricerca gli amici del passato e da dove verrà nuovamente espulso. Di li si sposta a Ferrara (dove rivede Giorgio Pisani), poi a Bologna (dove conosce Foscolo), a Firenze e infine rientra a Londra. In Inghilterra apre una libreria editrice e si specializza nella vendita di libri italiani promuovendo la diffusione di autori come il Tasso, l’Ariosto, il Parini, il Beccaria e diversi altri. Pubblica il testo Cinna per il compositore F. Bianchi.
1802
Opera
Pubblica il testo Armida per il compositore F. Bianchi.
1803
Opera
Pubblica il testo La grotta di Calipso per il compositore P. Winter.
1804
Opera
Pubblica i testi Il trionfo dell'amor fraterno e Il ratto di Proserpina per il compositore P. Winter.
1805
Vita, 4 giugno
Raggiunge Filadelfia dove si trova la moglie Nancy. Si trasferisce a New York poi a Elizabethtown (N. J.) dove vive esercitando l’attività di droghiere.
1807
Vita
Rientra a New York con tutta la famiglia e conosce Clement Clarke Moore, figlio del preside del Columbia College, che gli procura la possibilità di guadagnarsi da vivere insegnando la lingua italiana.
1811
Vita
Malgrado l’insegnamento si trasferisce a Sunbury, in Pennsylvania, dove ricomincia a trafficare come droghiere, in società con un distillatore, ma anche questa impresa non andrà a buon fine.
1817
Vita
Ritorna a Filadelfia e commercia libri italiani con il figlio Giuseppe, che li vende a New York. In questo modo Da Ponte riallaccia il rapporto con Clement Moore che lo convince a ritornare a New York e a riprendere l’insegnamento.
1819
Vita
Lorenzo da Ponte rientra a New York e all’età di settanta anni inizia nuovamente ad insegnare. La sua passione per l’insegnamento cattura l’interesse dei giovani studenti, al punto che alcuni chiedono di essere ospitati a casa sua per poter vivere più da vicino la sua persona.
1821
Vita/Opera
Allestisce, fino al 1840, un pensionato domestico Ann Da Ponte’s Boarding House. In questo stesso anno il Da Ponte è profondamente colpito dalla morte del figlio Giuseppe: per un anno abbandona l’insegnamento e si ritira in campagna. In quel periodo lavora alla traduzione in italiano in terza rima del The Prophecy of Dante di Lord Byron (La profezia di Dante di Lord Byron, tradotta in terza rima da Lorenzo da Ponte, Nuova Jorca, 1821).
1823
Vita/Opera
Torna a New York dove insegna e si associa al figlio Carlo che gestisce un negozio di libri italiani. Segue inoltre la pubblicazione e l’edizione delle sue Memorie (I-IV, Nuova Jorca, 1823-1827).
1825
Vita
Viene nominato professore di letteratura italiana al Columbia College (oggi Columbia University), grazie all’appoggio di Clement Moore, ed è il primo ad ottenere una cattedra di Lingua e letteratura italiana presso questo istituto. Nel frattempo pubblica qualche scritto di commento a Dante e apre una polemica contro un articolo dello storico William H. Prescott a proposito di alcune considerazioni sulla letteratura italiana. In quest’anno vede realizzato il suo grande desiderio di introdurre l’opera italiana in America con la compagnia di Manuel Garcia, che non solo annoverava molti bravi cantanti, ma anche la figlia dello stesso Garcia, Maria, che sarebbe divenuta la famosa Maria Malibran.
1826
Vita, 23 maggio
Riesce nell'intento di far rappresentare a New York il Don Giovanni: è la prima volta che il capolavoro mozartiano va in scena in America. Poco tempo prima era stato rappresentato con grande successo anche Il barbiere di Siviglia di Gioacchino Rossini.
1827
Opera
Pubblica l’ultimo volume della sue Memorie e una Storia della lingua e della letteratura italiana in New York.
1831
Vita/Opera
La morte della moglie Nancy gli causa una grande sofferenza che riversa in una serie di sonetti a lei dedicati dal titolo Versi composti da Lorenzo da Ponte per la morte di Anna Celestina Ernestina sua virtuosissima e adorata consorte (New York, 1832).
1832
Vita
Si trasferisce a vivere dal figlio Lorenzo e si lancia in una nuova impresa teatrale con Jacques Montrésor.
1833
Vita
Malgrado i suoi ottantaquattro anni Da Ponte è sempre convinto di voler fondare un teatro stabile d’opera italiana: si associa con Riva Finoli e insieme riusciranno ad inaugurare il 18 novembre l’Italian Opera House con La gazza ladra di Rossini.
1838
Vita, 17 agosto
Muore a New York all’età di 89 anni: al suo funerale saranno presenti Clement Moore e Pietro Maroncelli. È uno dei primi italiani ad essere sepolto nel Nuovo Mondo.
Link utili

GIOCA CON TRECCANI

Metti alla prova la tua cultura con il gioco enigmistico più diffuso al mondo scrivendo le definizioni richieste.

Rispondi alle domande sulla lingua italiana e approfondisci le tue conoscenze lessicali

Treccani sempre con te

Una selezione di testi classici della letteratura italiana arricchiti di contenuti

Vedi dettagli

Vocabolario della lingua italiana e Dizionario dei sinonimi e contrari.

Vedi dettagli