Questo sito contribuisce all'audience di

Luigi Prestinenza Puglisi

Nato a Catania nel 1956, critico di architettura. E’ il direttore della rivista on line presS/Tletter. E’ presidente dell’Associazione Italiana di Architettura e Critica (www.architetturaecritica.it) ed è il curatore della serie ItaliArchitettura (Utet Scienze Tecniche), una raccolta dei migliori progetti realizzati dagli architetti italiani negli ultimi anni. La sua Storia dell’architettura del 1900 che si può scaricare gratuitamente dal sito www.presstletter.com ed ha una pagina facebook: https://www.facebook.com/pages/La-storia-dellarchitettura-contemporanea-di-lpp/289706921182644. Tra i suoi libri, HyperArchitettura, (Testo&Immagine 1998), This is Tomorrow, avanguardie e architettura contemporanea (Testo&Immagine, 1999), Introduzione all’architettura (Meltemi, 2004), New Directions in Contemporary Architecture (Wiley, 2008), e Breve Corso di scrittura critica (Lettera 22, Siracusa 2012) destinato a tutti coloro che vogliono scrivere di architettura (si può leggere gratuitamente on line su www.presstletter.com). Il suo sito personale: www.prestinenza.it.

Pubblicazioni

Expo, padiglione italiano: un'altra idea di ecologia

Atlante

C’era un tempo in cui le esposizioni universali celebravano la modernità. Per gli Stati nazionali era un motivo di vanto presentarsi con un padiglione che fosse all’altezza. A volte anche in senso letterale. Per esempio nell’Esposizione di Parigi del 1937 svettavano ...

Il verde in cielo che divide Milano

Atlante

Per gli estimatori il Bosco Verticale è uno dei più rilevanti esperimenti di green design realizzati in Europa. Le due torri, progettate da Boeri studio nella zona di Porta Nuova a Milano , consentirebbero, infatti, di pensare l’edificio in modo nuovo: non un ammasso di metri cubi di ...

Koolhaas: la biennale post-archistar

Atlante

Delle quattordici biennali internazionali di architettura svolte a Venezia a partire dal 1975 ne ricordiamo solo due. La prima, del 1980, diretta da Paolo Portoghesi perché lanciò la nostalgia per l’architettura del passato, dandogli corpo attraverso lo stile del post modern.