Questo sito contribuisce all'audience di
13 settembre 2017

Festival Filosofia 2017. Sulle arti e le loro pratiche

Dal 15 al 17 settembre si terrà la 17a edizione del Festival filosofia sulle arti, i cui duecento appuntamenti e incontri si svolgeranno nelle tre città emiliane di Modena, Carpi e Sassuolo. Il tema di questa edizione è rappresentato dalle arti, in particolare le pratiche delle arti, l’atto del creare e le forme della creazione. Un tema potenzialmente molto vasto e ricco di spunti di riflessione, come pure di osservazioni sul mondo contemporaneo (ma non solo): infatti, alla base del percorso si colloca la parola greca téchne, che rappresenta la matrice e il punto di partenza del tema scelto, in quanto indica sia le discipline artistiche, considerate più elevate, sia le tecniche e di riflesso tutto quello che viene creato con le mani, accomunando quindi artisti e artigiani.

Qui è contenuta la radice principale della riflessione che si vuole condurre in questa edizione del festival: il ‘saper fare’, che determina sia un oggetto estetico, sia un oggetto tecnico, ma soprattutto che contraddistingue l’uomo come artefice. Attraverso il percorso offerto dalle lezioni in programma si riuscirà a capire e a scoprire che l’uomo, attraverso le arti e le tecniche, costruisce sé stesso e si realizza, raggiungendo anche la dimensione di una vita felice e appagata.

Il tema scelto si lega inoltre alla vocazione di un territorio come quello modenese, che ha saputo sempre distinguersi per il suo saper fare e la sua creatività, dando luogo a creazioni e a prodotti artistici e artigianali noti e apprezzati in Italia e in tutto il mondo.

Il programma, varato dal nuovo direttore Daniele Francesconi e dal comitato scientifico permanente della manifestazione, si presenta molto ricco e articolato, e può essere idealmente diviso in due parti: le lezioni magistrali, tenute dai massimi esperti e specialisti, e il programma creativo, costituito da mostre, spettacoli, concerti, performance e cene filosofiche.

Tra i protagonisti più attesi si ricordano Marc Augé, Enzo Bianchi, Remo Bodei, Massimo Cacciari, James Clifford Geertz, Brunello Cucinelli, Roberto Esposito, Umberto Galimberti, Gilles Lipovetsky, Michela Marzano, Salvatore Natoli, Massimo Recalcati, Emanuele Severino, Carlo Sini, e Silvia Vegetti Finzi.