Questo sito contribuisce all'audience di
20 luglio 2018

Overtourism, cronaca di una minaccia annunciata

di Valeria Canavesi

Ci siamo. La stagione turistica italiana sta per raggiungere il suo clou. Incoraggiati dal successo dell’estate 2017 e da un +11,8% di presenze secondo l’Osservatorio nazionale del turismo, gli operatori sfoderano un vivace ottimismo e in molte destinazioni nazionali si registrano già numeri da tutto esaurito. Ma non è tutto oro quello che luccica, purtroppo: nei mesi estivi borghi, cittadine, spiagge, laghi e isole italiane si ritrovano a subire veri e propri assalti di massa, il più delle volte senza disporre degli spazi, dei servizi e delle infrastrutture necessari a gestirli. Località amene soffocano nel traffico e nella maleducazione; folle di turisti si accalcano nei centri storici con comportamenti non sempre rispettosi; affittacamere e B&B invadono le città soppiantando i cittadini, che si trasferiscono altrove insieme a numerosi negozi e a servizi di pubblica utilità.

È l’overtourism, bellezza: un fenomeno che comporta l’eccesso di presenze turistiche rispetto alle effettive possibilità di accoglienza sostenibile di un determinato luogo. Perché sì, magari ci sono i posti letto, i bar e le pizzerie ma mancano i bagni pubblici, le farmacie, i mezzi di trasporto per spostarsi evitando l’auto.

Da anni, Venezia è la città che ne fa le spese più di ogni altro luogo, con disagio per gli abitanti ed episodi di cronaca contraddistinti da rara ottusità e cattivo gusto. Mai come quest’anno si è sentita l’esigenza di ricorrere ai tornelli contapersone e a un nuovo regolamento comunale capace di contrastare i comportamenti più incivili – che aumentano proporzionalmente con i crescenti afflussi turistici. Le nuove norme, ancora in fase di approvazione, dovrebbero prevedere multe salate e perfino il Daspo per chi si ostinerà a tuffarsi dai ponti, ad allestire grotteschi picnic sulle calli o a mangiare sui sagrati delle chiese. Meno si potrà fare però per evitare le folle di pedoni incolonnate da piazzale Roma a S. Marco, percorso in cui ormai è diventato difficile perfino camminare.

Si corre ai ripari anche sulle Dolomiti. Dopo aver incentivato ogni genere di accesso a un gioiello come il lago di Braies – anche radendo al suolo una pineta per fare spazio a un ampio parcheggio – quest’estate si è costretti a prendere severi provvedimenti in senso opposto: chi vuole ammirare la perla della Val Pusteria, ulteriormente pubblicizzata dalla serie TV A un passo dal cielo, oggi è finalmente obbligato ad abbandonare l’auto nei paesi limitrofi e a utilizzare lo shuttle pubblico.

Meglio tardi che mai, anche sul Passo Sella: dal 23 luglio al 31 agosto entrerà in vigore “Dolomitesvives”, la nuova regolamentazione del traffico automobilistico che limita il permesso di transito a 350 veicoli al giorno (negli anni scorsi si è arrivati a contare il passaggio quotidiano di oltre 5000 auto… altro che aria di montagna!).

Il numero chiuso viene invocato a più riprese da Firenze, Verona, le Cinque Terre, Capri, ma sono rare le località dove viene effettivamente applicato, come Cala Mariolu in Sardegna, attanagliata fino a qualche tempo fa da abnormi masse di natanti con pranzo e karaoke a bordo. Un triste destino che oggi tocca a Procida, la cui baia davanti alla Corricella viene letteralmente invasa da barche e relativi rifiuti; oppure, sul Lago di Como alla Zoca de l’Oli, bella insenatura riparata dai venti dove nei weekend diventa difficile perfino avvicinarsi alla riva. Salento, costa cilentana, Gargano e spiagge liguri non se la passano meglio, messi sotto assedio da frotte di turisti, chiasso, spazzatura.

I problemi sono tanti, come la scarsa valorizzazione dei beni culturali delle varie destinazioni: nei siti comunali e negli uffici del turismo è raro trovare materiali divulgativi multilingue; le guide, quando vengono pubblicate, propongono notizie superficiali e itinerari per lo più scontati; praticamente assenti regolamenti e norme comportamentali a tutela del paesaggio, della fauna e della flora locali. Si investe volentieri nelle sagre, meno sulla cultura e sull’educazione alla bellezza. Inutile girarci intorno: l’overtourism spaventa ma offre notevoli opportunità di guadagno. È un business dai grandi numeri e per questo viene incentivato dagli operatori e tollerato dai cittadini senza lamentarsi troppo. Vero è però che si tratta di un fenomeno che bisognerà imparare a governare al più presto, pena l’irrimediabile snaturamento dei luoghi in cui si manifesta.

 

Crediti immagine: da Boss Tweed.  Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata