11 febbraio 2020

Coronavirus, preoccupazione anche per i contagi fuori dalla Cina

Si riunisce oggi a Ginevra il vertice convocato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sull’emergenza Coronavirus, il nuovo ceppo 2019-nCoV che ha avuto origine nella città cinese di Wuhan e al quale la National Health Commission cinese ha dato ora un nome temporaneo: NCP (Novel Coronavirus Pneumonia) ovvero polmonite da nuovo Coronavirus.

I casi finora accertati sono 43.108, di cui 42.644 in Cina, 161 in Giappone, 45 a Singapore, 42 a Hong Kong, 32 in Thailandia, 28 in Corea del Sud. In Europa si contano 14 casi in Germania, 11 in Francia, 8 nel Regno Unito, 3 in Italia, 2 in Spagna e uno in Belgio, Finlandia e Svezia. Aumentano, quindi, i casi accertati al di fuori della Cina, tra cui si segnalano i 135 contagiati registrati sulla Diamond Princess, la nave da crociera in quarantena dal 4 febbraio scorso nel porto giapponese di Yokohama. Preoccupazione, a tal proposito, hanno destato le parole del direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus, secondo il quale «Ci sono stati casi inquietanti di diffusione di Coronavirus da parte di persone senza storia di viaggio» in Cina. «Il rilevamento di un numero limitato di casi può indicare una trasmissione più diffusa in altri Paesi; in breve – ha aggiunto – potremmo vedere solo la punta dell’iceberg».

 

«È un virus che si trasmette con una certa facilità» sottolinea il professor Roberto Burioni in un videomessaggio per Treccani, ma fa ben sperare il fatto che l’epidemia non si stia più diffondendo, soprattutto fuori della Cina, con i ritmi registrati all’inizialmente e che quindi si riesca presto a contenerla.

 

            

                         ROBERTO BURIONI: COS'È IL CORONAVIRUS

Qual è l'origine del Coronavirus? Quali le sue caratteristiche e i tempi di incubazione? Quali effetti provoca? Cosa fare per combatterlo e contrastarne la diffusione? Le risposte del professor Roberto Burioni (5 febbraio 2020)

  

L’allarme resta alto anche perché il contagio della malattia mostra una velocità superiore a quella riscontrata per la SARS. Secondo Arnaud Fontanet, dell’Istituto Pasteur di Parigi, è importante capire modalità e velocità della diffusione della malattia. Se i pazienti sono contagiosi qualche giorno dopo il manifestarsi dei primi sintomi, le misure convenzionali di controllo, isolamento, blocco degli eventi pubblici e degli assembramenti, risultano molto efficaci, come è avvenuto nel caso della SARS. Se invece i pazienti sono contagiosi prima che i sintomi si manifestino apertamente, il contrasto avviene con maggiore difficoltà. In effetti nella nuova epidemia di Coronavirus ci sono stati alcuni casi di contagiati asintomatici o con sintomi molto lievi, un fenomeno che può aver facilitato, soprattutto in una fase iniziale, il diffondersi della malattia. Fontanet ha riscontrato una buona collaborazione all’interno della comunità scientifica internazionale; in meno di un mese dalla segnalazione dei primi casi è stata messa in rete la sequenza completa del genoma del nuovo virus. I laboratori specializzati di tutto il mondo stanno condividendo i loro risultati in modo da favorire misure efficaci nella cura e nella prevenzione. La comunità scientifica sta inoltre cercando di evitare situazioni di eccessivo allarme e la circolazione di notizie false che alimentano fenomeni di xenofobia e panico.

I decessi sono stati finora 1.018; 974 nella sola provincia di Hubei.

La pandemia, come spiega l’epidemiologo Pier Luigi Lopalco, si verifica nel momento in cui un virus riesce a stabilirsi e circolare in più di un continente, non bastano alcuni casi legati a movimenti turistici se il virus non inizia stabilizzarsi in nuove aree.

 

 

    slider_Coronavirus 11 febbraio

 

Aggiornato all’11 febbraio 2020

 

LE PAROLE

Contagio

Coronavirus

Pandemia

Prevenzione

SARS

Vaccino

 

Immagine di copertina: Persone che indossano la mascherina contro il contagio da Coronavirus, Chengdu, Cina (23 gennaio 2020). Crediti: IHOR SULYATYTSKYY / Shutterstock.com

0