20 febbraio 2012

Iran: venti di guerra

La tensione tra l’Iran e gli Stati Uniti è molto salita negli ultimi giorni del 2011, facendo riaffacciare scenari di guerra. Sullo sfondo il programma nucleare di Teheran e le probabili nuove sanzioni economiche che l’Occidente potrebbe attuare. «Se ci saranno altre sanzioni contro di noi, bloccheremo lo stretto di Hormuz» ha avvertito il 27 dicembre il vice-presidente iraniano Mohammad Rahimi. Da Hormuz transita oltre un terzo del greggio mondiale e ovviamente la sua chiusura avrebbe effetti dirompenti. Il Pentagono, con un comunicato della 5a Flotta, ha ribadito che non sarà tollerata nessuna limitazione alla libertà di navigazione. Teheran ha fatto una parziale marcia indietro, dichiarandosi disponibile a riaprire le trattative. In queste schermaglie gioca un grosso ruolo la propaganda, ma le possibilità di uno scontro sono molto realistiche. I paesi occidentali (soprattutto Israele e gli Stati Uniti) vogliono a tutti i costi bloccare il programma nucleare degli iraniani. La via diplomatica è resa più complessa dalla lotta di potere in corso in Iran tra il presidente Mahmoud Ahmadinejad e la guida suprema, l’Ayatollah Ali Khamenei; il prevalere di quest’ultimo porterebbe probabilmente a un’ulteriore radicalizzazione delle posizioni. La posta in gioco spinge a oltrepassare la via diplomatica; lo dimostrano anche le recenti esplosioniavvenute in Iran, in particolare presso la base missilistica di Bid Kaneh vicino Teheran e presso il sito nucleare di Isfahan. Negli ultimi due anni tre scienziati iraniani coinvolti nel programma nucleare sono stati assassinati e l’Iran ha accusato l’Occidente di utilizzare virus informatici per sabotare la ricerca. È probabile che l’intransigenza di Teheran abbia spinto le agenzie di intelligence (in particolare il Mossad) a intensificare la propria azione, a promuovere vere azioni di sabotaggio, anche allo scopo di logorare psicologicamente l’apparato militare e di sicurezza iraniano. Si tratta comunque di una prospettiva ad alto rischio.


0