3 dicembre 2018

Si è insediato in Messico López Obrador

Si è insediato nella sua carica il 1° dicembre, dopo un lungo periodo di transizione durato cinque mesi, il nuovo presidente del Messico Andrés Manuel López Obrador, noto anche con l’acronimo Amlo. Dopo aver ricevuto ufficialmente l’investitura presidenziale in Parlamento, Obrador, con un gesto simbolico di grande forza, si è recato nella storica piazza del Zocalo a Città del Messico dove, davanti a una grande folla, è stato oggetto di una nuova investitura da parte dei leader delle popolazioni indigene messicane. Obrador, 65 anni, ex sindaco di Città del Messico, ha guadagnato la presidenza nelle elezioni di luglio scorso sostenuto da una coalizione guidata dal Movimiento regeneración nacional (Morena), partito della sinistra populista da lui stesso fondato nel 2012. Amlo dovrà ora mantenere la promessa fatta durante la campagna elettorale di un rinnovamento radicale del Paese a partire da tre punti fondamentali – l’eradicazione della corruzione, la lotta alla criminalità organizzata, la riduzione della povertà e delle diseguaglianze – e smentire i suoi detrattori secondo i quali i segnali che finora Obrador ha dato rispetto ai pilastri del suo programma, prima ancora di assumere la carica, sono contraddittori e poco chiari e alimentano le critiche di chi lo vede come un ‘nuovo Chavez’ che condurrà il Messico nella stessa drammatica situazione del Venezuela.

Tra i dossier più importanti che si trova di fronte il nuovo presidente progressista c’è naturalmente il rapporto con gli Stati Uniti, reso aspro dalle polemiche in corso sulle misure di contrasto all’immigrazione clandestina. Intanto sempre il 1° dicembre si è verificato un attacco, che non ha causato vittime, all’ambasciata statunitense a Guadalajara, capitale dello Stato di Jalisco e base operativa di uno dei più agguerriti gruppi della criminalità organizzata, il Cártel de Jalisco Nueva Generación. 

 

Crediti immagine: ProtoplasmaKid [CC BY-SA 3.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], attraverso  Wikimedia Commons

0