17 giugno 2019

Attacchi dei fondamentalisti di al-Shabaab in Kenya e in Somalia

Una pattuglia della polizia è stata oggetto di un attentato sabato 15 giugno nel Kenya nordorientale, nel distretto di Wajir, al confine con la Somalia: una bomba collocata sul ciglio della strada ha provocando otto vittime tra gli undici passeggeri. Gli agenti stavano perlustrando il territorio nell’ambito delle indagini sul rapimento di tre poliziotti, avvenuto nella stessa località il giorno precedente. Nella giornata di sabato ci sono stati due attentati anche a Mogadiscio, capitale della Somalia; un’automobile, carica di esplosivo, è stata fatta esplodere poco lontano dall’edificio che ospita il Parlamento somalo, provocando otto morti e sedici feriti. Una seconda autobomba nella zona dell’aeroporto non ha provocato vittime. I tre attacchi sono stati rivendicati dal gruppo fondamentalista al-Shabaab (La gioventù). La ripresa dell’iniziativa armata dei jihadisti, coincide con un momento di tensione tra i due Paesi, alleati nella lotta al terrorismo, ma divisi da alcune dispute riguardanti lo sfruttamento delle risorse marine. In risposta all’iniziativa da parte somala di mettere all’asta alcune aree marine oggetto della controversia, il Kenya ha posto delle limitazioni al commercio tra i due Paesi e chiuso uno dei punti di passaggio al confine, situato nell’area di Lamu. Al-Shabaab, gruppo collegato ad al-Qaida e attivo in Somalia dal 2006, controlla una parte del territorio e ha colpito spesso anche in Kenya da quando Nairobi collabora attivamente sul piano militare alla repressione dell’insorgenza fondamentalista. Il gruppo è stato oggetto negli ultimi mesi di una intensa campagna di bombardamenti portati avanti dagli Stati Uniti per mezzo di droni; secondo alcuni osservatori questo tipo di forte pressione militare avrebbe spinto al-Shabaab a spostare il proprio raggio d’azione dalle zone isolate verso le città, dove è possibile mimetizzarsi e continuare a lanciare attacchi.

 

Immagine: Il generale di brigata Kayanja Muhanga, comandante del contingente ugandese della Missione dell’Unione Africana in Somalia, visita il sito di un attacco VBIED condotto dal gruppo militante al-Shabaab nella capitale somala di Mogadiscio (15 ottobre 2017).  Crediti: Photo / Tobin Jones. AMISOM Public Information [ CC0 1.0 Universal (CC0 1.0). Public Domain Dedication], attraverso www.flickr.com

0