3 dicembre 2019

Russia e Cina inaugurano il nuovo gasdotto Forza della Siberia

Vladimir Putin e Xi Jinping hanno inaugurato nel corso di una teleconferenza congiunta il gasdotto Forza della Siberia, che fornirà alla Cina, quando andrà a pieno regime, 38 miliardi di m3 di gas all’anno.  L’inaugurazione avrebbe dovuto tenersi a Mosca in una cornice imponente e spettacolare; la crisi di Hong Kong ha indotto Xi Jinping a restare a Pechino e la cerimonia si è tenuta lunedì 2 dicembre a Sochi con il leader cinese in teleconferenza. Anche se l’inaugurazione è stata celebrata in tono minore, il significato geopolitico dell’avvenimento resta enorme. Il contratto fra i due Paesi è stato firmato nel maggio del 2014 sull’onda della crisi ucraina e del conseguente peggioramento dei rapporti fra Russia e Occidente; la costruzione del gasdotto, realizzata da Gazprom impiegando soltanto risorse tecnologiche russe, è iniziata il 1° settembre 2014 ed è stata terminata in cinque anni con una spesa complessiva di 15.600 milioni di dollari. Il gasdotto, lungo 3.000 km nella parte russa e più di 5.000 in quella cinese, trasporterà il gas dai centri di produzione di Irkutsk e Yakutia verso il mercato interno della Russia orientale e verso la Cina. L’accordo tra i due Paesi è valido per 30 anni e a pieno regime garantirà una fornitura annuale di 38.000 milioni di m3 di gas. Questo livello quantitativo sarà raggiunto nel 2025, partendo dai 5.000 milioni di m3 previsti per il 2020, con una crescita continua e rapida; l’importo totale del contratto è stato stimato in circa 400.000 milioni di dollari. La Cina è il maggiore consumatore e importatore di risorse energetiche del mondo e il suo consumo annuale di gas è di 280.300 milioni di m3, di cui quasi la metà viene importato; una parte significativa proviene dagli Stati Uniti in forma di gas naturale liquefatto. Attraverso l’accordo con la Russia, la Cina diversifica le sue fonti e migliora la sua sicurezza energetica in un quadro economico favorevole perché il prezzo della fornitura russa è competitivo nel quadro del mercato mondiale. Inoltre, la Cina si sta impegnando in questa fase per diminuire l’uso del carbone e ridurre complessivamente l’impatto ambientale della sua crescita economica e il consumo di gas tenderà a crescere in un immediato futuro. Putin e Xi Jinping nel corso della cerimonia hanno esaltato l’amicizia tra i due Paesi e il salto di qualità nella collaborazione in un settore strategico come quello energetico.

 

Immagine: Da sinistra, Xi Jinping e Vladimir Putin (8 luglio 2015). Crediti: President of Russia (http://kremlin.ru/events/president/news/49884). Creative Commons Attribution 4.0 International

0