22 dicembre 2016

I romanzi che raccontano i segni nell’anno che verrà

Nessuno ha mai capito perché non si possano mettere assieme le mele con le pere. D’accordo: l’ha detto Euclide, ma si sa che Euclide era un tipo assiomatico e assumeva per vere cose che, in realtà, proprio vere non erano. Un buon controesempio a questa teoria, che dimostra il felicissimo connubio di mele e pere, è la cucina fusion; un altro controesempio ambisce a essere Gatsby ascendente Karenina, un mio semiserio «oroscopo letterario 2017», appena edito da Feltrinelli Zoom, in cui non ho sommato mele e pere, ma di più: capra e cavoli, o pizza e fichi se si preferisce, ovvero l’astrologia e la letteratura, associando a ciascun segno un grande romanzo che serva da trama, guida e monito per tutto ciò che capiterà nei prossimi mesi del 2017.

Dopo aver spulciato le effemeridi del 2017, badando solo ai transiti planetari più importanti, ho individuato dodici romanzi di culto che raccontino, nel modo più fedele possibile, le storie dei dodici segni nell’anno a venire. Siccome, poi, la grande letteratura è spesso tragica, e a nessuno si vuole augurare di finire sotto un treno come la piccola Annina Karènina o sparàti in piscina come il grande Jay Gatsby, a ogni trama principale segue un intreccio secondario, più felice, produttivo, o quantomeno istruttivo. Tutto il resto è fattucchieria.

Alla fine, si scoprirà, si spera, che i classici e gli oroscopi sono “grandezze” non così “disomogenee”: ovvero, non si sono sommate mele e pere ma, in fondo in fondo, mele e mele.

 

---

 

Anticipiamo qui qualche “Sentenza letteraria” che chiude le previsioni 2017 per ciascun segno.

 

ARIETE - Lev Tolstoj, Anna Karenina Ironia della sorte, la profezia del romanzo che più ti si addice la fa lo scapestrato Vrònskij: “Egli sentiva che allora, quando il suo amore era più forte, avrebbe potuto, se l’avesse veramente voluto, strapparsi quell’amore dal cuore, mentre adesso, che gli sembrava di non provare amore per lei, sapeva che il legame con lei non poteva più essere scisso”. Morale della tua favola 2017? Tìrati fuori il prima possibile da una relazione che di amore ha ben poco e di pazzia troppo: a volte il treno è meglio perderlo. Poco male, prenderai l’aereo.

 

CANCRO - Christa Wolf, Cassandra Una profetessa non può certo mentire a sé stessa; a un certo punto Cassandra è costretta ad ammettere: “Non riesco a credere a quello che so... Per il dolore, la felicità, l’amore non ci sono segni. E questo mi sembra di rara infelicità”. Mai sentenza fu più profetica e vera nel 2017, e infatti in questo caso, solo in questo caso, tutti le credono, tu compreso. Ricordati che i segni non esistono o, se esistono, sono difficilmente decrittabili. Smettila di confidare nel pensiero magico: questo non è per te “l’anno del pensiero magico”, con buona pace di Joan Didion. Lascia che di pensiero magico si occupi solo chi di competenza: lo psichiatra, non il veggente.

 

CAPRICORNO - Fëdor Dostoevskij, I demoni In un capitolo censurato, perché Stavrògin lì confessa di aver violentato una bambina, che poi si è impiccata, il pederasta dice: “Io non amo le spie e gli psicologi, per lo meno quelli che cercano di entrarmi nell’anima. Io non ammetto nessuno nella mia anima, non ho bisogno di nessuno e so cavarmela da solo”. Verissimo! Vale anche per te, specie nel 2017: fai attenzione ai demoni che ti porti in casa. Farli entrare ti sarà facilissimo, ma poi, per sfrattarli, non ti basterà un esercito di ufficiali giudiziari. Chiedi almeno diciotto mesi di caparra anticipata!

 

PESCI - L. Frank Baum, Il meraviglioso mago di Oz Chiede la Regina dei Topi alla bambina e compagnia bella: “‘Come mai non usate l’incantesimo della Cuffia e non chiamate in aiuto le Scimmie Alate? Vi trasporteranno nella Città di Oz in meno di un’ora’. ‘Non sapevo fosse magica,’ rispose Dorothy, sorpresa. ‘Di che magia si tratta?’. ‘È tutto scritto all’interno della Cuffia d’Oro’”. È tutto già scritto: sègnati queste parole. Nel 2017 avrai già la cuffia magica per andare da Oz, avrai già le scarpette d’argento per tornare a casa, avrai già cuore, cervello e coraggio per diventare uomo. È tutto già scritto: basta leggere le istruzioni, non le viscere degli uccelli come gli aruspici del malaugurio.

 


© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0