Questo sito contribuisce all'audience di
/magazine/chiasmo/lettere_e_arti/sistema_sgl_e_adesso_chi_parla.html
/magazine/chiasmo/lettere_e_arti/sistema_sgl_e_adesso_chi_parla.html
Lettere e arti

E adesso chi parla?

Elena Starnoni

Il presente articolo offre una sintetica introduzione alla disciplina dell’Analisi Conversazionale, i cui strumenti permettono di esaminare la conversazione spontanea in quanto sistema costituito da regole e schemi ricorrenti. A partire dal lavoro di Harvey Sacks, fondatore della disciplina, sarà analizzato il sistema di organizzazione dei turni di parola, con particolare riferimento alle ...
/magazine/chiasmo/lettere_e_arti/interazione_sgss_inglese_in_italia.html
/magazine/chiasmo/lettere_e_arti/interazione_sgss_inglese_in_italia.html
Lettere e arti

L'inglese in Italia: una minaccia per la lingua nazionale?

Martina Mastromarino

Lo scopo di questo articolo sarà la descrizione del fenomeno di interazione tra la lingua inglese e quella italiana in Italia. Il punto di partenza sarà una ricostruzione della storia del fenomeno, secondo i lavori di Pulcini e Tosi. Si indagheranno poi le ragioni del successo della lingua inglese in Italia, sulla base dell'analisi di accademici come Vettorel, Rogato, Dardano e Rando. L'ultima ...
/magazine/chiasmo/lettere_e_arti/interazione_iuss_tra_lettera_e_letteratura.html
/magazine/chiasmo/lettere_e_arti/interazione_iuss_tra_lettera_e_letteratura.html
Lettere e arti

Tra lettera e letteratura

Giorgia Ghersi

Come pubblicare su «Solaria»? Come sfogare il dolore della vita? Ingegnere o scrittore? Queste e molte altre sono le riflessioni contenute nelle lettere che C. E. Gadda, uno degli scrittori più complessi e geniali del nostro ‘900, invia agli amici B. Tecchi e U. Betti, conosciuti in un campo di prigionia nel 1918.
/magazine/chiasmo/lettere_e_arti/interazione_ssc_il_busto_argenteo_di_s.agata-copy-00001.html
/magazine/chiasmo/lettere_e_arti/interazione_ssc_il_busto_argenteo_di_s.agata-copy-00001.html
Lettere e arti

Il busto argenteo di Sant’Agata a Catania: uno scorcio sull’Avignone trecentesca

Adriano Napoli

Siena, Avignone e Catania: città distanti, soprattutto nel Medioevo, ma al contempo scenari di un’interessante interazione basata sulla circolazione di prodotti dell'oreficeria. Giovanni di Bartolo, insigne orafo senese attivo presso la corte papale di Avignone nella seconda metà del Trecento, imprime un inedito naturalismo al busto reliquiario di Sant'Agata: il pezzo è oggi attestazione unica ...