/magazine/chiasmo/storia_e_filosofia/Rivoluzione/rivoluzione_sgl_karl_jaspers.html
/magazine/chiasmo/storia_e_filosofia/Rivoluzione/rivoluzione_sgl_karl_jaspers.html
Rivoluzione

«Un compito che promette conquiste straordinarie»: la rivoluzione incompiuta di Karl Jaspers

Alessio Giordano

«Un sapere sul linguaggio appartiene ai fondamenti della coscienza filosofica»: è questa l’assunzione fondante nel pensiero di Karl Theodor Jaspers (1883-1969), psichiatra e filosofo, autore di quell’opera rimasta incompleta che è il Von der Wahrheit. Philosophische Logik (1947). Per il significato da assegnare al termine “linguaggio” ci riferiamo alla definizione presente nll’Enciclopedia ...
/magazine/chiasmo/storia_e_filosofia/Rivoluzione/3_rivoluzione_ssgl_la_rivoluzione_fascista.html
/magazine/chiasmo/storia_e_filosofia/Rivoluzione/3_rivoluzione_ssgl_la_rivoluzione_fascista.html
Rivoluzione

La rivoluzione fascista: tra religione politica e tragedia annunciata

Massimiliano Vino

Una buona parte della storiografia immediatamente successiva alla caduta del regime fu lapidaria nel definire il fascismo come assolutamente non rivoluzionario, una semplice aberrazione in un processo di sviluppo della nazione. Definire i caratteri rivoluzionari del fascismo poteva perciò facilmente essere frainteso come apologia del regime. Con il passare degli anni e con il rinnovamento degli ...
/magazine/chiasmo/storia_e_filosofia/percezione_ssu_ponte_fra_due_realta.html
/magazine/chiasmo/storia_e_filosofia/percezione_ssu_ponte_fra_due_realta.html
Storia e filosofia

Percezione come ponte fra due realtà. Un tentativo di divulgare l'esoterismo

Dino Pavlovic

Tra i vari orientamenti alla spiritualità, uno particolarmente fecondo nella tradizione filosofica ed esoterica è quello che rileva l’importanza della relazionalità della coscienza con l’essere, del pensiero con la realtà fisica per lo schiudersi dello sguardo interiore. Significativi in questo senso sono, a titolo di esempio, autori della filosofia antica e esoteristi contemporanei come Rudolf ...
/magazine/chiasmo/storia_e_filosofia/Rivoluzione/2_rivoluzione_sgss_kant_spettatore_della_rivoluzione-copy.html
/magazine/chiasmo/storia_e_filosofia/Rivoluzione/2_rivoluzione_sgss_kant_spettatore_della_rivoluzione-copy.html
Rivoluzione

Kant spettatore della Rivoluzione

Giovanni Temporin

È il triste destino dei più grandi pensatori quello di essere strumentalizzati per essere conformati a una particolare agenda politica: basti pensare a Nietzsche, invocato tanto dal nazionalsocialismo tedesco quanto dai movimenti studenteschi del Sessantotto. Ben venga l’utilizzo dell’impianto teorico o un nuovo sguardo sulle questioni discusse da un filosofo al fine di comprendere il presente, ...
0