Questo sito contribuisce all'audience di
Percorsi

La lingua di vetroresina di Mauro Covacich

di Flavio Santi

Questione di materiali   Qualche anno fa Franceso Maino con il romanzo Cartongesso (Einaudi, 2014) aveva trovato un materiale, il cartongesso appunto, per descrivere – concretamente e metaforicamente – la realtà del Nordest italiano, per la precisione del Veneto. Con lo scrittore triestino di origine croata Mauro Covacich (1965), finalista all’ultimo Premio Campiello con La città interiore (...
Percorsi

Giocando seriamente coi generi: L’elenco telefonico di Atlantide di Tullio Avoledo

di Luigi Matt

Nei suoi romanzi, Tullio Avoledo riesce sempre a coniugare le istanze di una vena narrativa strabordante, che concede molto alla leggibilità e spesso anche al vero e proprio divertimento, con la ricerca di una rappresentazione non semplicistica della vita. Tale caratteristica è evidente già nella notevole opera prima, L’elenco telefonico di Atlantide (Milano, Sironi, 2003); si tratta di un libro ...
Percorsi

Morte e ironia fra i Tacchi d'Ogliastra

di Maria Rita Fadda

Fra i tre romanzi di Gesuino Némus  ̶  il fortunatissimo La teologia del cinghiale (2015, premio Campiello opera prima), I bambini sardi non piangono mai (2016) e Ora pro loco (2017)  ̶  c'è più di una corrispondenza. Il primo legame, strutturale, è il genere versatile a cui appartengono: il giallo. Ciascun romanzo ha infatti almeno un delitto da indagare e un colpevole da ...
Percorsi

Qualcosa dei venti. La poesia in fuga di Cristina Annino

di Michele Ortore

Cristina Annino (pseudonimo di Cristina Fratini) è una poetessa di cui fa piacere parlare, perché finora non lo si è fatto abbastanza, e perché la sua originalità – sia nei testi sia nell'atteggiamento culturale – è spiazzante e stimolante. Perché la sua, come l'ha definita Davide Castiglione, è davvero una singolarità indomita (Castiglione 2016). Ma, come avviene con tutti gli artisti realmente ...
Scritto e parlato

Errata Corrige – Il tipo *la sindaco

di Luigi Spagnolo

Errata Corrige si propone come osservatorio sulle violazioni vere e proprie della norma grammaticale che stanno prendendo piede (o che non sono ancora opportunamente censurate) nello scritto sorvegliato (articoli giornalistici, saggi, narrativa, testi legislativi o burocratici, ecc.). Mentre molti si concentrano sui dubbi che riguardano usi sintattici comuni (ad es., le dislocazioni del tipo Il ...
Scritto e parlato

Errata Corrige – Il tipo *sarebbe dovuto essere

di Luigi Spagnolo

Proponiamo, a partire da questo articolo, un osservatorio sulle violazioni vere e proprie della norma grammaticale che stanno prendendo piede nello scritto sorvegliato (articoli giornalistici, saggi, narrativa, testi legislativi o burocratici, ecc.). Mentre molti si concentrano sui dubbi che riguardano usi sintattici comuni (ad es., le dislocazioni del tipo Il caffè lo prendo senza zucchero) o ...