Articoli

La giudice o il giudice? Una lettrice scrive, Treccani risponde

La lettera Si sente – e si legge – ormai sempre più spesso "la giudice" o "una giudice" in bocca a politici, gente comune, giornalisti, alcuni miei colleghi, fortunatamente pochi anche se comunicativamente più visibili della maggioranza.   Non devo essere di certo io a dirvi che si tratta di un errore grammaticale, essendo "giudice" un sostantivo maschile, e che conseguentemente i relativi articol...

Insegnanti eroi silenziosi: arriva Teach Like a Champion di Doug Lemov

Una buona classe non è che un’orchestra che prova la stessa sinfonia, Pennac docet. Ogni alunno, poi, è un unicum e suona il suo strumento. La sfida ultima, la più impegnativa, è trovare l’equilibrio, la giusta armonia, la chiave per valorizzare ogni attitudine e ogni comportamento. Del resto l’agire didattico è ciò che si fa quando si insegna, ossia l’insieme di scelte che, nell’interazione inseg...

Errata Corrige – Il tipo *riguardo il

Questa rubrica si propone come osservatorio permanente sulle violazioni vere e proprie della norma grammaticale che stanno prendendo piede (o che non sono ancora opportunamente censurate) nello scritto sorvegliato (articoli giornalistici, saggi, narrativa, testi legislativi o burocratici, ecc.). Diversamente dalle forme agrammaticali, facili da individuare (quelle che infrangono le regole del sis...

Errata Corrige – Il pleonasmo e né

Questa rubrica si propone come osservatorio sulle violazioni vere e proprie della norma grammaticale che stanno prendendo piede (o che non sono ancora opportunamente censurate) nello scritto sorvegliato (articoli giornalistici, saggi, narrativa, testi legislativi o burocratici, ecc.). Mentre molti si concentrano sui dubbi che riguardano usi sintattici comuni (ad es., le dislocazioni del tipo Il ca...

Un insegnante e un decalogo dalla lezione di Luca Serianni

Il fine ultimo di ogni docente, in ogni ordine e grado scolastico, è promuovere e incentivare l’apprendimento dei discenti, attraverso la ricerca di azioni volte alla costruzione e acquisizione di un modello/modo d'insegnamento strutturato ed efficace. Nella scuola circolano da tempo strategie didattiche e credi pedagogici che spaziano dalla lezione frontale trasmissiva alla lezione euristica o co...

Errata Corrige – Il tipo *la sindaco

Errata Corrige si propone come osservatorio sulle violazioni vere e proprie della norma grammaticale che stanno prendendo piede (o che non sono ancora opportunamente censurate) nello scritto sorvegliato (articoli giornalistici, saggi, narrativa, testi legislativi o burocratici, ecc.). Mentre molti si concentrano sui dubbi che riguardano usi sintattici comuni (ad es., le dislocazioni del tipo Il ca...

Errata Corrige – Il tipo *sarebbe dovuto essere

Proponiamo, a partire da questo articolo, un osservatorio sulle violazioni vere e proprie della norma grammaticale che stanno prendendo piede nello scritto sorvegliato (articoli giornalistici, saggi, narrativa, testi legislativi o burocratici, ecc.). Mentre molti si concentrano sui dubbi che riguardano usi sintattici comuni (ad es., le dislocazioni del tipo Il caffè lo prendo senza zucchero) o mer...

Lingua degli avvocati: la sostanza della tecnica, la retorica nella forma

Veritas nimium altercando amittitur. Con questo motto – attribuito al drammaturgo romano Publilio Siro (I sec. a.C.) e scolpito nelle aule di udienza della Corte di Cassazione, sull’alto delle pareti poste di fronte all’oratore – Piero Calamandrei ricordava l’arte della brevità quale aspetto straordinario e importante dell’oratoria forense, dell’avvocato in particolare. La ricordava nel suo famoso...

Estate con apericena, parola che funziona

Da qualche anno il vocabolo apericena gode di un’apprezzabile fortuna commerciale; favore pari al discredito che questo neologismo riscuote in vari cultori della lingua italiana: scrittori, pubblicisti, linguisti di diversa statura, aspiranti letterati. Mi sono accorto di essere uno dei rari, convinti sostenitori di questo vocabolo. Proverò a spiegare perché. Maschile o femminile?Apericena è un...

Il cittadino alfabetizzato e le bufale in Rete

«Una lettera – lo arguiva la nota scrittrice americana Cathleen Shine alla fine dei '90 – nel momento in cui la si imbuca cambia completamente. Finisce d'esser mia e diventa tua: quello che volevo dire è sparito, resta solo ciò che capisci tu». E questo è il punto. Ormai, anche se il referente è chiaro e il contesto comunicativo noto, la decodifica di un messaggio (tanto orale quanto scritto) non ...

1
|
2
|
3

UN LIBRO

Attraverso Tabucchi. Viaggio nell'opera di Antonio Tabucchi

Alessandro Iovinelli

Dimensione temporale, funzione del comico e falsi ricordi sembrano intrecciarsi, secondo l’analisi di Iovinelli, nella personale visione del mondo di Tabucchi.

0