21 gennaio 2010

Vorrei sapere, per cortesia, se è considerato errore o semplice suono sgradevole il ripristino della vocale, quando si va a capo con una parola apostrofata. È obbligatorio scrivere «dell’» e andare a capo con la parola es. «abito»? Mi sembra una soluzione molto “giornalistica” che non mi piace, ma se sarò obbligata...

Marilena Lombardi

Reintegrare la vocale elisa (o, nel caso citato di dell’abito) perché la riga termini con una parola piena risponde ad antichi pseudo-precetti scolastici mai verificati. In realtà, il ripristino della vocale non è ammesso, poiché si creerebbe una sequenza che è innaturale e non esiste nella lingua parlata: dello abito. Nessuno direbbe mai dello abito. Si può tranquillamente mettere l’apostrofo in fin di rigo e poi andare a capo con la parola che segue. È corretto e non è una soluzione giornalistica e se la signora Lombardi ha visto questa soluzione adottata da qualche giornale, allora dovrà compiacersi che il giornale sia stato esempio di corretta scrittura. Se tale modo di andare a capo non vi garba, potete benissimo decidere di andare a capo dividendo in modo diverso ma opportuno le parole: del- l’abito o dell’a- bito.


© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0