28 novembre 2016

(1) “Mi dovrei mettere la sciarpa. Fa freddo”. (2) “Dovrei mettermi la sciarpa. Fa freddo”. Credo che entrambe le forme siano grammaticalmente corrette, anche se personalmente preferisco la seconda. Vi chiedo: “mettermi” in (2) è un riflessivo apparente o un vero e proprio riflessivo? “Mi dovrei mettere” in (1) contiene una forma riflessiva?

L'Enciclopedia dell'italiano della Treccani ci suggerisce che, quando i verbi modali (dovere, in questo caso) «sono accompagnati da un pronome atono, quest’ultimo può trovarsi tanto prima del verbo modale (in posizione proclitica) quanto dopo l’infinito (in posizione enclitica». Entrambe le soluzioni, quindi, sono valide.

 

Mettersi la sciarpa mostra bene l'uso (legittimo) «affettivo-intensivo dei pronomi atoni, in tutti i casi in cui si vuole sottolineare la partecipazione del soggetto all'azione (ossia in casi in cui altre lingue, specie antiche, ricorrerebbero alla diatesi media» (Luca Serianni, Italiano, Garzantina, cap. VII, par. 40). In sostanza siamo in presenza di un rafforzamento dell'idea per cui l'azione che si compie è di giovamento al soggetto stesso dell'azione: il discorso vale per le parti del corpo (mi soffio il naso, smettila di mangiarti le unghie), per attività connesse all'organismo (si asciugava il sudore) e, per l'appunto, per i nomi di vestiario (mettersi i guanti, togliersi le scarpe). Non si tratta quindi di un passaggio dalla diatesi attiva a quella riflessiva del verbo.

 


© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0