Questo sito contribuisce all'audience di

DOMANDA

Premetto che lavoro principalmente al telefono e al termine della conversazione il cliente mi ringrazia per il lavoro da me svolto e la mia gentilezza e io rispondo: niente... Un "niente" che sta a significare "si figuri", "di nulla"... Un mio collega sostiene che questo modo di dire sia sbagliato, si dice "di niente" e non "niente"... Ho letto su wikipedia che è anche una forma corretta e c'era bibliografia treccani. A lavoro mi dicono che su Wikipedia scrivono tutti e non è una fonte attendibile... Attendo una vostra risposta.

RISPOSTA

Wikipedia di solito cita fonti che, per statuto interno dell’“enciclopedia libera” devono essere attendibili. Ciò non toglie che Wikipedia possa sbagliare, così come, peraltro, può succedere che errori si annidino anche nelle fonti ufficiali. Ciò detto, e venendo al caso che ci interessa, ricorrere alla locuzione interiettiva di niente come formula di cortesia nel senso di ‘si figuri’, ‘di nulla’ è perfettamente legittimo.

 

Peraltro, poiché stiamo discutendo di un modo tipico del parlato, dovremo senz’altro essere indulgenti con gli scorciamenti, le ellissi, le “lacune” proprie del parlato: il parlato, in un certo senso, ha una sua grammatica parallela a quella della lingua scritta; in tale grammatica conta molto il fatto di arrivare a ottenere un buon risultato comunicativo immediato. La risposta scorciata niente ‘di niente’ nessuno potrà mai equivocarla. Così come quando rispondiamo giorno! a chi ci saluta per le scale siamo sicuri che il nostro ascoltatore non metterà mano al vocabolario dicendo che la forma corretta sarebbe buon giorno e pertanto si rifiuta di accettare il nostro saluto… Insomma, niente per ‘di niente’ è normale e legittimo nelle interazioni orali.

 

 

 

 

 

 

 

UN LIBRO

Scugnizzo. Una storia italiana

Nicola De Blasi

Scugnizzo è davvero una storia italiana perché non è solamente la storia della parola ma – come deve essere – l’analisi storica di ciò che ruota attorno alla vita di quella parola, la descrizione del suo percorso (dalla prima attestazione, alla sua più ampia diffusione), l’indagine del tortuoso viaggio che ha dovuto compiere, delle geografie che l’hanno prodotta e che ha attraversato.