21 gennaio 2010

Si sente dire spesso: "Vieni a studio"; "ci vediamo a studio"; "sta a studio"; "l'avvocato è a studio". Ritengo sia più esatto dire: "Vieni allo studio" (ovvero: "vieni in studio"), "ci vediamo in studio"; "l'avvocato è allo studio" (ovvero: "è in studio"). Mi indicate la forma più corretta?

Normal 0 14

Nell’indicazione dello stato in luogo e del moto a luogo, le preposizioni in e a trovano vasto campo di applicazione. In generale, nell’italiano contemporaneo si assiste, negli ultimi anni, a un processo di sovraestensione dell’uso della preposizione a (semplice o articolata), a danno di altre preposizioni o in concorrenza con esse. La norma va modificandosi sotto la spinta dell’uso generalizzato dei parlanti. Talvolta è possibile localizzare i centri o le aree di irradiazione dei mutamenti. È il caso di determinati usi locativi della preposizione a, preferita a in a Roma e nel Meridione e in rapida diffusione verso Nord, dove prevale ancora il canonico in: si pensi ad abito a via Rossi rispetto al tradizionale abito in via Rossi. Ormai la scelta, per il parlante, è ammessa e libera. Lo stesso dicasi per il caso citato nella domanda.

 


© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0