DOMANDA

Mi era sorto un dubbio circa la parola "fa". Talvolta mi confondo in alcuni contesti specifici ad identificare il suo ruolo, cioè se ha funzione di avverbio di tempo (per esempio: sei giorni fa) o di voce verbale, terza persona singolare del presente indicativo di fare (per esempio: Silvio fa i compiti). Per una mia curiosità, non esiste un modo per differenziare le due forme aggiungendo un segno grafico (malgrado sappia che la forma accentata di "fa" è errata)? E secondo voi, sarebbe più conveniente la forma accentata su uno dei due casi

RISPOSTA

Francamente non pensiamo che sia utile un discrimine grafico per distinguere fa avverbio da fa voce verbale. Riesce difficile pensare a quali «contesti specifici» possano sviare dalla corretta individuazione della categoria grammaticale e, più pragmaticamente, del significato di fa. Sei giorni fa, un anno fa, due minuti fa, non molto tempo fa... Anche se volessimo adottare la struttura sintattica fa sei giorni che..., oggi percepita come antiquata, non crediamo che sarebbe possibile equivocare.

UN LIBRO

Leggere prima di leggere: albi illustrati e libri app nell’età prescolare

Leyla Vahedi

Il libro di si fregia del merito di guidare il lettore, soprattutto operatori di settore e insegnanti, in una selva di tecnicismi editoriali, informatici, biblioteconomici, sociologici, per lo più provenienti dal mondo anglosassone, capofila delle acquisizioni teoriche e pratiche in materia

0
0