02 dicembre 2019

Una domanda in relazione a questa vostra frase: "Da qui (dall'Italia) si ha l'impressione che in tedesco il tipo "Spaghetti carbonara" sia un curioso ibrido traduttorio". 1 Allora sarebbe naturalmente migliore dire "Spaghetti bolognesi"; ma: Spaghetti carbonari?? Spaghetti amatriciani?? E non si potrebbe considerare "Spaghetti carbonara" come «doppia ellisse» di Spaghetti (alla maniera) carbonara? 2 "Spaghetti al Pesto" sarebbe allora scritto cosi in tedesco, perché «Pesto» è un sostantivo. Non si usa la ellisse/apposizione "Spaghetti Pesto"? 3 La nota della Treccani invece parla di una «sostantivazione dell’aggettivo» nell'ellisse: allora "la bolognese"? Come "il barocco", "il blu" ecc. Allora sarebbe un sostantivo?

Purtroppo non basta la traduzione letterale per tradurre bene da una lingua all'altra. E anche il punto di vista morfologico (in questo caso passaggio di categoria da aggettivo a sostantivo) può essere insufficiente. Si tratta di costruzioni che vanno adattate. Se devo tradurre für ewig in italiano dirò per l'eternità, che naturalmente è diverso per grammatica e quantità di lessemi usati dalla locuzione tedesca ma è molto fedele nel significato: altrimenti è meglio lasciare la locuzione in tedesco e in questo modo non si fanno danni né alla lingua italiana (perché è una citazione) né alla lingua tedesca. E in effetti, nella nostra lingua, negli scritti colti si usa für ewig.

 

Restiamo dell'idea che traducendo un romanzo dall'italiano o scrivendo il menu di un ristorante sarebbe meglio mantenere intatta la forma della locuzione italiana, senza porsi quindi problemi di analisi grammaticale di ogni singolo elemento, problemi che rischiano di diventare sempre più astratti e nominalistici a mano a mano che ci si ostina a usare la lente d'ingrandimento. C'è anche un motivo seriamente linguistico per comportarsi così e scrivere perciò anche in tedesco, francese, russo, euskara, hindi ecc.  "alla bolognese", "alla amatriciana", "al pesto": qui non conta il singolo componente dell'espressione, ma la sua funzione come intero, una funzione aggettivale o avverbiale, tra l'altro difficile da stabilire una volta per tutte (spaghetti "in modo bolognese" o "spaghetti bolognesi"? Mah! Forse diremmo più avverbiale che aggettivale). Infatti "alla bolognese" è locuzione fissa, che si può usare anche in riferimento ad altre specialità gastronomiche tipiche di Bologna: ragù alla bolognese, lasagne alla bolognese.

 

Anche quanto scritto dalla stessa Treccani è giusto in astratto: bolognese è sostantivato come ellissi di (maniera) bolognese ma solo in quella locuzione fissa (e nelle altre in cui alla o al/allo significa 'alla maniera di'; invece in spaghetti al pesto, al non significa 'alla maniera di' ma equivale alla congiunzione con: perciò in tedesco non posso tradurre Spaghetti Pesto). Vale a dire che se io dico in italiano "ieri ho mangiato una bolognese" ovviamente nessuno penserà che sono un cannibale ma non penserà nemmeno che ho mangiato gli spaghetti alla bolognese: semplicemnet non capirà e chiederà chiarimenti.

 


© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0