Icona_Motore-di-ricercaMotori di Ricerca Banche dati
  Biblioteche Meteo
 

Vorrei fare una domanda relativamente all'uso del verbo “stare” al posto del verbo “essere”, nella fattispecie quando il verbo “stare” è usato in sostituzione di “c'è” o “ci sono” per indicare una quantità non sempre definita. Ho notato diverse volte che il verbo stare è molto usato nei dialetti meridionali, e mi piacerebbe sapere se l'uso di questo verbo nella seguente frase è corretto: «Quanti pesci ci sono nell'acquario?» «Ci stanno tre pesci». L'unica interpretazione corretta della risposta (ma sicuramente non pertinente alla domanda) che riuscirei a dare riguarderebbe la capacità fisica di capienza dell'acquario. Considerata la domanda, è corretto usare il verbo “stare” per indicare invece una quantità? Riporto un altro esempio: «Ci sta una cosa di cui dobbiamo discutere» Al di là dell'uso corretto del verbo stare quando indica un comportamento, un'esortazione, una collocazione abituale o il 'soggiornare' non ho ancora trovato riscontri riguardo al suo uso nelle frasi da me citate.

Occorre precisare che soltanto nell'esempio «ci stanno tre pesci», e soltanto in astratto, può sorgere un dubbio circa il significato del verbo: 'esserci' o 'trovare collocazione adeguata, entrarci'. Perché l'accezione sia inequivocabilmente la seconda, basta che la frase sia formulata in risposta a un'eventuale domanda di questo tipo: «Quanti pesci ci entrano, qua dentro?» (possibili risposte: «Ci entrano (ci stanno) tre pesci» o, più agilmente, «ce ne entrano (ce ne stanno) tre».
 
Negli altri casi, quando cioè stare o starci equivale a essere, esserci, non siamo in presenza di un uso che si riferisce a una più o meno imprecisata quantità, quanto piuttosto a un valore locativo del verbo, che vale, insomma, 'essere presente', 'occupare una posizione'. Come scrive Luca Serianni nella sua grammatica Italiano (garzantina, ed. 1997, capitolo XI paragrafo 138), se è vero che l'uso locativo di stare e starci è tipico dell'italiano adoperato nel meridione, in ogni caso, nella lingua italiana senza aggettivi «nei valori locativi la contiguità semantica tra i due verbi è notevole e non è raro leggere stare in luogo di essere anche in scrittori settentrionali».
 
Gli usi locativi di stare e starci non creano particolari problemi, dunque. È consigliabile evitare l'uso di stare per essere, in quanto più fortemente caratterizzato in senso locale, quando si accompagni ad aggettivi indicanti stati d'animo, condizioni psichiche o mentali: sto angosciato, sto nervoso, sto contento.
 
 

SCELTI NEL WEB

Lingua Italiana

La cultura in rete secondo Treccani

UN LIBRO

L'ospedale della lingua italiana. Dove le parole usurpate dalle omologhe americane trovano cura e conforto

Roberto Nobile

Modellato in forma di irrituale dizionarietto enciclopedico, ecco L'ospedale della lingua italiana, nel quale Roberto Nobile, attore e scrittore siciliano, mostra come alla libertà della parola pensante, critica e creativa, si possa giovare in vari modi e dimensioni

TAG