12 marzo 2014

Vorrei sapere qual è il motivo per cui espressioni come "scendere la valigia (dal treno)", "salire la spesa (alla nonna)" ecc. sono errate in italiano. Io lo so "a orecchio", ma - naturalmente - non basta e non trovo una spiegazione convincente.

Come accade per altri verbi di movimento (entrare, uscire), nell'italiano parlato in alcune zone d'Italia, tipicamente nell'area campana, ma anche in altre parti del Centrosud, si incontra un uso transitivo di verbi che sono per natura intransitivi.

Di fatto, quindi, un verbo intransitivo diventa transitivo e cambia pure di significato, perché una cosa è dire io salgo sul treno, un'altra un'altra io salgo la valigia sul treno, intendendo faccio salire la valigia sul treno.
 
Probabilmente, nell'italiano regionale campano, quest'uso sorge come una reazione alle assai diffuse forme dialettali locali con verbi transitivi che reggono un oggetto preposizionale (il complemento oggetto preceduto da una preposizione), del tipo ieri ho sentito a tua madre, ho visto a tuo fratello e simili.
 
Finché resta confinato nella dimensione colloquiale del parlato informale, questo uso è ammissibile. In altri ambiti, è da evitare.

© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0