13 maggio 2015

A me non sembra giusto grammaticalmente scrivere per andare a capo il nome Egitto così: "d'E a capo gitto”. Come viene scritto correttamente?

Non si tratta di un errore. Si può benissimo scrivere nel modo citato. Un modo meno appropriato sarebbe quello di scrivere – come un tempo prescrivevano a scuola, sbagliando – di a capo Egitto, riproducendo una sequenza che non corrisponde alla realtà della pronuncia.

 

Ecco quanto si scrive nell'Enciclopedia dell'italiano della Treccani: «La divisione in sillabe per andare a capo segue anche consuetudini di carattere estetico: ad es., si evita di andare a capo con la seconda vocale di uno iato (poe.sia e non po.esia) o con la sola ultima sillaba di una parola lunga. È invece sempre più diffusa l’elisione alla fine del rigo (l’.isola, dell’.amico) evitando il ripristino della vocale elisa (la.isola, dello.amico), ma le soluzioni più eleganti rimangono, per questi esempi, l’i.sola o l’iso.la e del.l’amico)». Dunque, d'E a capo Egitto è soluzione non solo corretta, ma anche elegante.

 


© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0