Questo sito contribuisce all'audience di
Ultime domande e risposte pubblicate Argomento
È corretta la frase: "...per quanto riguarda la realizzazione, facciate riferimento alle vostre precedenti consegne". Il contesto è quello di una mail di lavoro. Grammatica
Oggi mi sono impelagato in una discussione che riguardava il verbo "sputare". È più corretto dire "Tizio sputò Caio", oppure "Tizio sputò a Caio"? Io ho asserito fosse più corretta la prima forma (quella senza "a"), come per dire "sputò Caio in faccia", mentre il mio interlocutore propendeva per la seconda, in quanto, come dice lui, non usando la preposizione semplice "a" (sputò a Caio) è come se io dicessi che Tizio, invece delle saliva, sputasse letteralmente Caio di bocca. Grammatica
È corretto dire: "vado con gli suoceri" oppure: "vado con i suoceri"? Grammatica
Vorrei un vostro parere sul modo condizionale. Mi risulta che può essere usato nelle subordinate oggettive per esprimere il "futuro nel passato": 1) "sapevo che avrebbe mangiato il dolce" anche quando la reggente è la protasi di un periodo ipotetico: 2) "se avessi saputo che avrebbe mangiato il dolce, avrei lasciato il vino sul tavolo". Però quando il verbo nella protasi è al congiuntivo imperfetto, la frase mi risulta veramente cacofonica e temo sia errata: 3) "se sapessi che *mangerebbe il dolce, lascerei il vino sul tavolo"; in questo caso bisogna usare il congiuntivo "mangiasse" (come per "attrazione modale"), oppure l'indicativo futuro "mangerà"? Il dubbio sulla 3) mi è sorto ragionando su frasi analoghe: ad esempio, il condizionale mi pare corretto quando il concetto di possibilità dell'oggettiva è espresso con un verbo servile: 3 bis) "se sapessi che potrebbe mangiare il dolce, lascerei il vino sul tavolo" e pure quando la subordinata oggettiva dipende dalla protasi ma ha un riferimento anche all'apodosi: 3 ter) "se sapessi che ne berrebbe un bicchiere, lascerei il vino sul tavolo ". In conclusione, la 3) è ammissibile? E qual è il vostro parere sulle 3 bis) e 3 ter)? Grazie del vostro aiuto. Grammatica
Vorrei rivolgermi al Prof. Antonelli o ad altro linguista del vostro portale per avere una risposta al seguente quesito: è possibile usare il condizionale passato per proiettare un'azione al passato del passato? Per esempio: "Mi dissero che (in passato) non avrei dovuto farlo". Mi è stato detto che il condizionale passato può essere usato per proiettare un'azione al futuro del passato e non al passato del passato, però l'esempio citato lo sento frequentemente espresso da persone di una certa cultura, per cui mi sorgono dei dubbi e pertanto vorrei da voi un parere a riguardo. Grammatica
È corretto dire "non sono d'accordo con ciò che dici"? Alcuni dicono la preposizione "con" non sia corretta. Grammatica
"La locomotiva" di Francesco Guccini inizia con questo verso: Non so che viso avesse, neppure come si chiamava... L'indicativo usato nel secondo emistichio è corretto? Se sì, perché? Grammatica
Salve, è corretto dire "Gelato DI nocciola", ad esempio? So che la dicitura più comune è "Gelato ALLA", ma mi chiedevo se fosse corretta anche quest'altra dicitura, per sottolineare che il prodotto in questione è artigianale e fatto con una grande quantità di materie prime e non aromi. Grammatica
Vorrei sapere se è corretto dire: "Mi ha chiesto se eventualmente sarei disponibile ad accettare l'incarico". Grammatica
Vorrei sapere se i quattro periodi elencati di seguito possono essere giudicati corretti (o comunque accettabili) e, tra questi, qual è il più idoneo a un linguaggio sorvegliato: 1. Se domani non sarò a casa per le 8, vorrà dire che mi avranno trattenuto all'allenamento. 2. Se domani non sarò a casa per le 8, vuol dire che mi avranno trattenuto all'allenamento. 3. Se domani non sarò a casa per le 8, vorrà dire che mi hanno trattenuto all'allenamento. 4. Se domani non sarò a casa per le 8, vuol dire che mi avranno trattenuto all'allenamento. Vi domando inoltre - rimanendo in tema di sintassi - se il seguente periodo ipotetico "Se non ti avessi conosciuto, oggi sarei stato solo" può essere definito corretto, al pari del più diffuso "Se non ti avessi conosciuto, oggi sarei solo". In altre parole, quando l'apodosi ha, per così dire, effetti sul presente, si può comunque impiegare il condizionale composto o si è obbligati a scegliere il presente? Grammatica
Volevo porVi un quesito riguardante la lingua Italiana ed il suo corretto utilizzo, scaturito in seguito ad una discussione riguardante l'utilizzo di due preposizioni semplici. Nel particolare stavamo discutendo il significato della frase "sei scrivanie per sei persone"; un individuo ha capito che il totale di posti a sedere sarebbe di 36 persone, quando invece è 6, essendo una persona per scrivania: è quindi corretto utilizzare "per", dato che il risultato di 36 persone possibili sarebbe stato indicato con l'utilizzo del "da"? Grammatica
"... lessicale dell'italiano. E si consideri...": dopo il punto una E maiuscola congiunzione? Grammatica
È corretto domandare "cosa ti fai a cena"? Grammatica
È scorretto dire "non ci stava bisogno di dirmelo"? Grammatica
Vorrei sapere se la frase "avrei voluto che le cose andassero diversamente" o è più corretto "avrei voluto che le cose fossero andate diversamente". Grammatica
1
|
2
|
3

UN LIBRO

La sinistra che verrà. Le parole chiave per cambiare

(a cura di) Giuliano Battiston e Giulio Marcon

Un saggio polifonico con al centro lo sforzo di gettare nuova luce in un panorama in cui, per forza di cose, anche i significati di alcune parole usurate sono mutati insieme con i mutamenti epocali degli ultimi decenni

0