Ultime domande e risposte pubblicate Argomento
Quesito: perché nel vostro elenco (vocabolario) non c'è la parola leicità da contestualizzare come = Criterio di leicità per il trattamento dei dati (privacy)? ed a seguire: che differenza c'è tra le parole *leicita'* e *liceita* nello stesso contesto di archiviazione (software) dei dati per un utilizzo su larga scala in base agli indirizzi UE? Lessico
Volevo gentilmente chiedere se è corretto dire per esempio "Mamma sta bene" anche quando non si parla a un parente. Ovvero: secondo me se si parla tra fratelli o parenti in generale è corretto parlare di "Mamma" ,"Papà ", "Nonno", "Nonna" ecc. senza l'aggiunta dell'aggettivo possessivo ("Mia mamma" ecc.); mentre penso che parlando con persone estranee alla famiglia bisogni sempre specificare l'aggettivo possessivo. è corretto? Lessico
Esiste il termine "dispiegabile"? Mi viene da usarlo relativamente a ciò che si può dispiegare, per esempio per qualcosa che è avvolto e si può svolgere. Mi piacerebbe usarlo nel titolo della mia tesi di laurea, che include dei meccanismi, appunto, dispiegabili. Lessico
Vorrei sapere se il termine "accettare" lo posso trasformare in "accettazione", come posso effettuare la stessa trasformazione per il termine "evitare"? Esiste il corrispettivo? ("evitazione" credo voglia dire tutt'altro). Colgo l'occasione per complimentarmi con voi per l'eccelsa ed utilissima piattaforma online. Lessico
Esiste un contrario accreditato del termine "globalizzazione"? Lessico
Da quando entra nella lingua italiana il termine "sovranismo"? In rete sembra un neologismo del 2017. In effetti, in francese è ben accertato da tempo. Lessico
È giusto dire litorale cesenaticense? Lessico
Vorrei un chiarimento sul termine "CALICO" riferito al gatto, poiché tale termine non l'ho trovato nel Vs. vocabolario. Va inteso come aggettivo e quindi per una gatta diventa "CALICA"? In attesa di un gradito riscontro, porgo cordiali saluti. Lessico
In merito al significato della locuzione "nelle more" di cui avete già parlato: ho trovato scritto nella lettera di un avvocato: "nelle more di quanto sopra riportato...", con riferimento ad un elenco di indicazioni. Vorrei sapere se in un simile contesto ha un senso. Lessico
Mi è capitato di sentire la parola "Urfido" in un discorso da strada e l'ho catalogato subito come corretto e "termine italiano" usato in senso dispregiativo. Ho naturalmente e immediatamente fatto una ricerca sul Vostro sito ma senza trovare risposta. È quindi l'invenzione di qualche buontempone che si diverte a inventare vocaboli (l'attore Lastrico è un maestro in questo....sorrido sempre al ricordo in uno suo spettacolo usò per indicare una maniglia "Jurichechica maniglia"....). Vorrei quindi sapere, con un SI oppure con un NO, se questo termine URFIDO si può usare correttamente nella lingua italiana. Lessico
Sto traducendo un manuale dalla lingua spagnola alla lingua italiana sulla costruzione della chitarra e, dato che nel testo di partenza vi sono molte figure che illustrano i procedimenti da eseguire, in tutti i casi in cui si faceva riferimento a una di esse ho sempre utilizzato nel testo di arrivo l'espressione "in figura 1 si illustra" oppure "in figura 1 è illustrata", in modo da mantenere una coerenza testuale. Vorrei gentilmente sapere se l'espressione "in figura 1 si illustra/ è illustrata" si possa considerare grammaticalmente corretta oppure se sia meglio dire "nella figura 1 si illustra/ è illustrata". Io, personalmente, preferirei utilizzare l'espressione "in figura" anche perché stiamo parlando di un manuale tecnico... Lessico
La presente per segnalare che nel Vostro stimato e autorevole vocabolario on line, fra le accezioni del lemma "cifra" manca quella di "qualità caratterizzante, distintiva di una persona o altro". Ultimamente si sta diffondendo sempre più nell'uso, ad esempio quello giornalistico, televisivo e in genere popolare. Lessico
Ho trovato in francese la forma verbale chiper (https://fr.wiktionary.org/wiki/chiper) per derubare, forma che sembra risalire all'antico francese chipe. Mi domandavo se questa forma potesse avere qualcosa a che fare con il termine italiano scippare Lessico
Nel libro "Delitto e castigo" di Dostoevskij, nella versione a cura di Serena Prina, compare alla pagina 12 una forma riflessiva che mi ha incuriosito: "Si confuse e tacque". Analizzando il contesto, credo non si possa attribuire al verbo "confondersi" il normale significato. Vi chiedo quale significato sia attribuibile. Lessico
Scrivo per segnalare la mancanza dell'aggettivo "autotelico" nel vostro autorevole Vocabolario. Mi chiedo quale sia la motivazione di tale mancanza: è un termine di recente apparizione? È troppo poco usato per essere censito in un vocabolario? Ma soprattutto: è lecito considerarlo un termine della lingua italiana? Lessico
1
|
2
|
3

UN LIBRO

La parola braccata. Dimenticanze, anagrammi, traduzioni e qualche esercizio pratico

Valerio Magrelli

Il traduttore è un soggetto attivo, una persona chiamata in continuazione a prendere decisioni, a scegliere una strada piuttosto che un’altra, a sforzarsi per ‘portare oltre’ chi gli si affida.

0