Icona_Motore-di-ricercaMotori di Ricerca Banche dati
  Biblioteche Meteo
 

Qual è il significato di "tra frizzi e lazzi"? Si può usare nel parlare comune? E quale significato oggi ha acquisito?

Rita Pinna

Non sembra che si possa definire tra frizzi e lazzi una vera espressione, ossia, in termini tecnici, una unità polirematica, caratterizzata dalla presenza di più parole che devono essere presenti in una sequenza e in una forma cristallizzata, pena la perdita di significato dell'unità (o espressione) stessa. Anche soltanto facendo - come si dice - un giro su internet, si vede che tra frizzi e lazzi è presente tanto quanto tra lazzi e frizzi; che spesso si scrive di lazzi, frizzi in casi diretti (con funzione cioè di soggetto o di complemento oggetto); che frequentemente lazzi e frizzi, pur all'interno di una medesima frase e di un medesimo contesto semantico, sono dislocati in zone e con funzioni morfosintattiche diverse. In ogni caso,  tra frizzi e lazzi può riferirsi grosso modo a due àmbiti semantici contigui: il primo reca con sé la dimensione carnevalesca e teatrale (da Commedia dell'arte) che è propria sia di frizzi sia di lazzi (da pronunciare con la z sonora), e fa pensare ad amenità, facezie piccanti e anche scurrili lanciate vicendevolmente da gruppi contrapposti, come forma ritualizzata di scontro tra parti di una stessa comunità (festa antica o moderna, cori di stadio e simili); il secondo, in modo attenuato e generico, evoca manifestazioni chiassose più o meno intemperanti, più o meno fatue, più o meno divertite e divertenti.

Frizzo 'battuta pungente, sapida e arguta' deriva da frizzare, a sua volta da una forma latina non attestata *frictiare, intensivo di frigere 'friggere'. In italiano è documentato dai primi decenni del 1700.

Lazzo (riportiamo la definizione data dal Vocabolario Treccani) vale originariamente «breve scena di carattere mimico, predisposta nel canovaccio per interrompere la monotonia del dialogo» e si riferisce al mondo della Commedia dell'arte e della farsa; passa poi a indicare, estensivamente, un «atto o motto buffonesco in genere, spesso sguaiato». In italiano è documentato dalla metà del Seicento. L'etimologia è discussa e ancor oggi irrisolta. Molti propendono per una derivazione dal latino actio 'azione, atto', in senso tecnico teatrale (didascalia inserita nei copioni delle recite); altri difendono l'origine spagnola della voce; c'è chi pensa all'italiano settentrionale lazzo 'laccio', chi al germanico hazus 'istrione'.

SCELTI NEL WEB

Lingua Italiana

La cultura in rete secondo Treccani

UN LIBRO

Il piacere di scrivere. Guida all'italiano del terzo millennio

Luca Cignetti – Simone Fornara

Il manuale di Cignetti e Fornara, due linguisti che insegnano Didattica dell'italiano alla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana, mantiene ciò che promette nella Premessa: far sì che la realtà della lingua e degli usi guidi il percorso di intervento del docente

TAG