DOMANDA

Vorrei conoscere il significato della parola “ballarò”.

RISPOSTA

Ermanno Viapiana

Nella città di Palermo esistono almeno tre importanti mercati all’aperto, anche se da un po’ di tempo a questa parte attraversano un periodo di crisi, a causa della concorrenza delle grandi strutture di distribuzione commerciale: Vuccirìa, Capo e Ballarò. Il nome Ballarò è stato scelto per una nota trasmissione televisiva, in onda sul terzo canale della Radiotelevisione italiana dall’autunno del 2001. I tre mercati si trovano in zone diverse della città. Ai tempi della dominazione araba facevano probabilmente parte di un’area unica, che costituiva la medina.

Ballarò proviene probabilmente dal toponimo arabo Bahlara, designante un villaggio presso Monreale, dal quale provenivano i mercanti che lo frequentavano. Secondo un’altra ipotesi, Ballarò deriverebbe da Ap-Vallaraja, titolo dei sovrani della regione indiana del Sind, nella quale si vendevano le pregiatissime e costosissime spezie provenienti dal Deccan.

UN LIBRO

Donne e Grande guerra. Lingua e stile nei diari delle crocerossine. Il caso di Sita Camperio Meyer

Barbara Cappai e Rita Fresu

La lingua e lo stile del diario di Sita Camperio Meyer sono oggetto di studio del volume che, prima di focalizzare la sua attenzione sulla lingua e sullo stile della scrivente, esamina e fornisce un panorama dettagliato delle ricognizioni, dello stato dell’arte sull’argomento o, sarebbe meglio dire, sugli argomenti

0
0