Questo sito contribuisce all'audience di

DOMANDA

Vorrei sapere se in italiano è corretto usare "assumere" con il significato di "supporre, presumere". A me sembra un inglesismo: tradotto dall'inglese "to assume". Se si può usare, non dovrebbe richiedere l'uso del congiuntivo nella frase dipendente? (Assumo che tu viva negli Stati Uniti).

RISPOSTA

Si tratta di un uso che risente dell’inglese to assume, come scrive giustamente chi ci ha posto il quesito. In verità, to assume e assumere condividono alcune accezioni (‘assumere una carica’, ‘assumere una posizione (in senso fisico)’), grazie al comune etimo latino. Ciò, evidentemente, crea una possibile permeabilità semantica tra to assume e assumere.

Vero è, però, che assumere ‘immaginare, supporre’ e ‘presumere’ costituirebbe, a tutt’oggi, un anglismo semantico piuttosto spinto, forzato, soprattutto in quanto non corroborato da una adeguata quantità di attestazioni, parlate e soprattutto scritte, nella lingua comune.

Ciò non toglie che prima o poi assumere, nei significati suddetti, possa penetrare nell’uso. Tra l’altro, tale processo potrebbe contare sull’uso tecnico, da tempo presente nella nostra lingua, proprio del linguaggio filosofico e scientifico, di assumere ‘ipotizzare’ (si assume che il fluido sia omogeneo).

Infine, assumere ‘presumere, ipotizzare, ecc.’ richiederebbe senz’altro il congiuntivo nella dipendente.

UN LIBRO

L’italiano e le sue varietà

Sergio Lubello e Claudio Nobili

Il volume indaga le varietà dell’italiano secondo i tradizionali assi di variazione: diatopia, diastratia, diafasia e diamesia. Il libro, concepito con l’intento di proporre in forma divulgativa temi normalmente affrontati nei corsi universitari di linguistica italiana, è agile, rigoroso e aggiornato