08 luglio 2019

Vorrei proporvi di inserire nel vostro vocabolario la parola incredibilità. Le ragioni le seguenti: credo nella necessità di questa parola; ha un senso e rispetta le categorie che si applicano agli altri sostantivi quali incredulità, credibilità e umiltà. Perché credibilità si è incredibilità no? E perché non metterla?

Intanto notiamo che i sostantivi astratti uscenti in -(a/i)bilità (come credibilità e il suggerito contrario incredibilità) provengono normalmente per derivazione da aggettivi in -(a/i)bile, a loro volta tratti da verbi (nel nostro caso, credere > credibile). Di solito questi aggettivi derivati hanno senso passivo ed esprimono la possibilità o la necessità di quanto viene predicato dal verbo: credibile, inammissibile, leggibile, sostenibile. In latino, va detto, il suffisso era impiegato talvolta con valore attivo e così si spiega il valore attivo di aggettivi come infallibile, irascibile, sensibile, terribile (e dei rispettivi sostantivi astratti derivati).

 

Ciò precisato – anche per non fare di tutte le erbe un fascio – chiariamo che tali trafile derivative non sono automatiche nello sviluppo della lingua e non basta la buona volontà logicistica (o la fede nella propria visione del mondo, della lingua, del lessico o del singolo lemma) a imporre nell'uso (che si basa sul consenso e su spinte di tipo collettivo e sostanzialmente non conscio) un vocabolo che, in sé per sé, come scrive la nostra lettrice, avrebbe le carte in regola per entrare nei dizionari della lingua italiana.

 

Il fatto però è che incredibilità è parola che ha usi secolari, anche letterari, che giungono fino a oggi; e che non pochi dizionari moderni della lingua lemmatizzano la parola. Pertanto questo sostantivo astratto può anche essere inserito nel nostro vocabolario on line, che non lo aveva inserito soltanto perché, come molte parole derivate formate con il prefisso negativo/sottrattivo in- non censite, era ed è virtualmente possibile ricavare incredibilità dalla base positiva (credibilità), per analogia con decine e decine di altre voci formate nello stesso modo. Ringraziamo la lettrice per la sua segnalazione.


© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0