/magazine/lingua_italiana/domande_e_risposte/varie/varie_58.html
Varie

In quanto studentessa, qualche tempo fa avevo bisogno di un sinonimo per la parola "donna". Ho pensato di affidarmi al vostro sito e con molto dispiacere ho scoperto che il dizionario dei sinonimi e contrari online della Treccani ha uno squilibrio incredibile per quanto riguarda la qualità delle definizioni. Per la donna si parla, e cito, di "buona donna, donna da marciapiede (o di malaffare o di strada o di vita o, eufem., di facili costumi) ? ?; donna di casa ? casalinga, massaia; donna-ragno". Non proseguo la citazione, ma vi assicuro (e lo saprete sicuramente meglio voi di me) che le proposte che seguono non sono più lusinghiere. Quando invece ho cercato i sinonimi per la parola "uomo", ho letto tutto ciò che avrei voluto trovare riportato anche per il mio genere di appartenenza. Si parla di "uomo d'affari [individuo che gestisce affari economici, commerciali e sim.] ? business man. ? commerciante, finanziere, imprenditore; [...] uomo di lettere; uomo di fatica ? ?; uomo di legge [...]; uomo di scienza ? ?; uomo di stato, [...] uomo d'onore." Questo è un periodo molto complicato per tutti e viste anche le notizie recenti, che fanno capire che la parità sessuale è lontana dall'essere raggiunta, ho pensato che fosse giusto che io, in quanto donna di lettere e di scienza, chiedessi a voi, in quanto parte così importante della cultura del nostro Paese, di rivedere le vostre scelte lessicali e di aiutare la società a fare un passo verso l'uguaglianza almeno nella teoria.

A questa bella lettera rispondiamo che un dizionario della lingua italiana da una parte e, dall’altro, le ideologie, le credenze, i modi di vita e di pensare della comunità di ...
0