Lingua spedita, lingua tradita?

 

È così stereotipata e sgrammaticata la cosiddetta “lingua spedita”, cioè l’italiano adoperato (“spedito”) velocemente via e-mail, sms e chat; usato nei newsgroup e nei forum di discussione; fatto circolare nel vasto mare dei social network (Facebook, Twitter, Friendfeed)? C’è da temere per il buon uso della lingua? Quattro interventi di specialisti spiegano perché non bisogna esagerare con gli allarmi.
0