Le Parole Valgono

Scopri tutte le liste #leparolevalgono

Tutte le parole che parlano di#basta

B

🎤 Ti ho dato tutto, te no, eri Crudelia De Mon Tutte le volte che ti ho detto basta perché superavamo i limiti Tutti i tuoi drammi, gli inganni, gli scontri e dopo i gesti folli

Solitamente dopo averlo urlato arriva il silenzio. Come insegna quel Pax, Palamedes! che nella commedia latina (Petronio, Cena di Trimalchione, cap. 66) dà un ordine preciso di cambiare discorso (o di spiegarlo meglio), andare oltre, perché si è superato un limite.

La locuzione esclamativa "basta" nel singolo di Marracash è realmente ciò che viene urlato in faccia a Crudelia De Mon, ma nella dimensione del ricordo della loro storia sentimentale assomiglia a un autoconvincimento, alla cognizione di essere stato vittima di una vera e propria manipolazione amorosa: “Mentire senza emozioni, come fai? / Il mio amore è marcito in odio / Forse sei il peggio che abbia incontrato mai / Sicuramente sul podio / Che poi non so perdonare me / Perché ero un complice in fondo / Ti ho dato l'anima e invece te / Mi hai dato solo il tuo corpo”.

Questi pensieri sono difficili da sopportare, perché anche se l’esasperazione del Basta! è rimarcato più volte per far cessare “tutti i drammi, gli inganni, gli scontri e dopo gesti folli”, alla fine il “Ti giuro che è l’ultima volta” – una delle illocuzioni commissive come “prometto”, che in amore funzionano sempre ma non si realizzano quasi mai – è davvero solo un suono, a cui fa seguito un gran senso di colpa e la non azione.

Se anche tu vuoi dire basta davvero a un amore che ti ossessiona, inizia a prendere appunti con la selezione musicale della playlist di Treccani: bit.ly/TreccaniPlaylist

T

tròia s. f. [lat. mediev. troia, forse voce espressiva che imita il grugnito del maiale]. – 1. La femmina del maiale, spec. con riferimento a quella destinata alla riproduzione; è sinon. pop. di scrofa (ma sentito in genere come volg.) 2. fig., spreg. Puttana, soprattutto come insulto. ◆ Dim. troiétta e troiettina; accr. troióna e anche troióne m.; pegg. troiàccia (tutti quasi esclusivam. in senso fig.).

via GIPHY

0