Questo sito contribuisce all'audience di

da De Babilonia civitate infernali

GIACOMINO DA VERONA

13 maggio

       Lo re de questa terra              sì è quel angel re’
       de Lucifèr ke diso:               “En cel metrò el me’ se’,
       e serò someiento               a l’alto segnor De’”,
       dond el caçì da cel               cun quanti ge çé dre’.
5        La cità è granda               et alta e longa e spessa,
       plena d’ogna mal               e d’ognunca grameça:
       li sancti tuti el diso,               per fermo e per certeça,
       ka ki là dentro à entrar,               no ’d’ àlo ensiro en freça.
       En l{o} profundo de inferno               sì e colocaa,
10        de raxa e de solfero               sempro sta abrasaa:
       se quanta aqua è en maro               entro ge fos çetaa,
       encontinento ardria               sì com’ cera colaa.
       Per meço ge corro               aque entorbolae,
       amare plui ke fel               e de venen mesclae,
15        d’ortig[h] e de spine               tute circundae,
       agute cum’ cortegi               e taient plu ke spae.
       Sovra la cità               è fato un cel reondo
       d’açal e de ferro,               d’andranego e de bronço,
       de saxi e de monti               tuta muraa d’atorno
20        açò k’el peccaor               çamai no se’n retorno.
       Sovra sì è una porta               cun quatro guardïan,
       Trifon e Macometo,               Barachin e Sathàn,
       li quali è tanto enoiusi               e crudeli e vilan
       ke dolentri quelor ke               g’andarà per man.
25        Ancora su la porta               sì è una tor molt alta,
       su la quala sì sta               una soa scaraguaita,
       la qual nui’ om ke sia               çamai trapassar laga
       per tute le contrae,               ke lì venir no’l faça.
       E ben è fera consa               e granda meraveia
30        k’ella no dormo mai,               mo tuto ’l tempo veia,
       façando dì e noito               a li porter ensegna
       k’igi no laxo andar               la soa çento ramenga.

PARAFRASI

Il re di questa città è proprio quell’angelo malvagio ('re’, ‘reo’) di Lucifero, che disse “Nel cielo porrò il mio trono ('se’, ‘seggio’), e sarò somigliante all’alto Signore Iddio”, e perciò cadde dal cielo con quanti gli andarono dietro. La città è grande e alta e lunga e profonda, piena d’ogni male e d’ogni infelicità: tutti i santi lo dissero, come cosa sicura e certa, che chi entrerà là dentro non ne uscirà tanto presto. è posta nella profondità dell’inferno, brucia perennemente di resina e di zolfo: se quant’acqua c’è nel mare vi fosse gettata, arderebbe immediatamente come cera fusa. Al centro vi scorrono acque torbide, più amare del fiele e intrise di veleno, circondate da ortiche e spine, aguzze come coltelli e più taglienti delle spade. Sopra la città si estende un cielo rotondo, d’acciaio e di ferro, di andanico (ferro acciaioso) e di bronzo, (ed è) tutta circondata da rocce e dirupi affinché il peccatore non possa giammai tornare indietro. Sopra c’è una porta con quattro guardiani, Trifone e Maometto e Barachino e Satana, che sono tanto molesti e crudeli e ostili che guai a coloro che cadranno nelle loro mani. Sopra la porta c’è poi una torre molto alta, sulla quale sta una sua sentinella, che non lascia mai passare alcuno per nessuna via, in modo che debba venire lì. Ed è una cosa inquietante e stupefacente che essa non dorma mai, ma vegli per tutto il tempo, giorno e notte, facendo cenno al portiere che da lì non permetta che i suoi abitatori se ne vadano errabondi (‘raminghi’).

COMMENTO

Secondo dittico di un poemetto veronese in quartine monorime o assonanzate di alessandrini (la cui prima parte è il De Jerusalem celesti), anche il De Babilonia civitate infernali fa parte, come il Libro de le Tre Scritture di Bonvesin da la Riva, dei cosiddetti precursori della Commedia di Dante. Vi si ritrovano il paesaggio orrido e rupestre, le mura turrite, la sentinella (di cui è sottolineata la minacciosa capacità di rimanere sveglia in eterno). Lo stile umile esprime una concezione ingenua dell’aldilà; la descrizione delle pene dell’inferno e delle gioie dei beati ricorre a rappresentazioni che intendono colpire l’immaginario popolare, attingendo al repertorio dei predicatori francescani che si richiama all’Apocalisse di san Giovanni e che ritroviamo nel mondo figurativo dei capitelli delle cattedrali.

Scelta, parafrasi, commento e note bio-bibliografiche a cura di Gigi Cavalli

BIO AUTORE

Giacomino da Verona (seconda metà del XIII secolo), frate francescano “de l’Orden de’ Minori”, probabilmente coetaneo di Bonvesin da la Riva, utilizza il dialetto veronese per poter comunicare agli uditori, popolani in gran parte analfabeti, durante le prediche o nelle funzioni religiose, parte dei suoi poemetti: il De Babilonia civitate infernali et eius turpitudine et quantis penis peccatores puniantur incessanter ('Babilonia, città infernale, e la sua turpitudine e con quante pene i peccatori vi siano incessantemente puniti') in 280 versi, e il De Jerusalem celesti et de pulcritudine eius et beatitudine et gaudia sanctorum ('La Gerusalemme celeste e la sua bellezza e beatitudine e le gioie dei santi") in 340 versi, composti verosimilmente verso la fine del Duecento. Gli è stato da alcuni attribuito anche il poemetto Della caducità della vita umana, di 328 versi, però in quartine di endecasillabi.