Pentecoste

      Pentecoste
       campane del pomeriggio
       lucido verde al sole
       turchino di mare con sparse vele
5        nuvole chiare
       delle selve d’ulivi respiro mite
       e le campane
       con tocchi chiari blandi
       oh come tutto sarebbe felice
10        se potesse vanire
       nel blando suono
       delle campane.

  • Condividi
COMMENTO

Il volume Murmuri ed echi rappresenta un punto molto significativo nella storia della poesia italiana del primo Novecento. Se da un lato la sua tematica - l’aspro paesaggio ligure, di cui Eugenio Montale sarà il maggiore interprete - e la sua semplicità espressiva possono ricordare la poetica dei Crepuscolari, dall’altro la scabra essenzialità dei suoi versi, la loro musicalità segreta, priva di rime ma con qualche assonanza o consonanza, l’assenza di punteggiatura, una misteriosa ansia metafisica, la tensione quasi religiosa, la ricerca della “parola pura” anticipano sorprendentemente la poesia ermetica, con immagini e suoni trasognati e armonizzati, nel trapasso dalla realtà esterna al flusso lirico di quella interiore.

Scelta, parafrasi, commento e note bio-bibliografiche a cura di Gigi Cavalli


Mario Novaro (Diano Marina, Imperia, 1868 – Oneglia, Imperia 1944), fratello minore di Angiolo Silvio, si trasferisce anch’egli con la famiglia a Oneglia per occuparsi della ditta olearia della madre, Paolina Sasso. Si laurea in filosofia a Berlino con una tesi su Malebranche (Die philosophie des N. Malebranche, 1893), cui seguono i Pensieri metafisici di Malebranche (1911), La teoria della causalità in Malebranche (1893) e Il concetto di infinito e il problema cosmologico (1895). Dal 1899 al 1919 dirige la rivista La Riviera Ligure, cui collaborano i maggiori intellettuali del tempo, tra i quali Pascoli, Pirandello, Gozzano, G.A. Borgese, Cecchi, Palazzeschi, Soffici, Jahier, Sbarbaro, Boine, Roccatagliata Ceccardi. Nel 1912 pubblica il volume di versi Murmuri ed echi, poi più volte rimaneggiato. Anch’egli, come il fratello, perde un figlio, Cellino, nella prima guerra mondiale.
0