Colle, Enrico

Storico dell'Arte

Enrico Colle, dopo aver frequentato i corsi di Storia dell'Arte presso l'Università di Firenze e di Venezia dove si è laureato, si è specializzato nel campo delle arti decorative e ha incentrato i propri studi sugli arredi e sugli oggetti d’arte delle ex residenze reali italiane, anche in vista di una loro più corretta esposizione museografica.

Nell'ambito di tali interessi ha condotto indagini archivistiche sul mobilio delle residenze granducali di Toscana, delle regge di Caserta e Napoli, su quello delle dimore sabaude in Piemonte e sull'allestimento di Palazzo Chigi Saracini a Siena, mentre per conto della direzione delle Civiche Raccolte d'Arti Applicate del Comune di Milano ha compilato il catalogo sistematico dei mobili del Castello Sforzesco. 

Suoi contributi sono apparsi nelle riviste Antichità Viva, Artista, Prospettiva, Antologia di Belle Arti e nei volumi Arte di Corte a Torino, La cornice italiana, Civiltà dell'Ottocento a Napoli, Bronzi decorativi in Italia, Milano neoclassica; ha curato la mostra milanese Fasto e Magnificenza, interamente incentrata sull’evoluzione della mobilia italiana dal Cinquecento all’Ottocento, e ha partecipato alle mostre Il Neoclassicismo in Italia, di cui ha curato la parte relativa alle arti decorative, a quella su Giocondo Albertolli, tenutasi a Rancate, e a quella dedicata a Pompeo Batoni. 

Ha inoltre redatto i cataloghi dei mobili del XVII, del XVIII e del XIX secolo di Palazzo Pitti (I mobili di Palazzo Pitti: il periodo dei Medici, I mobili di Palazzo Pitti. Il primo periodo lorenese e I mobili di Palazzo Pitti. Il secondo periodo lorenese) e quelli relativi al riallestimento degli appartamenti reali della reggia fiorentina al cui ripristino ha lavorato seguendo le indicazioni inventariali presenti nei documenti d’archivio, avviando così un metodo di ricerca che ha coinvolto anche gli altri palazzi reali italiani ed è sfociata nel volume patrocinato dal Ministero dei Beni Culturali su Gli inventari delle corti.

L’autore ha diretto, per conto della casa editrice Electa, una collana sulle arti decorative di cui ha curato i primi cinque volumi sulla storia del mobile italiano (Il Mobile Barocco in Italia. Arredi e decorazioni d’interni dal 1600 al 1738 - Il mobile Rococò in Italia. Arredi e decorazioni d’interni dal 1738 al 1775 - Il Mobile Neoclassico in Italia. Arredi e decorazioni d’interni dal 1775 al 1800 - Il mobile Impero in Italia. Arredi e decorazioni d'interni dal 1800 al 1843  - Il mobile dell’ Ottocento in Italia. Arredi e decorazioni d’interni dal 1815 al 1900). E’ inoltre l’ideatore e stato il direttore della rivista italiana dedicata alle arti decorative DecArt pubblicata dalle edizioni del CentroDi.

Attualmente, dopo aver insegnato come docente a contratto presso la Scuola di Specializzazione dell’Università di Bologna, ricopre la carica di Soprintendente al Museo Stibbert di Firenze.

Contributi video
1929
0