Seguendo gli echi della Grande Guerra

7157

IL CAMPO TRINCERATO DEL NAGIA’ GROM

Seguendo gli echi della Grande Guerra
Assieme ad Anna Pisetti, conservatrice presso il Museo Storico Italiano della Guerra di Rovereto, è facile intendere come muoversi oggi nelle trincee della Prima Guerra Mondiale sia un’esperienza tanto unica quanto estraniante. Trovarsi immersi nella natura ormai rigogliosa del campo trincerato del caposaldo del Nagià Grom vuol dire, in tal senso, recuperare un tassello fondamentale dell’intero conflitto. Questo sistema fu realizzato, infatti, tra il 1914 e il 1918 prima ancora che scoppiasse la guerra tra il Regno d’Italia e l’Impero d’Austria, ed è parte di una trama molto articolata che attraversa tutto il Trentino meridionale, segnata da forti, strade militari e lunghi camminamenti che permettevano ai soldati di difendersi. Tra cicatrici e solchi di filo spinato, avanzi di cucine e croci dedicati a piccoli recuperanti, il cuore di questo posto esprime la forza del tempo lungo della guerra, e la sua pace oggi non è che la forma di un ricordo inquieto dove ogni millimetro del suo percorso parla di un vecchio sofferente “fronte immobile” della nostra storia…
© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata
Video della playlist
8057
5869
5768
5106
6654
8357
6234
8196
4866
Ultimi Video
23462
I piu' visti
0