Il decentramento del soggetto 3. Lo strutturalismo

Nelle strutture il posto del soggetto è sempre vuoto e anonimo, stabilito nella sua collocazione e determinato nei suoi caratteri da giochi di differenze e relazioni.

RIFERIMENTI DIDATTICI

Le quattro lezioni di questa unità intendono mostrare, in quattro aree diverse del sapere (filosofia, psicoanalisi, scienze umane e storiografia) uno stesso movimento di pensiero. Il soggetto moderno, modellato da Descartes secondo i caratteri dell’autotrasparenza e dotato della capacità di conoscere, ordinare e controllare l’intera realtà, vede contestati i suoi privilegi e negato il suo predominio. 

Lezione 1. Friedrich Nietzsche
L’uomo non è che una figura destinata a tramontare, un “cavo teso tra la bestia e il superuomo”.

Lezione 2. Sigmund Freud
La psicoanalisi infligge al narcisismo dell’uomo una umiliazione profonda: la sua parte più interiore, il suo Io, è costretto a sottostare a un “triplice servaggio”.

Lezione 3. Lo strutturalismo

Lezione 4. Fernand Braudel
Anche come agente storico il soggetto perde ogni privilegio. Esistono altri tempi e altre durate, che non permettono più al tempo umano di essere l’origine e il fulcro della storia.

UN LIBRO

CORSI ESTIVI