Cipólla

Vocabolario on line

cipólla s. f. [lat. tardo cepŭlla, dim. di cepa «cipolla»]. –

1.

a. Erba delle liliacee (Allium cepa), forse originaria dell’Asia occid., alta più di un metro, con foglie cilindriche, fitti fiori bianco-verdastri a ombrella sostenuti da lunghi peduncoli, e un bulbo globoso e depresso (che ha lo stesso nome) con squame esterne (tuniche) scariose, di colore rosso rame, e le interne carnose, bianche o violacee. Cipolla d’inverno o cipolletta, erba simile alla cipolla (Allium fistulosum), coltivata in molti paesi, spec. per le foglie che si usano come condimento.

b. Il bulbo di Allium cepa, di sapore e odore molto caratteristici, e ricco di proprietà medicinali, largamente adoperato nell’alimentazione, mangiato crudo o cotto variamente condito, e come condimento nella preparazione di sughi, soffritti, ecc.: una resta di cipolle; frittata, battuto, zuppa di cipolle; velo di cipolla, la squama più esterna del bulbo, molto sottile e quasi trasparente (anche in similitudini: sottile come un velo di cipolla).

c. Per estens., il bulbo di altre piante: la c. del giglio, del tulipano.

d. C. marina, sinon. di scilla.

2. Usi analogici:

a. La parte di base dei lumi a petrolio o a olio, di forma simile a una cipolla, dov’era contenuto il liquido e lo stoppino.

b. Palla schiacciata e bucherellata, in cima al collo dell’annaffiatoio.

c. scherz. Orologio da tasca, spec. quando è grosso e funziona male: che ora fa la tua cipolla?

d. tosc. Il ventriglio del pollo e degli altri animali da cortile.

e. pop. tosc. Escrescenza o nodo nel legno.

f. Mal della c., difetto del legname, sinon. di cipollatura.

3.

a. Cipolla, o pesce cipolla, pesce teleosteo dell’ordine percomorfi (Cepola rubescens).

b. C. di mare, mollusco bivalve (Anomia ephippium) della famiglia anomidi. ◆ Dim. cipollina (v.), cipollétta (v.); accr. cipollóne m. (v.); pegg. cipollàccia, e cipollàccio m. (anche nome comune del cipollaccio col fiocco.

Invia articolo Chiudi