BOTTEGA TRECCANI

PRESEPE D'ARTISTA

La Treccani presenta un’opera unica, creata da un artista di fama internazionale, Mimmo Paladino. L’immagine della Natività è uno dei temi più rappresentati nella storia dell’arte antica, moderna e contemporanea. Numerosi artisti si sono cimentati con questo soggetto in ogni tempo e luogo, sperimentando diverse tecniche e materiali, dalla pittura alla scultura, sino all’installazione ambientale.

Descrizione

L’opera è una sintesi sapiente e raffinata di elementi plastici, pittorici e cromatici. I diversi punti di azzurro e blu, dimensioni della notte e del trascendente, sono felicemente accostati a colori della terra, sostanziosi e sottostanti: il segno della materialità, dell’umanità, quasi di una innocente animalità di cui il presepio è sintesi ed espressione suggestiva e affascinante.

Le macchie di colore, spesso segmentate o ondulate, simboleggiano un ordine della dimensione umana, disciplinata, sottomessa dall’evento straordinario eppure sconvolta nella sua devozione, rapita e consapevole allo stesso tempo. L’asino e il bue sono su un piano quanto meno paritario a quello di un geometrico San Giuseppe, serio e controllato, e tutto ciò si sposa con dolcezza infinita alla commossa maternità di Maria e alla tenerezza persino divertente del Bambinello. La stalla è casa metafisica, la cometa è razionale bellezza, il quadro intero cattura e regala una intensa esperienza estetica.

L’iconografia del presepe, inoltre, si è diffusa in ogni parte del mondo con innumerevoli varianti. L’artista contemporaneo, dunque, si misura, con un tema difficile e complesso che è stato in grado di rielaborare con assoluta libertà interpretativa.

Il presepe (o presepio) è la rappresentazione plastica della nascita di Gesù. Il presepe, allestito nelle chiese, nelle case e più di recente anche nelle strade durante il periodo natalizio, riproduce con figure di materiali vari, in un'ambientazione ricostruita più o meno realisticamente, le scene della Natività e dell'Adorazione dei Magi.

 

LA PROPOSTA

Treccani presenta in questa occasione un oggetto realmente e totalmente fuori dall’ordinario, una sintesi tra la storia e la capacità di un Maestro e il patrimonio di una delle più antiche botteghe d'arte italiane.

 

UN BINOMIO SORPRENDENTE

Il Presepe d'artista firmato Treccani è un'opera di Mimmo Paladino, ammaliante nella sue facoltà comunicative, elegante nella capacità di sintetizzare elementi, impulsi, scuole differenti; caratteristica tipica del Maestro e prodotto di una ricerca instancabile, appassionata e particolarmente feconda; e al tempo stesso è un prodotto delle Ceramiche Gatti, sinonimo storico di espressività, prestigio, fascino. Una trasversalità non solo storica, un’esperienza continua, un carisma artigianale, visivo, intellettuale e spirituale.

 

ORIGINI ED EVOLUZIONE

Il presepe ha origine dalle sacre rappresentazioni che si tenevano nelle chiese in occasione del Natale, alle quali è probabilmente da collegare anche il presepe vivente ricostruito da S. Francesco a Greccio. Con la loro decadenza, dopo il sec. 14° nacquero i primi allestimenti plastici permanenti, spesso di grandi dimensioni, che tendevano a mantenerne lo spirito di realistica rievocazione; caratteristici i presepi lucani e pugliesi, ambientati su un monte. I francescani e i domenicani, e in seguito i gesuiti, diedero impulso alla diffusione del presepe in Italia e in tutta l'Europa centrale. Il più antico presepe italiano conservato, almeno in parte, è quello di Arnolfo di Cambio (1280 circa) in S. Maria Maggiore a Roma, dove dal sec. 7° si venerava la reliquia della culla di Gesù; seguono il presepe di P. e G. Alamanno (1478) in S. Giovanni a Carbonara a Napoli e, nel sec. 16°, il presepe di S. Bartolomeo a Scicli, in Sicilia, e quelli di G. Ferrari a Varallo e a Varese. Nel sec. 17° si diffusero i presepi mobili, allestiti anche nelle case, con composizioni sempre più complesse e ambientazioni dal vivo gusto realistico, raggiungendo nel sec. 18° il massimo sviluppo, specie in alcuni centri, come Napoli o Genova. All'episodio della Natività si aggiunsero scene e personaggi secondari, a sottolineare il contrasto tra la vita mondana e l'evento miracoloso, ma che divennero pretesto per virtuosistiche realizzazioni.

 

ARTISTI, CENTRI DI PRODUZIONE, MATERIALI

Diversi i materiali usati, come il legno, lo stucco, la terracotta, la cera, il cartone, caratteristici anche dei vari centri di produzione: l'Alto Adige, le Venezie e la Liguria si specializzarono nell'uso del legno, in cui erano spesso sagomate solo le teste e gli arti delle figure, poi rivestite da sarti specializzati; a Roma e Napoli le stesse parti erano plasmate in terracotta, che divenne poi il materiale più diffuso. In Sicilia vennero realizzati inoltre caratteristici presepi in rame e corallo. Per le varie parti della realizzazione, dalla minuscola suppellettile agli sfondi e agli scenari, intervennero artisti e artigiani specializzati; tra gli scultori si ricordano A. de Vivo, i Sammartino, i Bottiglieri, i Celebrano, i Vaccaro. Quasi mai si sono conservati presepi completi, soprattutto per quanto riguarda gli scenari originali, a causa del loro stesso carattere effimero. Ne restano in collezioni private e in alcuni musei pubblici: numerosi nel museo di S. Martino a Napoli, nella Reggia di Caserta, nella galleria di Palazzo Rosso a Genova.

Leggi tutto

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE

{url}
Design

PARMIGIANI FLEURIER TONDA CHRONO FLYBACK DISEGNATO PER TRECCANI. L’ELEGANZA CONIUGATA ALL’INNOVAZIONE

Un’orologeria all’avanguardia, versatile e tecnicamente avanzata, uno stile unico che coniuga eleganza e innovazione. L’orologio Tonda Chrono Flyback disegnato per Treccani è un tributo al talento visionario di Michel Parmigiani. Oro bianco e titanio per un’estetica dalle linee pure e raffinate, emblema visivo della Maison di alta orologeria Parmigiani   Questa linea di orologi prende il proprio nome dal termine veneziano “tondo”, la tela su cui gli artisti del Rinascimento dipingevano le loro opere d’arte. La purezza della sua forma rotonda, essenziale e armonica, offre lo spazio per la sperimentazione, esaltando la creatività degli artigiani della Maison senza rinunciare all’essenzialità delle linee, caratteristica del marchio Parmigiani.   Caratteristiche tecniche   Movimento Calibro: PF335 Carica: Automatica Dimensioni: 13 1/4’’’ - Ø 30.30 mm Spessore: 6.8 mm Riserva di carica: 50 Ore Componenti: 311 Rubini: 68 Funzioni Ore, minuti, piccoli secondi Data Cronografo Flyback Cassa Dimensione: Ø 41 mm Spessore: 12.77 mm Materiale: Cassa in titanio/Lunetta in oro bianco Impermeabilità: 30 m Vetro: Zaffiro con trattamento antiriflesso Fondello: Zaffiro Incisione sul fondello: «EDITION LIMITEE XX/50», «POUR TRECCANI» Quadrante Colore: Nero Indici: Applicati con finitura rodiata, rivestimento nero luminescente Finishing: Satinatura esterna, centro opalino, contatori con motivo a spirale. Lancette: Forma a delta con SuperLuminova Cinturino Hermès Materiale: Vitello martellato nero

{url}
Design

TUSQUETS PER TRECCANI

La Treccani, custode della cultura italiana, cerca ed esprime da sempre le nuove forme del sapere, per trasmettere antiche e nuove dimensioni della vicenda umana. Il progetto Bottega Treccani incarna tale impulso, selezionando progetti tangibili di grande prestigio. L’incontro con l’architetto, designer e pittore catalano Oscar Tusquets si cala in questa filosofia. L’Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani ha scelto il maestro Oscar Tusquets Blanca per reinterpretare l’immagine dell’Enciclopedia lavorando sulla parte esterna dei volumi e disegnando una libreria per accoglierli e valorizzarne la valenza estetica. Tale incarico ha permesso al maestro di portare avanti il desiderio di un progetto di libreria dove si vedano solamente i volumi, e in cui la struttura sia costituita dai libri stessi, che appaiono quasi sospesi in aria.   Caratteristiche estetiche dei nuovi volumi dell’Enciclopedia Il design della copertina mantiene i valori classici della simmetria, le lettere maiuscole, la stampa in oro a caldo. Lo sfondo utilizza un colore di pelle viola, luminoso e solenne a un tempo, mentre la scritta ITALIANA ha un corpo maggiore rispetto al termine ENCICLOPEDIA, per caratterizzarne l’identità. Il dorso semplifica la grafica, unendo in un’unica linea più spessa le più sottili linee precedenti e stilizzando il simbolo dell’aquila; per facilitare la ricerca del volume, il numero romano appare in alto e l’intervallo di lettere in basso. Sulle pagine di risguardo il maestro ha dipinto un labirinto, dove le lettere e i numeri sembrano alla ricerca del loro posto. L’immagine, dalla forte connotazione simbolica, esprime la quotidiana battaglia e il tradizionale sforzo del sapere contro l’...

{url}
Design

PARMIGIANI FLEURIER PER BOTTEGA TRECCANI. LA TRADIZIONE DELL’ECCELLENZA

Quello tra Treccani e una delle più prestigiose Maison di orologeria svizzera è un incontro naturale. Da una parte c’è il custode della cultura e della conoscenza in Italia, dall’altra l’immaginazione di un maestro artigiano famoso nel mondo: Michel Parmigiani, che ha iniziato il suo percorso nel 1976 creando un laboratorio dedicato al restauro. Il risultato è la creazione di due orologi di rara bellezza, proposti in tiratura limitata. Quando ero piccolo, mio padre mi diceva: “Se si impara a guardare, sarà l’arte stessa a rivelarsi”. L’arte ci circonda; è nella natura, nell’armonia delle sue proporzioni e nell’attenzione prestata a ogni dettaglio. Un mondo di meraviglie si svela a coloro che hanno imparato a guardare. - Michel Parmigiani -   TONDA 1950 Blue Stainess steel Movimento Calibro: PF701 Carica: automatica con Massa Oscillante in Platino Riserva di carica: 48 ore Frequenza: 3 Hz - 21'600 A/h Dimensione: 14 1/14’’’ - Ø 30 mm Spessore: 2,6 mm Componenti: 160 Rubini: 29 Bariletto/i: 1 Decorazione: “Cotes de Geneve” con ponti rifiniti a mano Funzioni Ore, minuti, piccoli secondi Cassa Forma: cassa rotonda realizzata in 3 parti Diametro: 39 mm Spessore: 8,2 mm Materiale: acciaio Finitura: lucida Impermeabilità: 30 m / 3 atm Vetro: zaffiro con trattamento anti-riflesso Fondello: zaffiro Incisione sul fondello: numero individuale, << EDITION LIMITEE 00/99>>, <<POUR TRECCANI>> Quadrante Colore: blu abyss Indici: stampati Lancette: forma a delta con superluminova Cinturino Alligatore Hermes blu con fibbia ardiglione in acciaio lucido TONDA 1950 Champagne Rose gold Movimento Calibro: PF701 Carica: automatica con Massa Oscillante in Platino Riserva di carica: 48 ore Frequenza: 3 Hz - 21'600 A/h Dimensione: 14 1/14’’’ - Ø ...

{url}
Design

VENINI PER TRECCANI - OMAGGIO A FULVIO BIANCONI

Creato dal genio artistico di Fulvio Bianconi il vaso è stato realizzato dalle mani esperte dei maestri vetrai della Fornace Venini seguendo fedelmente il progetto del noto designer italiano. Un'opera di gran pregio e di seduzione che profonde la sapienza della cultura vetraia italiana. Un mondo di colorate trasparenze, permeate di valori artistici. Come per tutte le innovazioni, il vaso omaggio a Fulvio Bianconi esplora le possibili estetiche del bello, dell'eleganza e dell'immaginazione attraverso il reciproco equilibrio tra forma e struttura, contenuti di un'esperienza unica sedimentati e diffusi, propagati dai molteplici preziosi riflessi. CARATTERISTICHE DEL VASO Formato del vaso: diametro 16 cm, altezza 40,5 cm. Corpo in vetro opalino nero, nella parte superiore cannette in vetro colorate in arancio, ametista, talpa, cristallo. Edizione limitata in 250 opere. Certificato con il nome del cliente. Elegante cofanetto nero con plastificazione opaca antigraffio e un interno rivestito di spugna fustellata custodisce l'opera. A ogni vaso, numerato, corrisponde il certificato di autenticità che attesta il prestigio e l’unicità dell’opera di Fulvio Bianconi.

Le nostre Sedi

0