LE OPERE

Matera

Continua la collaborazione tra l’Istituto della Enciclopedia Italiana e il maestro Aurelio Amendola, con un nuovo lavoro che propone le immagini più suggestive della città che tutto il mondo ci invidia, dal 1993 Patrimonio mondiale UNESCO.

Descrizione

Continua la collaborazione tra l’Istituto della Enciclopedia Italiana e il maestro Aurelio Amendola, con un nuovo lavoro che propone le immagini più suggestive della città che tutto il mondo ci invidia, dal 1993 Patrimonio mondiale UNESCO. Grazie al sapiente uso del bianco e nero, Amendola restituisce una visione originale e unica dei Sassi e dei capolavori architettonici di Matera. Il volume fa parte di una nuova collana, Ut pictura poësis, che mette in primo piano un fecondo intreccio tra il testo letterario e le arti figurative, tra immagini e parole. Oltre alle mirabili foto di Amendola, infatti, “Matera” contiene anche un testo del professor Giuseppe Lupo, dal titolo Le pietre sono diventate parole. Viaggio nel destino di una città, in cui il narratore sembra quasi dialogare con ogni singola immagine e ci aiuta a comprendere profondamente quello che le immagini possono solo suggerirci.

 

MATERA. Una storia di coraggio che parte da lontano.
Le origini di Matera risalgono al Paleolitico inferiore-medio, con il ritrovamento di oggetti che testimoniano la presenza di cacciatori. Più stabili gli insediamenti nel Neolitico, con tracce anche di villaggi trincerati, mentre per il primo nucleo urbano dobbiamo attendere l’Età dei Metalli: la Civita nasce sulla sponda destra della Gravina ed è stato il primo colle ad essere abitato e scavato. La presenza, nello stemma cittadino, della raffigurazione di un bue con in bocca tre spighe di grano, avvalorerebbe l’ipotesi dell’origine greca di Matera poiché tale rappresentazione si ritrova anche su alcune monete greche. Con un salto temporale molto ampio, arriviamo al XX secolo, in particolare ai tragici avvenimenti legati alla Seconda guerra mondiale: Matera è ricordata, infatti, come la prima città del Mezzogiorno d’Italia a ribellarsi, il 21 settembre del 1943, all’esercito nazista e ad essere insignita della Medaglia d’oro al valor civile.

 

CAPITALE EUROPEA 2019 DELLA CULTURA. E della meraviglia.

Il progetto di questo straordinario volume nasce non a caso nel 2019, anno speciale per Matera, per 12 mesi Capitale Europea della Cultura e mèta di visitatori da tutto il mondo alla scoperta di un luogo magico, unico nel suo genere, ma ancora sconosciuto ai più. È la prima volta che una città dell’Italia meridionale ottiene un riconoscimento così prestigioso e questo libro contribuisce a fissarlo nel tempo.

Edizione limitata 99 ESEMPLARI numerati e firmati da Aurelio Amendola con un saggio a cura del professor Giuseppe Lupo

 

Leggi tutto

dati tecnici

volumi in formato
cm 34x48
1
Copertina in tela con fotografia (offset) incassata
1 saggio
tiratura limitata e numerata in copie
99

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE

{url}
Arte

Campania

In Campania il racconto, che potrebbe sembrare un ‘racconto degli opposti’, vuole provare a mettere insieme due facce apparentemente incompatibili: la descrizione della nobiltà, della bellezza e dell’importanza di questa regione – la cosiddetta Campania felix – e la denuncia di una realtà tra le più complesse e problematiche del nostro Paese, in cui la disuguaglianza sociale e la criminalità organizzata toccano livelli tra i più alti in Europa. L’opera si articola in sei sezioni – La storia, Il mito, L’immagine, Uomini e territorio, Le arti, Le sfide – per un totale di 18 saggi redatti dai maggiori esperti dei diversi settori. Ogni saggio è corredato e sostanziato da un percorso iconografico, frutto del lavoro sinergico tra gli autori e la redazione dell’Istituto, in cui sono presenti diversi scatti inediti, in molti casi realizzati appositamente per il volume, fotografie d’autore e riproduzioni di opere spesso poco note. Il racconto del Maestro Roberto De Simone, che apre Campania, introduce e accompagna il lettore in un viaggio attraverso una delle regioni italiane più complesse e importanti di cui abbiamo cercato di restituire una rappresentazione il più autentica e approfondita possibile. Non sarà mai del tutto infelice chi può ritornare, col pensiero, a Napoli. (J.W. Goethe)   LE SEZIONI   LA STORIA L’identità storica della regione - Giovanni Muto La Campania antica - Fausto Zevi - Carmela Capaldi Rinascimento in Campania -Bianca de Divitiis   IL MITO Il mito classico della Campania - Arturo De Vivo Alle origini di un mito moderno: Pompei nel secolo della sua riscoperta - Paola D’Alconzo   L’IMMAGINE «La terra più bella del mondo». La Campania degli artisti, dal Grand Tour al verismo - Isabella Valente La ...

{url}
Arte

Quirinale Contemporaneo

IL QUIRINALE È A PIENO TITOLO LA CASA DEGLI ITALIANI Un progetto volto ad aggiornare l’immagine delle sedi istituzionali tramite l’inserimento di rilevanti espressioni del genio e dell’estro degli artisti italiani, dalla nascita della Repubblica ai nostri giorni: opere d’arte e oggetti di design che aggiungono un’importante testimonianza pubblica dell’eccellenza italiana in questo settore, mai affievolita. La creazione artistica è da sempre specchio del tempo e l’attenzione al dialogo con il mondo contemporaneo dell’arte e del design manifesta la vitalità delle istituzioni e la loro capacità di essere un punto di riferimento costante e attuale della nostra storia, nella quale passato e presente convivono senza flessioni e innervano il senso condiviso della nostra identità. Ringrazio quanti hanno reso possibile questa iniziativa – che nel tempo ha coinvolto anche le altre sedi della Presidenza della Repubblica ed è illustrata con grande efficacia nel presente volume – collaborandovi generosamente ciascuno nel proprio ambito e dimostrando spirito di servizio e senso di condivisione.   QUIRINALE CONTEMPORANEO È UN PROGETTO ARTICOLATO E SIGNIFICATIVO Con un sensibile cambiamento di paradigma, ha riportato il patrimonio architettonico e artistico della dotazione presidenziale nel gran flusso del tempo: oramai le sedi della Presidenza della Repubblica non sono più luoghi statici, ma dinamici, mutevoli e condizionati dal trascorrere delle stagioni dell’arte.   L’iniziativa Quirinale contemporaneo, alla quale è dedicato il bel catalogo edito da Treccani, evidenzia il significativo processo di rinnovamento e trasformazione del Palazzo del Quirinale e delle altre sedi della Presidenza della Repubblica, che si è andato sviluppando nel corso del ...

{url}
Arte

Lo Cunto de li Cunti

Questo volume, che la Treccani è orgogliosa di pubblicare nell’ambito della collana Ut pictura poësis , esprime idealmente tale incontro di culture nell’affidare la traduzione visiva di cinque fiabe di Giambattista Basile ad altrettanti artisti o gruppi di artisti di cinque diversi Paesi. Si tratta, nello specifico, di alcuni tra i massimi esponenti della scena artistica mondiale contemporanea: gli AES+F, Markus Lüpertz, Mimmo Paladino, Kiki Smith, Miquel Barceló, che, accettando di collaborare a questo progetto, hanno consentito di realizzare un’opera che non ha uguali né precedenti nella storia dell’editoria italiana [...]  Le straordinarie illustrazioni inedite realizzate per quest'opera accompagnano un ricchissimo apparato testuale, che affianca alla trascrizione critica del testo napoletano delle cinque fiabe – curata da Francesco Ursini sulla base dell’ editio princeps del Cunto – una nuova versione italiana di Roberto De Simone, il più importante interprete vivente della poetica di Basile, e la traduzione nelle lingue dei Paesi di provenienza degli artisti [...] Il volume comprende inoltre, come tutti i libri d’arte pubblicati dalla Treccani, alcuni saggi tesi a contestualizzare l’opera e a delinearne le vicende della fortuna: Roberto De Simone ( Basile: un romanzo storico biografic o) racconta con scrittura originalissima la vita di Basile, aprendo alla fine uno scorcio sulle interpretazioni antropologiche del Cunto ; Angela Albanese ( La fortuna del Cunto de li Cunti nella cultura italiana ed europea ) passa in rassegna, in un saggio ricco e documentato, le traduzioni, le riscritture e le riprese nelle diverse forme artistiche della raccolta di Basile, in Italia e nei vari Paesi europei; Francesca Rimini ( Storie in filigrana. Basile nello ...

{url}
Arte

Gianni Berengo Gardin

Gianni Berengo Gardin è sempre in prima linea nel raccontare “quel che doveva essere cambiato, quel che doveva essere celebrato”, come insegnava il grande fotografo sociale e socialista Lewis Hine, storico ritrattista del proletariato americano. La macchina di Berengo Gardin, invece, ha scrutato soprattutto l’Italia: il mondo del lavoro, la sua fisionomia e le sue trasformazioni. E ha registrato tutto come farebbe un sismografo. Così come ha fatto con la condizione della donna, al Nord come al Sud, intercettando le rinunce, le aspettative e il processo di emancipazione. Ma ha raggiunto anche il “mondo a parte” degli emarginati, degli zingari, dei malati di mente, a cui ha dedicato molto tempo, molto amore e molti libri. “Quando fotografo – ha detto – amo spostarmi, muovermi. Non dico danzare come faceva Cartier-Bresson, ma insomma cerco anch’io di non essere molto visibile. Se devo raccontare una storia, cerco sempre di partire dall’esterno: mostrare dov’è e com’è fatto un paese, entrare nelle strade, poi nei negozi, nelle case e fotografare gli oggetti. Il filo è quello; si tratta di un percorso logico, normale, buono per scoprire un villaggio, ma anche una città, una nazione. Buono per conoscere l’uomo”. Questo libro, dunque, vuole ripercorrere la lunga carriera di un uomo che non ha mai rinunciato a essere un testimone. Vuole mostrare i suoi principali reportage, e offrire nuove chiavi di lettura per comprendere il suo lavoro e, attraverso questo, il ruolo di visione consapevole della realtà che una “vera fotografia” può offrire. Dalle prime immagini della Venezia degli anni Cinquanta (la sua città) fino alle più recenti dedicate alle grandi navi che s’impongono nella Laguna, il percorso è insieme tematico e filologico. E dal momento che il corpus delle opere di ...

Le nostre Sedi