LE OPERE

Il Teatro di Seneca

L’opera che ha influenzato per secoli il teatro europeo, lasciando tracce evidenti in Shakespeare e in Racine, e che grandi registi contemporanei (da Artaud a Peter Brook a Ronconi) hanno messo in scena, si offre ai lettori in un prezioso manoscritto trecentesco miniato dal “maestro del Seneca dei Girolamini”, tra i più rappresentativi e abili miniatori dell’età angioina.

Descrizione

L’opera che ha influenzato per secoli il teatro europeo, lasciando tracce evidenti in Shakespeare e in Racine, e che grandi registi contemporanei (da Artaud a Peter Brook a Ronconi) hanno messo in scena, si offre ai lettori in un prezioso manoscritto trecentesco miniato dal “maestro del Seneca dei Girolamini”, tra i più rappresentativi e abili miniatori dell’età angioina.
Il manoscritto è tra i più preziosi volumi contenuti nella splendida Biblioteca Oratoriana dei Girolamini, la più antica biblioteca napoletana (1586), allocata nello strepitoso complesso monumentale che i padri filippini fecero edificare a Napoli.

UN ECCEZIONALE IMPATTO VISIVO

Sfogliando le pagine del manoscritto, osservando le miniature tabellari disposte lungo i margini, il lettore resta abbagliato dalla luminosità dell’oro, catturato dal fascino dei fondali azzurri, e incantato dalla ricercatezza degli ornamenti e dei fregi.
Un eccezionale impatto visivo ed emotivo suscitano nel lettore alcuni miti che Seneca ricorda nelle sue tragedie e che il miniatore raffigura accuratamente, come la discesa di Ercole nell’Ade e la cattura di Cerbero, o come la struggente storia di Orfeo ed Euridice.

Leggi tutto

dati tecnici

Volume formato mm. 310x225
Tiratura copie
299
Carta pergamenata
Fregi e incisioni in oro
Rilegato a mano in piena pelle

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE

{url}
Tesori svelati

Il facsimile del manoscritto Holkham misc. 48

Capolavoro unico fra i codici della Commedia illustrati nel XIV secolo, è corredato da 147 disegni acquerellati che scorrono al fondo delle pagine descrivendo il racconto del viaggio dantesco nell’oltremondo. Questo importante manoscritto della Commedia di Dante Alighieri testimonia la brama che i membri dell’aristocrazia inglese nutrivano per i tesori dell’Italia di epoca classica e rinascimentale, come dimostrato nel Grand Tour, il viaggio attraverso l’Europa continentale e, in particolare, l’Italia che perfezionava l’educazione di molti giovani dei ceti più abbienti. Uno di questi viaggiatori fu Thomas Coke (1697-1759), futuro conte di Leicester, e la Commedia fu uno dei manoscritti che egli acquistò sotto la guida del suo precettore, Thomas Hobart.   Caratteristiche dell'opera Riproduzione in facsimile del manoscritto Holkham misc. 48 (già Holkham Hall, ms. 514), conservato presso la Bodleian Library di Oxford e databile alla metà/terzo quarto del XIV secolo circa, contenente la Commedia di Dante Alighieri. Un volume di 154 carte di formato 35,5×23,5 cm, corredato da 147 disegni acquerellati. Stampato con retino stocastico a cinque colori più oro e argento su carta Pergamenata Stucco delle Cartiere Fedrigoni. I risguardi sono stampati a quattro colori su carta Ingres delle Cartiere Fabriano. La legatura è in pelle primo fiore di colore verde con nervi. Impressioni a caldo e bassorilievo sul piatto e sul dorso. Sul piatto anteriore è presente, al centro, lo stemma dorato di Thomas Coke, conte di Leicester, che riproduce fedelmente la copertina del codice. La tiratura è di 399 esemplari numerati a mano da 1 a 399. Il commentario si compone di oltre 190 pagine con 33 tavole a colori. Il facsimile e il commentario sono custoditi ...

{url}
Tesori svelati

I Vangeli della Laurenziana

Quello che presentiamo in questo facsimile è un magnifico codice conservato nella Biblioteca Medicea Laurenziana con la segnatura Plut. 6.23: si tratta di un evangelario dell’XI-XII secolo, corredato da un sistematico apparato illustrativo. I 237 fogli contengono, infatti, 285 illustrazioni che accompagnano la narrazione evangelica, facendo sì che al testo scritto si alternino costantemente le immagini tese ad illustrarlo; ciascuno dei quattro Vangeli è inoltre preceduto da una splendida raffigurazione a piena pagina, su fondo oro, del rispettivo evangelista. Una guida preziosa alla lettura e all’interpretazione di ogni singola miniatura presente nel manoscritto è offerta proprio dal saggio della studiosa: un contributo ampio e completo che, oltre ad affrontare tutte le questioni poste dal codice – dalla datazione alla provenienza geografica, dai tratti caratterizzanti dell’apparato illustrativo al rapporto tra il testo e le immagini, senza escludere le preziosissime informazioni che si possono ricavare sull’evoluzione degli schemi e dei cicli iconografici nella pratica artistica del tempo –, presenta poi, appunto, una ad una le miniature, consentendo anche a un lettore che dovesse essere del tutto ignaro delle convenzioni figurative medievali di seguire il racconto per immagini che si svolge in parallelo a quello testuale, e apprezzare così in tutti i suoi aspetti questo straordinario manufatto librario.   Il Codice Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, Plut. 6.23 Membranaceo; sec. XI ex.-XII in.; cc. I + 212 + I’; bianche le cc. 4r, 100r, 167r; numerazione in cifre arabe. Il codice è costituito da 28 fascicoli numerati nel margine inferiore vicino al bordo esterno del primo foglio; più tardi sul primo e ultimo foglio di ogni fascicolo fu ...

{url}
Tesori svelati

Il Dante svelato dei Girolamini

Il Dante svelato dei Girolamini è un’opera con la quale Treccani intende rivelare, appunto, ai lettori uno dei manoscritti più riccamente decorati della Commedia . Il cosiddetto codice Filippino è, inoltre, fra i più notevoli esemplari della tradizione partenopea – e in generale meridionale – della grande opera di Dante. Come ben illustrato da Andrea Mazzucchi, curatore del Commentario, la Commedia ebbe infatti indubbia fortuna non solo in Toscana, ma anche nell’Italia del Sud. Ciò è dimostrato da quella che viene definita un’«amalgama» tosco-napoletana, di stampo linguistico e culturale, che si era formata a Napoli soprattutto in età angioina e che è documentata dai numerosi manoscritti e, dunque, da copisti, illustratori, commentatori e studiosi del Poema dantesco, che contribuirono a far crescere l’interesse per Dante e la sua Opera. Massimo Bray Direttore generale dell’Istituto della Enciclopedia Italiana    LE CARATTERISTICHE Volume di formato cm 19,5 x 28. Stampa dell’interno a 4 colori su carta pergamenata Stucco da gr. 190 delle Cartiere Fedrigoni. Stampa delle pagine di guardia a 4 colori su carta di pregio. La tiratura è di 999 esemplari numerati a mano da 1 a 999 più 13 esemplari non venali fuori numerazione. Legatura con copertina in materiale coagulato, stampato a caldo, con impressioni in oro a caldo sul piatto e sul dorso. Sfrangiatura manuale del blocco libro. Un prezioso Commentario, curato da Andrea Mazzucchi, illustra la storia e le caratteristiche del manoscritto. Il facsimile e il relativo Commentario sono inseriti in un elegante cofanetto, rivestito con lo stesso materiale coaugulato utilizzato per la legatura del facsimile e creato appositamente per contenere i volumi.  

{url}
Tesori svelati

Le Storie di San Francesco d'Assisi

La collana «Tesori svelati», dopo i successi di Decameron, Romanzo d’Alessandro e Notitia Dignitatum, si arricchisce di un nuovo gioiello:il facsimile del codice 55.K.2 (Rossi 17) delle Storie di San Francesco d'Assisi, risalente alla metà del XIV secolo, prontuario per la predicazione di probabile origine dominicana corredato da un Commentario, teso a fornire al lettore gli strumenti necessari per comprendere l’opera sia dal punto di vista filologico, sia da quello artistico.   il codice, anonimo, fu composto fra gli anni 1330 e il 1340, e ampiamente copiato. Nello specifico, il manoscritto corsiniano che contiene l'opera in oggetto è dotato di tre capitoli aggiuntivi, la Passione di Cristo, le Sette Tristezze e le Sette Gioie di Maria.     LE CARATTERISTICHE Riproduzione in fac-simile del codice 55.K.2 (Rossi 17) della Biblioteca dell'Accademia Nazionale dei Lincei e Corsiniana di Roma. Volume di 96 carte I + 46 + I di formato 325 x 235 mm. 277 miniature, di cui 178 illustrano il testo dello Speculum Humanae salvationis e 49 si riferiscono a episodi della vita di San Francesco. Riproduzione Facsimilare delle dorature presenti nel codice con oro e argento in pasta, oro in polvere e oro in lamina. Stampa stocastica con inchiotri speciali ad alta pigmentazione. Legatura realizzata interamente a mano in pelle. Capitello in seta cucito a mano. Tiratura limitata di 399 esemplari numerati per la diffusione mondiale. Commentario con Saggi di Anna Candida Felici, Chiara Frugoni, Nicoletta Giovè, Marco Guado, Francesca Manzari e Michela Perino. Il commentario è di 200 pagine e contiene delle tavole fuori testo che mettono a confronto il codice con altri manoscritti. Tutte le lavorazioni del facsimile sono eseguite da botteghe e maestranze italiane ...

Le nostre Sedi

0